A+ A A-
Corrado Franceschini

Corrado Franceschini

Oltre 50 anni di età e più di 35 anni di ascolti musicali.

URL del sito web: http://it-it.facebook.com/people/Corrado-Franceschini/100000158003912 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Daniele Liverani: disponibile il nuovo album

Lunedì, 14 Ottobre 2019 19:54 Pubblicato in News

Riceviamo e pubblichiamo.

Il polistrumentista Daniele Liverani (GENIUS ROCK OPERA, ex EMPTY TREMOR, KHYMERA, TWINSPIRITS, COSMICS, PRIME SUSPECT) 
ha pubblicato il 9/10/2019 il suo nuovo concept album strumentale/orchestrale intitolato “Worlds apart”.
 
“Worlds apart” e' il suo quinto album strumentale, successore di “Fantasia” (SG records 2014).
Il disco e' distribuito tramite LANDR esclusivamente per il mercato digitale (Spotify, iTunes, Apple Music, Google Play,
Amazon music, Deezer, Tidal e molti altri), ma e' comunque disponibile un CD artwork ufficiale in formato PDF 
per chi, dopo l'acquisto digitale, volesse stamparne una copia fisica per la propria collezione privata al seguente link:
http://www.danieleliverani.com/DanieleLiverani-WorldsApart-CDArtwork.zip
 
L'album comprende 9 brani in stile heavy progressive guitar oriented, 3 brani orchestrali e una live performance violinistica.
 
Nella lineup della parte heavy prog dell'album troviamo alle batterie Simon Ciccotti (Ex DE LA MUERTE, 
drummer per il RUSSEL ALLEN’s Metal For Autism Tour 2017, TURBOLENCE, PAREIDOLIA).
Il resto degli strumenti e' stato registrato da Daniele.
In tre brani hanno duettato con Daniele interessanti e promettenti esponenti della nuova generazione chitarristica: 
Alberto Barsi (BACKFIRE, Vincitore del concorso Guitar X-Perience 2019, categoria compositori, con il brano "The Showdown"; con gia'
all'attivo un album solista intitolato "A Matter Of Priority").
Edoardo Taddei (AETERNUM, METALLARI ANIMATI, Vincitore del concorso Guitar X-Perience 2018, categoria interpreti, con il brano 
"Perpetual Burn" di Jason Becker).
Jordan Steele (Chitarrista di origine statunitense (Alabama) con gia' all'attivo numerose collaborazioni).
 
Nella parte orchestrale dell'album troviamo la Sinfonia n.1 in RE minore Op.7 "A Walk With the Giants", composta da Daniele 
a partire dal 2014, suddivisa in tre movimenti.
Alla registrazione di questa sinfonia hanno partecipato rinomati solisti orchestrali provenienti da tutto il mondo:
Andrew Steffen (violino e viola) (Iowa/USA)
Andrew Stern (Violoncello) (Wisconsin/USA)
John Hall (Contrabbasso) (Georgia/USA)
Christy Kim (Flauto) (California/USA)
Lauren Urban (Oboe, corno inglese) (Inghilterra)
Liam Kinson(Clarinetto, clarinetto basso) (Australia)
Eric Heidbreder (Fagotto) (Illinois/USA)
Robert Franken (Controfagotto) (California/USA)
Cameron Lee Keenan (Controfagotto) (Indiana/USA)
Marc Papeghin (Corno e tromba) (Francia)
 
Nell'album e' presente inoltre una registrazione live del capriccio n.16 Op.14 per violino intitolato "The love rose"
eseguito di recente a Bebrene, Lettonia, dalla violinista Karlīna Īvāne.
Tale capriccio fa parte della collezione di 30 capricci per violino intitolata "Rainbow Petals" composta da Daniele nel 2017.
 
La track list definitiva dell'album:
1-The Race Is On
2-Keep Your Distance
3-Perfect Evening
4-A Kingdom Without Thorns (Primo movimento della sinfonia n.1 in RE minore Op.7)
5-Scratchy
6-Open Sesame (Include un drum solo di Simon Ciccotti)
7-Abnormal (In duo con Alberto Barsi)
8-Magic Encounters (Secondo movimento della sinfonia n.1 in RE minore Op.7)
9-Comfortably
10-Meatball Struggle (In duo con Jordan Steele)
11-Everything Ends (In duo con Edoardo Taddei)
12-The Love Rose (Eseguito da karlīna īvāne / Registrazione live)
13-A Walk With the Giants (Terzo movimento della sinfonia n.1 in RE minore Op.7)
 
Trailer ufficiale con presentazione di tutti i guests:
https://www.youtube.com/watch?v=5fMnW1E1DAE
 
"Worlds apart" negli stores digitali:
https://open.spotify.com/album/6W0F0f85gfpmGXmWbiHc8q
https://www.amazon.it/Worlds-Apart-Daniele-Liverani/dp/B07YY4RJDT
https://play.google.com/store/music/album/Daniele_Liverani_Worlds_Apart?id=Bbbbvehz25qnwokapmco2bqlvay
http://www.deezer.com/album/114341512
http://www.tidal.com/album/119843696
 
Links vari:
http://www.danieleliverani.com
https://www.facebook.com/Liverani.Guitar.Music.Page/
https://www.facebook.com/Liverani.Orchestral.Music.Page
http://www.youtube.com/dliverani

Old Bridge: le nuove date dal vivo

Lunedì, 14 Ottobre 2019 19:23 Pubblicato in News

Riceviamo e pubblichiamo.

La metal band fiorentina Old Bridge comunica le prossime date dal vivo:


* 9 novembre 2019, sabato
Genova - L'Angelo Azzurro
Tenebrae + Old Bridge


* 7 dicembre 2019, sabato
San Marino - 24 Club
Chtulhu Fest II


* 11 gennaio 2020, sabato
Firenze - Circus Club
Bless the Hell Release Party
Old Bridge + No Remorse + Hellblade + The Wolf Sings


* 1 febbraio 2020, sabato
Prato - Il Contro
Scala Mercalli + Old Bridge + Slugchop


* 13 marzo 2020, venerdì
Milano - Barrio's Live
Old Bridge + La Stanza delle Maschere + Special Guests


* Giugno 2020
Junihell IV edizione

https://www.facebook.com/OldBridgeOfficial/

 

 

 

 

Anche se Reggio Emilia, la città dove vivo, è avida di concerti e posti dove si suona, basta spostarsi di pochi chilometri e le occasioni per ascoltare musica non mancano.  Il 21-09-2019 era in programma il release Party per il nuovo disco della band Snei Ap al Fuori Orario di Taneto di Gattattico  e il vostro cronista, per l’occasione, ha pensato bene di fare sia il live report dell’evento che un’intervista per La radio di F.V.I.M.I. Ore 19 partenza da Reggio e arrivo al locale di Taneto per le 19,45. Breve trafila per entrare (grazie a Emiliano, Stefano e Alle dell’organizzazione) e sono dentro. Un breve saluto a Adil, chitarrista di Snei Ap, e cerco Sonia, la batterista, per organizzare l’intervista. Sul palco sta provando Danny Metal, cantante che con la sua band propone cover riarrangiate sia di artisti italiani che di cartoons e sia di Metal vero e proprio.

 

Snei Ap proveranno subito dopo così l’intervista slitta ma non importa: sono abituato a seguire in toto i concerti e i relativi soundcheck e, sorseggiando una birra, il tempo passa veloce. Proprio durante il soundceck si evidenziano alcuni problemi e il tempo per risolverli è poco ma non fa niente: si va avanti a testa bassa. Finite le prove arriva il momento dell’intervista e ringrazio Sonia per la cordialità e la disponibilità (ma anche per avere ritardato il “rito” dei tortellini). Durante le prove si era evidenziata una differenza tra il suono di Danny, decisamente potente, e quello di Snei Ap più “compresso” e poco propenso ad uscire dagli amplificatori della sala in maniera adeguata. Il luogo del concerto, ancora semideserto, si anima di presenze più o meno “inquietanti”.

Oltre a una Samara che vaga scalza tra gli astanti ciondolando, compaiono gli Ordallegri: una sorta di artisti circensi o, se preferite, di teatro di strada, che con la loro presenza animeranno il concerto (sono gli stessi che potete vedere nel clip di “Escape” n.d.a.). Dopo avere messo in ordine alcuni appunti nei vagoni del treno presente nel Fuori Orario arriva l’ora del concerto. Lo show inizia con Vale (bs) e Sonia, seminascosta, vestite con camicioni bianchi da evase da una struttura psichiatrica: un richiamo a quello che è il “problematic” alternative Rock, e metal del quartetto. Sin dall’opener “Escape” è chiaro che gli strumenti sono ben bilanciati ma il suono rimane compresso come nelle prove. Scorrono i pezzi “Breakdown” e “Fuck Off M8” e ciò che emerge è la voce potente e “negroide” di Angie Prati.

Vale e Sonia, con problemi di staffa nel drum set, si danno da fare a dovere mentre Adil, l’unico maschio, scorazza un poco “indisciplinatamente” con i suoi soli. Se i primi tre brani mi sono sembrati abbastanza uniformi come struttura fra loro: per questo consiglio a Snei Ap di non metterli in fila in scaletta, con “E.L.I.S.” lo show prende quota. La voce di Angie si “apre” di più grazie anche alla struttura cadenzata del pezzo, e tutto il gruppo è più compatto. Si prosegue con l’Hard Rock in cadenza di “Different Life”: un pezzo da fare battere il piede a tempo.

E’ il momento di “I Wanna Be A Millionaire”: In questo pezzo emerge tutta lo spiegamento di voce di Angie che, si sente, è stata la cantante delle Diamond Beast, tributo femminile agli Iron Maiden. Il gruppo è perfettamente a proprio agio nel suonare le ritmiche serrate del pezzo e lo show è coinvolgente. “You Without Me” arriva con la pesantezza di un macigno e le influenze dell’alternative Metal si sentono tutte, assieme ad un’ apertura più melodica.  Il gruppo, trascinato da un basso pulsante e una batteria che vanno d’accordo alla grande, ha preso padronanza del palco definitivamente.

I componenti indossano delle magliette con la scritta del titolo a colori diversi, ed è così che viene presentato “Io Sono Un Problema”: secondo singolo tratto da "Escape". In questo caso Snei Ap hanno seguito una strada diversa da quella segnata fino a ora e si lanciano in un testo in italiano con parole “rappate” e un ritmo saltellante  che, comunque, ha alla base il Rock. Siamo giunti alla fine e l’impressione che ho ricavato da questo concerto è stata che, forse stressate/i dalla lunga attesa, oppure dall’“ansia da prestazione”, Snei Ap non hanno potuto rendere al 100% e portare per intero quello che è il loro messaggio al pubblico. A riprova di ciò vi dico che una settimana dopo, in altro ambito, ho rivisto la band in azione e lo show mi è sembrato decisamente più “cazzuto”. A seguire c’è stato lo show di Danny Metal che ha visto un folto pubblico partecipare e divertirsi a suon di cover. Ho seguito il concerto fino alla parte dei cartoon giapponesi che non amo particolarmente ma, molto onestamente, devo dire che sentire le cover di “Baila”, “Geordie” e “Sere Nere”, mi ha fatto capire che la musica si può adattare, e bene, a qualsiasi ritmo alla faccia dei “duri e puri”: basta solo accantonare il paraocchi. Al di là di tutto, e non mi stancherò mai di dirlo, gruppi come Snei Ap che vanno in giro da nove anni, meritano il vostro sostegno per la grinta e la voglia che mettono nel suonare fosse anche solo per pochi intimi.

Scala Mercalli - Il nuovo video "The 1000 (Calatafimi Battle)"

Mercoledì, 09 Ottobre 2019 10:59 Pubblicato in News

Comunicato stampa

La band Scala Mercalli ha fatto uscire il 2 ottobre, in occasione dell’anniversario della fine della spedizione dei mille ,
il nuovo video “The 1000” (Calatafimi Battle) tratto da ll'album "Independence " uscito per Alpha Omega Records a gennaio 2015.
Dedicato alla prima e più difficile battaglia avvenuta il 15 Maggio 1860 ,che diede inizio a tutta la spedizione,
intenta a liberare il sud della penisola dall’oppressione borbonico/austriaca.
Qui 1089 volontari garibaldini insieme a circa 300 insorti siciliani sconfissero per la prima volta
l’esercito borbonico/austriaco formato circa 2000 soldati meglio equipaggiati ed armati.


La band:  Vogliamo dedicare questo brano a tutti i siciliani e ai volontari venuti dalle restanti regioni
della penisola che  lottarono e morirono insieme per il sogno di un Italia libera e unita.
Un esempio di unità che crediamo sia utile ancora oggi ricordare.

Link Video: https://www.youtube.com/watch?v=i0JJKCUydMQ

 

releases

Damnation Gallery: l'inferno può attendere.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Synthetic: un mix di varie sonorità che potrebbe colpire più di qualche ascoltatore!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un "Best of" per ripercorrere la carriera di Mark Boals con le sue band
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con questo quarto album i Marche Funèbre mostrano una crescita esponenziale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un altro ritorno a lungo atteso con gli olandesi Arsebreed
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debut album non propriamente per tutti quello dei Greybeard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un po' troppi generi e sottogeneri convivono nel sound del debut album degli Aal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ai Memoremains serve una chitarra più protagonista
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prodotti del genere lasciano il tempo che trovano: tornano i Tension Rising!
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nyxem propongono un album interamente realizzato con sintetizzatori e suoni campionati
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Winter Nights: Un melodic death poco melodic e tanto death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla