A+ A A-
Federico Orano

Federico Orano

URL del sito web: Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Eclipse + Reach 29 Settembre 2015 @Trieste - Naima Club

Mercoledì, 30 Settembre 2015 15:23 Pubblicato in Live Report

Gli ECLIPSE hanno pubblicato senza dubbio il miglior disco della loro carriera quest'anno con Armageddonize e probabilmente il miglior disco dell'anno in campo hard rock melodico (e non solo). Quindi questa tappa a Trieste del loro tour era pressochè obbligatoria per ogni amante di questo genere musicale. Il Naima Club è  la venue scelta per ospitare la serata, un locale non molto grande ma che riesce a creare la giusta atmosfera per una serata da ricordare!

 

Ad aprire le danze troviamo i REACH, recensiti qualche mese fa dal sottoscritto. La band scandinava ha tutto in regola per fare bene ed infatti il disco di debutto si è dimostrato un lavoro davvero valido. Sul palco il quartetto svedese dimostra di saperci fare e scalda il pubblico a dovere con alcuni brani estratti appunto dal proprio esordio come "You call my name" e "Tell me". Questi svedesi sono giovani e hanno ampi margini di crescita ma non gli manca il talento per poter crescere e diventare una realtà consolidata in un mercato molto affollato come quello attuale. Staremo a vedere!

Erik Martensson e company salgono sul palco alle 22 precise dopo la presentazione del buon Maxx. La band è carica a molla e la partenza è subito fulminea con "I don't wanna say i'm sorry" e "Stand on your feet" accoppiata d'apertura anche del nuovo disco. La band è precisa e nonostante dei suoni non perfetti, l'atmosfera è super tra il pubblico non numeroso ma caldissimo ed i musicisti a stretta distanza. Con "The storm" il  Naima Club si incendia e possiamo dire che se non si tratta del brano melodic hard rock dell'anno in corso poco ci manca! Erik si dimostra soddisfatto del calore che i presenti gli riservano cantando a squarciagola ogni coretto proposto ma d'altronde quale poco sano di mente potrebbe restare freddo durante l'esecuzione di una "Wide open" o una "A bitter taste"?! Quando il biondo singer svedese abbraccia la chitarra acustica forse qualcuno si aspettava la ballatona di turno invece partono le note di "Breakdown" pezzo che dal vivo trova la sua collocazione ideale e da sola merita il prezzo del biglietto. Vibrazioni uniche! Una lunga (forse troppo?!) parte strumentale con tanto di assolo di batteria lascia a Martensson il tempo di rifiatare nel backstage. Robban e  Magnus si dilettano tra riff e solos di chitarra e basso mentre l'altro Magnus, il batterista, non smette di battere forte tra fiumi di sudore (come detto l'atmosfera era calda, in tutti i sensi). Si riparte dopo un pò con la meravigliosa "Blood enemies" (che carica!) e dopo la melodicissima "One love" estratta dal debut album dei WET parte un terzetto mozzafiato formato da "To mend a broken heart" e soprattutto "Ain't dead yet" e "Bleed & scream". La band saluta i fans e torna dietro le quinte in attesa di rientrare poco dopo visto che il pubblico di Trieste non si è fatto attendere nel richiamare sul palco i propri beniamini. Erik e soci regalano una versione da brividi del loro brano storico "Breaking my heart again" con una introduzione iniziale acustica prima di esplodere in tutta la sua potenza.

Finisce lo show, che diciamocela è stato davvero una figata! Abbiamo potuto assistere all'esibizione di una delle migliori realtà attualmente in circolazione per quanto riguarda il melodic hard rock, con una scaletta piena zeppa di hit assolute che pochissimi colleghi possono permettersi (anzi è stata lasciata fuori scaletta la fenomenale S.O.S.). 

 

Siamo alla fine e allora come non ringraziare Trieste is Rock questa associazione che si sbatte per portare grande musica nella propria città (e vi consiglio la loro trasmissione radio ogni martedì, seguite questo link https://www.facebook.com/groups/rockon.radioshow) ?

 

Si torna a casa e lungo il tragitto è d'obbligo riascoltare qualche brano appena sentito, per rivivere subito certe emozioni ancora fresche, consci che gli ECLIPSE hanno incendiato Trieste a suon di melodic hard rock. 

 

 

 

ECLIPSE SETLIST:

1.   Intro + I Don't Wanna Say I'm Sorry

2.   Stand On Your Feet 

3.   Wake Me Up 

4.   The Storm 

5.   Battlegrounds 

6.   Breakdown 

7.   Wide Open 

8.   A Bitter Taste 

9.  Guitar Solo 

10.  Blood Enemies 

11.  Drum Solo 

12.  Strumental Session

13.  One Love (W.E.T. cover)

14.  To Mend a Broken Heart 

15.  Ain't Dead Yet 

16.  Bleed & Scream 

Bis:

 

17.  Breaking My Heart Again

Singolo e due date in Italia per i Forever Still

Mercoledì, 30 Settembre 2015 09:02 Pubblicato in News

In allegato qui sotto potete visualizzare il video di "Awake the fire" song estratta dal nuovo ep della band danese.

Inoltre i Forever Still saranno impegnati in due date in Italia a fine Ottobre:

30.10.2015 @ ALTROVE 2.0 (Pontoglio BS) (+ local guest)

31.10.2015 @ WORLD MUSIC STUDIO (Pessano C / Bornago - MI) (+Hypergear + Evengers + guest)

Underground Symphony è lieta di annunciare di aver siglato un accordo con gli Arcanum XII, per la pubblicazione del disco d'esordio "Evening Lights".

La band veneta propone un progressive metal caratterizzato da melodie di classe, atmosfere emozionanti ed eleganti intermezzi strumentali. L'album, prodotto, mixato e masterizzato da Daniele Dalla Dea, è un'uscita imperdibile per tutti i fan di Dream Theater, Vanden Plas e King Crimson.

Teaser Promozionale: https://www.youtube.com/watch?v=nG4_6_LuwjY

Di seguito la cover ad opera di Jahn Carlini e la tracklist di "Evening Lights", disponibile a partire dal 30 novembre in un'edizione limitata in digipak.

Tracklist:

1. Intro

2. Why

3. Inside Your Head

4. Every Day Is The Same Day

5. My God

6. When A Man

 

7. Seven (feat. Atena Baurus)

Arven: si sciolgono!

Giovedì, 24 Settembre 2015 12:55 Pubblicato in News

Comunicato stampa dai symphonic melodic metallers ARVEN:

You all probably realized that it was quiet around us over the last months. We were looking for a new female guitarist as a replacement for Ines for months, but so far we couldn’t find one. These line-up problems kept us from playing more shows and planning ahead for the future. Furthermore we realized the amount of personal differences and diverging musical ideas within the band, with which we could deal the past years, but they keep us from continuing as Arven in the future. After many talks and long discussions we decided that it’s the best to split up now. Arven will no longer exist.

For that reason we want to say thank you to everyone who supported us in a great way over the last years. Thanks to our recordlabel Massacre Records for the help and support. Thanks to the Bazement Studio and Markus Teske for your wondeful productions and your ideas. Thanks to Stefan Schmidt and Van Canto for the support. Thanks to our technician Andreas Schmidt, you saved and helped us more than once right before a show. Thanks to our guest guitarist Michael Smorra and thanks to Benjamin Reiter for participating in songwriting and as a guest singer and guitarist, we could always rely on you both. Thanks to every band we shared the stage with, it was a pleasure!

The greatest thanks goes to our fans! You guys are the best fans in the world and without you we wouldn’t have had experienced these amazing years! You made every single show unique and you always showed us what we can achieve with our music! THANK YOU THANK YOU THANK YOU!

Of course we will all stick to music. Stay on our facebook page and you will get informed about our ongoing projects. Currently Arven members are playing in the following projects:
Till: Fallen Temple
Lisa: Oversense
Carina: Carina’s Hochzeitsgesang

 

- See more at: http://www.arvenmusic.com/

releases

Wind Rose sempre più viking
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non solo Canada: dall'Italia un buon album Progressive Death grazie ai Mesosphera
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un heavy/rock progressivo molto cupo e moderno che non ci convince per i Badass
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock adrenalinico per il ritorno dei Warrant
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Dante's Theory: una piacevole scoperta dalla lontana Asia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urskog: one man band direttamente dalle foreste svedesi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Grit, quando la passione non basta
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla