A+ A A-
Daniele Ogre

Daniele Ogre

URL del sito web: Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Durante la 'All Star Jam' al Progpower USA Festival del 2007, l’attuale cantante dei NIGHTWISH Floor Jansen e il chitarrista dei PAGAN'S MIND Jørn Viggo Lofstad hanno spontaneamente unito le loro forze sul palco per interpretare alcune cover; immediatamente si sono accorti della magia creativa tra di loro. Benché i due musicisti non si fossero mai incontrati prima, hanno presto scoperto il loro comune amore per l’hard rock e hanno deciso di scrivere delle canzoni assieme. Nel 2008, conoscendosi appena, hanno composto un intero album. A causa dei rispettivi impegni professionali, il loro progetto NORTHWARD non ha mai potuto vedere la luce del sole… almeno fino ad oggi!  

Nel 2017, anno di pausa per i NIGHTWISH, Floor ha contattato il suo vecchio amico Jørn Viggo, per vedere se fosse interessato a resuscitare i NORTHWARD. "Jørn Viggo ha risposto in maniera positiva e abbiamo iniziato a pianificare il tutto. Ci siamo incontrati lo scorso marzo in Svezia e abbiamo rimesso mano al materiale per vedere se fossimo ancora soddisfatti del risultato", ricorda Floor Jansen.

Ben lontano da qualsiasi confine di genere, il suono dei NORTHWARD è potente, euforico e vicino alla tradizione di SKUNK ANANSIE, FOO FIGHTERS e ALTER BRIDGE, ma anche di band più vecchie come DEEP PURPLE e LED ZEPPELIN. È musica che va dritta al punto ed è senza compromessi.

Con l’aiuto del produttore Jacob Hansen (VOLBEAT etc.) e liberi dalle influenze musicali delle rispettive band, hanno forgiato un raro diamante composto da riff pesanti e dalla voce inconfondibile di Floor. Benché le canzoni siano state scritte nel 2008, suonano fresche e vitali ancora oggi. “La musica è melodica, ma anche in your face e cazzuta. Bei riff, buone melodie, arrangiamenti eleganti. Ci piace definirla semplicemente ‘buona musica’”, ha commentato la cantante. “Abbiamo voluto esplorare il suono rock basilare con batteria, basso, chitarra e voce, senza strati di tastiere, cori, ecc.”.

Floor Jansen e Jørn Viggo Lofstad, sono accompagnati da Morty Black (TNT) al basso, mentre la batteria è stata suonata da Django Nilsen e Stian Kristoffersen (PAGAN'S MIND). Ci sono anche la sorella di Floor, Irene Jansen, che duetta su ‘Drifting Islands’ e Ronny Tegner dei PAGAN'S MIND che ha suonato il piano in un brano. 

Quest’anno i NORTHWARD pubblicheranno l’album di debutto su Nuclear Blast. Floor Jansen dichiara: "Siamo felici ed eccitati all’idea di pubblicare questo disco rock su Nuclear Blast. Hanno accettato la sfida di presentare al mondo questo album non metal, credendo in noi come musicisti e per amore della buona musica. Abbiamo messo cuore e anima in questo disco. Ne siamo molto orgogliosi e non vediamo l’ora di farvelo ascoltare!”.  

https://www.facebook.com/Northwardofficialpage
http://www.nuclearblast.de/northward

AMORPHIS: svelano i dettagli del nuovo album

Giovedì, 22 Febbraio 2018 11:21 Pubblicato in News

Gli AMORPHIS hanno finalmente concluso le registrazioni del loro prossimo album in studio, intitolato “Queen Of Time”. Il disco verrà pubblicato il 18 maggio da Nuclear Blast. Rispetto al suo predecessore “Under The Red Cloud” (2015), questo lavoro vede l’inserimento di flauti, strumenti a corda, arrangiamenti orchestrali e persino un coro. Inoltre per la prima volta sarà possibile ascoltare l’autore dei testi, Pekka Kainulainenon, che contribuisce al disco con un discorso in finlandese!

Oggi la band svela altri dettagli sulla produzione, sul titolo, sulla copertina e sul ritorno del nuovo/vecchio bassista Olli-Pekka Laine.

Ancora una volta l’album è stato prodotto dal celebre Jens Bogren (OPETH, AMON AMARTH, KREATOR, e altri), ben conosciuto per la sua capacità di sfidare e motivare gli artisti durante il processo di registrazione. Egli non ha di certo paura di far sì che i musicisti oltrepassino i propri limiti!

Esa commenta: "Ritengo che ‘Queen Of Time’ abbia rappresentato una grossa sorpresa anche per noi. Durante le prove e la pre-produzione non avevamo idea che Jens avesse già in testa il quadro generale. È una naturale continuazione di ‘Under The Red Cloud’, ma con gli steroidi. Le canzoni sono più aggressive, ma al tempo stesso sono presenti più parti dinamiche, armonie e arrangiamenti orchestrali. Il risultato sono gli AMORPHIS come non li avete mai ascoltati prima! Essenzialmente lavorare con Jens è stato eccellente. Come persona è molto simile a noi: abbiamo il medesimo strano senso dell’umorismo e non ci spaventa lavorare duramente”.

L’artwork, che è stato realizzato ancora una volta dall’artista francese Jean ”Valnoir” Simoulin - Metastazis, cattura perfettamente il feeling dei testi e della musica. Attraverso le parole dell’autore dei testi Pekka Kainulainen, il tema lirico è universale: “Le culture nascono, si sviluppano e vengono distrutte. La storia dell’uomo consiste nel ricercare, trovare e dimenticare. Una singola scintilla può incendiare il mondo, una singola idea può far nascere una cultura. Il più grande può stagnare nell’insignificanza, il più piccolo può possedere il potere del cambiamento. I testi dell’album sono echi distanti di antichi popoli delle foreste, appartenenti a un’epoca in cui il senso delle cose era proporzionato all’energia cosmica che governa la nascita e la morte. Se si perdeva il legame, cercavano un filo di conoscenza, trovavano una nuova direzione e rinasceva una nuova era”.

“Queen Of Time” vede inoltre il ritorno del vecchio/nuovo bassista Olli-Pekka 'Oppu' Laine, che sostituisce Niclas Etelävuori, uscito dal gruppo nel 2017. Oppu è uno dei membri che fondarono la band nel 1990 e ha registrato sette dischi con gli AMORPHIS (“The Karelian Isthmus” LP, 1992; “Privilege Of Evil” EP, 1993; “Tales From The Thousand Lakes” LP, 1994; “Black Winter Day” EP, 1995; “Elegy” LP, 1996; “My Kantele” EP, 1997 e “Tuonela” LP, 1999), prima di separarsi dal gruppo nel 2000.

"A essere onesti 'Oppu' era l’unico che avremmo immaginato negli AMORPHIS. È stato divertente: quando abbiamo suonato i primi concerti assieme la scorsa estate c’era un clima davvero familiare. È stato coinvolto negli arrangiamenti delle canzoni e ha anche portato in tavola delle ottime idee!”, racconta Esa. Oppu aggiunge: "Lo scorso anno con gli AMORPHIS è stato eccitante, nostalgico e divertente, ma al tempo stesso è stato anche confortevole essere di nuovo coi ragazzi. Sarà un cliché, ma è stato come tornare a casa dopo una lunga odissea. Dopo diciotto anni sembra di ripartire da dove avevamo lasciato. Non vedo l’ora di andare in tour. Il nuovo album è davvero solido, la cosa più difficile sarà scegliere le canzoni da suonare dal vivo. Nei prossimi anni vi regaleremo dei concerti killer! Inoltre prevedo una lunga e florida carriera per la band nella formazione attuale”.

Presto la band presenterà il nuovo singolo e saranno lanciati i pre-ordini!

http://www.amorphis.net
https://www.facebook.com/amorphis
http://www.nuclearblast.de/amorphis

Memoriam: pubblicato il terzo trailer

Mercoledì, 21 Febbraio 2018 19:25 Pubblicato in News

I deathsters britannici Memoriam hanno pubblicato il terzo trailer del nuovo album "The Silent Vigil", in uscita per Nuclear Blast il 23 marzo.

Nel nuovo video, la band racconta della direzione musicale intrapresa nel nuovo disco: https://www.youtube.com/watch?v=HZSwhmzDJHM

https://www.memoriam.uk.com
https://www.facebook.com/memoriam2016
https://www.nuclearblast.de/memoriam

Circles: firmano per Season of Mist e presentano un nuovo pezzo

Mercoledì, 21 Febbraio 2018 18:33 Pubblicato in News

Gli extreme-progsters Circles annunciano di aver firmato per Season of Mist. L'etichetta marsigliese produrrà il nuovo album della band australiana durante il 2018.

La band ha inoltre presentato un nuovo brano, "Blueprints for a Gret Escape", ascoltabile al seguente link: https://youtu.be/eNKnXxhiDQE

https://www.facebook.com/listentocircles

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla