A+ A A-
Daniele Ogre

Daniele Ogre

URL del sito web: Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pristine: annunciano il nuovo album

Giovedì, 31 Gennaio 2019 18:49 Pubblicato in News

Il quinto album dei PRISTINE vede il suono della band rock norvegese evolversi e diversificarsi. Heidi Solheim, nativa di Tromsö e forza trainante del gruppo, fonde varietà musicale e lirica nelle undici canzoni che compongono “Road Back To Ruin”, ma nonostante le innovazioni il disco è ancora PRISTINE al 100%.
 
“Road Back To Ruin” verrà pubblicato il 19 aprile su Nuclear Blast.
 
Il titolo dell’album, “Road Back To Ruin”, stando alla cantante, deriva dalla frustrazione. Parla di circostanze sociali, in cui opinioni e valori si spostano verso una certa direzione. La separazione dagli altri o la paura degli altri viene usata dalle persone influenti per ottenere ancora più potere.
 
Si diffonde la diffidenza e muri vengono costruiti. Tutte cose che sono accadute più e più volte nella storia e la società sembra essere ancora una volta nella stessa trappola. Persone prive di nobiltà ed empatia, che traggono guadagno dall’odio, cosa di cui Heidi ha sempre avuto paura. Quindi l'ultima riga dei crediti dell'album è: "Prendetevi cura l'uno dell'altro. Siate generosi, comprensivi e gentili".
 
“Road Back To Ruin” è stato registrato al Paradiso Studio di Oslo, con il produttore Øyvind Gundersen e il tecnico del suono Christian Engfelt. La canzone 'Sinnerman' è stata scritta durante il tour dell’anno scorso, ed è una traccia d’apertura perfetta. La title track è massiccia e pesante. E lo stesso si può dire di 'Blind Spot' con l’intro cantata in arabo dall’artista siriano Racha Rizk, seguito dal potentissimo riff di Espen Elverum Jacobsen, l’arma segreta della band.
 
Alla fine di questo ampio spettro musicale c'è ‘Cause & Effect’ con l'orchestra d'archi The Arctic Philharmonic, che reca in sé un certo feeling alla James Bond. La non troppo tipica ma sorprendente ‘Your Song’ è stata ispirata dalle registrazioni acustiche di NEIL YOUNG.
 
Heidi Solheim, Espen Elverum Jacobsen (chitarra), Gustav Eidsvik (basso) e Ottar Tøllefsen (batteria), nucleo della band, incorporano un’ampia varietà di stili e influenze con una grandiosa visione reciproca della musica. Gli ospiti in studio Anders Oskal e Hansi Enzesperger abbelliscono il tutto con l’organo Hammond.

I leggendari thrasher del New Jersey OVERKILL pubblicheranno il loro diciannovesimo album, "The Wings Of War" il 22 Febbraio 2019 su Nuclear Blast.

Oggi, la band lancia la quarta parte della serie-documentario intitolata "Welcome To The Garden States". In questo episodio la band parla dei locali storici e dei social media: https://youtu.be/X43zqdUU8fA

Parte I: https://www.youtube.com/watch?v=LdKqHP0a_aM
Parte II: https://www.youtube.com/watch?v=tdmaSx0rRUA
Part III: https://youtu.be/DpH_W529TsE

Imprecation: nuovo album su Dark Descent Records

Giovedì, 31 Gennaio 2019 17:50 Pubblicato in News

I black/death metallers texani Imprecation realizzeranno il loro nuovo album "Damnatio ad Bestias" il prossimo 22 marzo su Dark Descent Records. E' stato lanciato oggi il primo singolo, "Temple of the Foul Spirit", ascoltabile di seguito.

Tracklist:
1. Temple of the Foul Spirit
2. Morbid Crucifixion
3. Baptized in Satan's Blood
4. Beasts of the Infernal Void
5. Damnatio Ad Bestias
6. Dagger, Thurible, Altar of Death
7. The Shepherd and the Flock
8. Ageless of None


Zenit: tutto Black Paper in streaming

Giovedì, 31 Gennaio 2019 15:22 Pubblicato in News

Comunicato stampa:

I prog metaller italiani ZENIT hanno lanciato lo streaming integrale del nuovo album "Black Paper" su Metal Hammer. Il disco è ascoltabile QUI!

Gli ZENIT pubblicano "Black Paper" su Time To Kill Records. Il disco contiene otto tracce di moderno e sognante progressive modern metal.

Formatisi nel 2013, gli ZENIT sono una band giovane e ambiziosa, continuamente alla ricerca di nuove soluzioni all'interno del moderno panorama metal. Il loro approccio estremamente eclettico li porta a mescolare elementi djent, progressive e metal vecchia scuola in canzoni ricche di dinamiche e dall'alto tasso emotivo.

Il nuovo album "Black Paper" è stato registrato a Roma presso i Kick Recording Studio dal noto produttore Marco Mastrobuono (COFFIN BIRTH, HOUR OF PENANCE, FLESHGOD APOCALYPSE).

Tracklist:
01. Zenit
02. Wraith
03. Above and Below
04. Crow's Perch
05. King Of Lies
06. The Prophecy
07. Black Paper
08. Nadir

releases

I Fireforce proseguono sulla loro strada
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Compilation per i trent'anni dei Warpath
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una bruttissima produzione è il tallone d'Achille del debutto degli Infected Humans
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superiore anche al predecessore il secondo album dei canadesi Fractal Generator
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dragony hanno raggiunto la perfezione
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dread Sovereign: i terribili sovrani del doom
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ruins Of Elysium, quando il piacevole artwork trae in inganno
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Super old school la proposta degli Eternal Evil
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP che passa facilmente in sordina quello degli svedesi Curse Of Eibon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Northern Flame ed il power di scuola scandinava
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli In My Ashes tornano con un EP dal sound e stile rinnovati e più decisi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i fan dei Vader e con un tocco di melodia, ecco il debutto degli americani Crusadist
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla