A+ A A-
Gianni Izzo

Gianni Izzo

URL del sito web: Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Purtroppo tra impegni lavorativi, la mia dedizione nello sbagliare strada, e tre quarti d’ora buoni per cercare un diamine di parcheggio, mi son perso i primi due gruppi della serata al Largo Venue. Mi spiace particolarmente per i nostrani Black Therapy, che in questi anni si sono giustamente guadagnati più di una stella di merito per i propri lavori.

Di solito non spendo molte parole sul luogo del concerto, ma visto che era la mia prima volta a Largo Venue, e visto che mi ha lasciato positivamente colpito questo spazio di Roma, riqualificato per ospitare eventi artistici, faccio i miei più sinceri apprezzamenti. C’è chi dice che Largo Venue non sia particolarmente adatto al metal sound, direi che invece l’acustica è abbastanza buona, così come la struttura dell’intero complesso.  

 

EQUILIBRIUM

Gli ultimi scampoli della disastrosa semifinale di andata di Champions della squadra capitolina continuano a scorrere sullo schermo posizionato all'esterno, e parte dei metalhead rimangono a guardare la partita, tra colorite bestemmie, coniate per l’occasione. 

Tuttavia la prima volta degli Equilibrium a Roma è un successo, La band tedesca trova una nutrita folla ad attenderla, e sa come scaldarla a dovere, soprattutto grazie al gigante buono Robse, che riesce con qualche parola, pronunciata in un inglese particolarmente teutonico, ad entrare subito in sintonia con i propri fan. Da parte sua, la folla si scatena più volte, con diversi circle pit e wall of death, fin dal primo blast beat del gruppo. Una vera e propria coreografia spontanea, incalzata dalle ritmiche sciabordanti e dalle musiche accattivanti della band.

Particolare entusiasmo esplode poi quando gli Equilibrium propongono “Blut Im Auge”, e la drammatica ed epica “Dammerung”, tratte dal fiore all’occhiello della loro carriera, intitolato “Sagas”.

 

Per quanto siamo avvezzi ormai da anni ad ascoltare tutto l’armamentario orchestrale delle symphonic metal band, riprodotto con dei sample durante i live, devo dire che la mancanza del bassista Mikka, si è fatta sentire. Gli Equilibrium, hanno dovuto rimediare aggiungendo alle basi anche il basso. Effettivamente tutti questi suoni campionati, unito al fatto che i due chitarristi in realtà fanno poco più che una buona ritmica sui brani (eh si che abbiamo il mastermind e guitar hero dei Nothgard a suonare una delle due ascie), ha dato un senso un po’ artefatto all’esibizione. Ma come si dice, di necessità si fa virtù, e gli Equilibrium sono stati comunque bravi a tenere botta alla delicata situazione. Facciamo tutti finta di niente, e ci godiamo comunque un bel momento di puro symphonic death metal dalle tinte folk. Il growling e lo screaming di Robse è potente, l’unico secondo in cui si pronuncia in clean è scandaloso, prende una stecca che sembra stesse cantando un altro pezzo, ma ci sta, è un growler dopotutto. La setlist è di tutto rispetto, purtroppo però si schianta sul finale, almeno per quel che mi riguarda. Gli Equilibrium infatti mettono da parte i brani più banalotti della loro discografia, ma non resistono e cedono proprio sul più bello, proponendo la tamarra e sciagurata “Born To Be Epic”, accolta comunque bene dal popolo romano, ma siamo sinceri: quanto è brutto ‘sto pezzo?  

 

Setlist

01. Prey

02. Heimat

03. Waldshrein

04. Verbrannte Erde

05. Blut Im Auge

06. Dammerung

07. Unbesiegt

08. Apokalypse

09. Born To Be Epic

 

 

 

DARK TRANQUILLITY 

Sono le 23 passate quando si abbassano le luci per l’ultima volta e comincia “Iron Man” dei Black Sabbath, che farà da intro agli headliner della serata, i Dark Tranquillity. Si accende anche il proiettore e, sullo schermo del palco, cominciano a scorrere le immagini, il logo, le parole dei brani dei Dark Tranquillity.

La band svedese, manca da Roma ormai da quasi 10 anni, ma non ha perso certo l’affetto dei propri seguaci, che accorrono numerosi all’evento. Se durante lo show degli Equilibiurm il capiente Largo Venue era pieno almeno per metà, adesso è gremito di metalheads desiderosi di rivedere finalmente, gli ultimi esponenti del sound di Gotherborg, o quanto meno, gli ultimi che riescono a creare ancora qualcosa di decente, al contrario di altre band della stessa zona, da tempo ormai alle prese con approcci modaioli, adolescenziali, o entrambi.

L’entrata del carismatico singer scandinavo Mikael Stanne viene salutata da un boato assordante. Le sue sono movenze da rockstar, che tra una canzone ed un’altra diventano quelle di un gentiluomo che ringrazia continuamente il proprio pubblico, e si emoziona davanti ad una folla esaltata. Non ha più il growling egregio degli anni d’oro, ma ha ancora quel piglio riconoscibile tra cento altri cantati estremi.

È dai tempi di "Projector" che i Dark Tranquillity, quando più, quando meno, hanno inserito le clean vocals nei propri pezzi, e Stanne ci sa fare anche dal vivo in questo senso. È abbastanza probabile anzi, che se dipendesse da lui, userebbe esclusivamente il cantato pulito ed un certo tipo di sonorità molto più soft, ma il pubblico suppongo si incavolerebbe parecchio, quindi si cerca di mediare tra volontà e dovere.

I Dark Tranquillity sono della vecchia scuola, per quanto abbiano modernizzato il proprio sound, per quanto anche loro usino dei sample qua e la, ma quel senso un po’ plastico che si avvertiva negli Equilibrium, qui scompare. Si sente e si vede che non c’è quasi alcuna accortezza tecnologica a sostenere i Dark Tranquillity, ma solo tanti anni di esperienza a calcare palchi di mezzo mondo.

Ovviamente è stato dato molto risalto ai brani dell’ultimo “Atoma”, ma anche “Fiction” è stato molto gettonato. Non possiamo certo parlare di una setlist imprescindibile, e questo è ben chiaro dalle reazioni del pubblico che si esalta e canta all'unisono i riff delle ottime “The Treason Wall” o di “The Science Of Noise”, o ancora della stessa title-track dell’ultimo album della band. Si canta a memoria in un efficace botta e risposta col cantante dei Dark, anche “ThereIn”, tratta dal controvesto “Projector”. Ma ci sono effettivamente momenti di stanca, in cui ci si addormenta un po’. I tempi più dilatati e non sempre dal buon tiro di alcuni brani, non si incontrano con la voglia di energia ed immediatezza del pubblico che più di una volta prova a chiedere qualcosa da “The Gallery”. Ma quei tempi son lontani, ed i Dark Tranquillity scartano del tutto i primi tre album dalla scaletta. In ogni caso, la data di Roma, rimane un qualcosa di estremamente gradevole, una volta tanto il pubblico ha risposto numeroso, lo facesse anche quando ci sono gruppi italiani o band dal nome un po' meno storico dei Dark Tranquillity, il metal vivrebbe degli anni d'oro. Rimaniamo con la speranza che Stanne ed i suoi non aspettino altri dieci anni per tornare a trovarci, e che la prossima regalino ai propri fans anche un paio di super classici. 

 

Setlist

01. Encircled

02. Monochromatic Stains

03. Clearing Skies

04. The Treason Wall

05. The Science Of Noise

06. Forward Momentum

07. The Mundane And The Magic

08. Final Resistance

09. Atoma

10. Force Of Hand

11. Icipher

12. Terminus (Where Death Is Most Alive)

13. Inside The Particle Storm

14. The Wonders At Your Feet

15. When The World Screams

16. ThereIn

17. State Of Trust

18. Lost To Apathy 

19. Misery’s Crown

 

Powerwolf: Dettagli del nuovo album

Mercoledì, 04 Aprile 2018 18:42 Pubblicato in News

I Powerwolf tornano con il loro nuovo album intitolato "The Sacrament Of Sin", che uscirà a fine anno per la Napalm Records. Di seguito la track-list del disco: 

The Sacrament Of Sin

01. Fire & Forgive
02. Demons Are A Girl‘s Best Friend
03. Killers With The Cross
04. Incense And Iron
05. Where The Wild Wolves Have Gone
06. Stossgebet
07. Nightside Of Siberia
08. The Sacrament Of Sin
09. Venom Of Venus
10. Nighttime Rebel
11. Fist By Fist (Sacralize Or Strike)
12. Midnight Madonna (bonus track; only available at EMP and Napalm Records mailorder)

Rhapsody Reunion: Intervista a Luca Turilli

Venerdì, 09 Marzo 2018 23:21 Pubblicato in Interviste

Poco prima che iniziasse la serata in quel di Roma, noi di Allaroundmetal.com abbiamo avuto l'occasione di incontrare nuovamente Luca Turilli. Ragazzi io ci ho davvero provato a convincerlo di continuare a portare avanti almeno il discorso dei LT's Rhapsody, ma non c'è niente da fare, il nostro Luca Turilli sembra proprio intenzionato a cambiare strada alla fine del tour del ventennale dei Rhapsody. Quindi preparate i fazzoletti e buona lettura! 

 

Ciao Luca, sebbene tu abbia fatto un’intervista per il nostro portale solo qualche mese fa con il mio collega Federico Orano in quel di Vinci, noi due sono circa dieci che non ci sentiamo. E son cambiate un sacco di cose.

Caspita dieci anni, come passa il tempo! (Ride ndr.) Be, dieci anni fa, insieme ai Rhapsody siamo riusciti per un pelo a sopravvivere, artisticamente ed economicamente, ad un lungo periodo negativo per la nostra carriera (la famosa diatriba legale con la casa discografica di De Maio ndr.), e siamo tornati sul mercato con un album (“The Frozen Tears Of Angels” ndr.) che personalmente considero uno dei miei preferiti, insieme al primo “Symphony…” ed a “Power Of The Dragonflame”.

Si, sono cambiate parecchie cose: la mia decisione di proseguire da solo, la nascita dei LT’s Rhapsody e adesso questa celebrazione del ventennale, questo tour d’addio ai nostri fans, di nuovo insieme a Fabio Lione e Alex Holzwarth

 

Se dovessi fare un bilancio di questi vent’anni in musica?

Ti direi che dal punto di vista artistico abbiamo avuto molte soddisfazioni. Abbiamo lavorato tanto, abbiamo investito tanto. Purtroppo, molti dei nostri investimenti non sono andati come o dove volevamo. Gli unici investimenti economici di cui non mi pento o che non rimpiango affatto, sono quelli spesi per arricchire e migliorare il più possibile la resa sonora degli album dei Rhapsody. Fin dal primo disco abbiamo davvero investito un mucchio di denaro, per cercare di avere la miglior produzione possibile. Ora, riascoltando dischi come “Legendary Tales” o lo stesso “Symphony…” sento che abbiamo fatto un ottimo lavoro.

 

Le vostre case discografiche vi hanno aiutato in questo, immagino. Te lo chiedo perché appunto i tempi sono cambiati ed anche il rapporto tra label e band.

So che oggi per le giovani band è difficile andare avanti, in cambio di un mondo ormai connesso, che ha ridotto molto la distanza tra musicisti e musicisti, e tra musicisti e addetti ai lavori, le case discografiche per intenderci, chi comincia adesso, deve cavarsela per lo più da solo nella quasi totalità dei casi, almeno per quel che riguarda la produzione dei dischi.

Purtroppo il mercato musicale è crollato, soprattutto per l’avvento del download illegale, che anche per i Rhapsody è stata una vera batosta. Il crollo delle vendite dei dischi ha portato un sacco di problemi. Aggiungici che rispetto a vent'anni la gente va molto meno anche ai concerti, e puoi avere un quadro di ciò che vivono dei musicisti come noi: non tanto sconosciuti da poter usare il file sharing a nostro favore, per farci conoscere ad esempio; ne delle rockstar milionarie a cui una diminuzione delle vendite dei dischi non poteva arrecare un grosso danno economico.

Le case discografiche ci hanno aiutato certo, ma a noi non bastava mai, quindi ci abbiamo sempre messo del denaro di tasca nostra per raggiungere il livello di suono che avevamo in mente. All'inizio è stata più dura, ma non pensare che con gli anni sia stato più semplice. Per darti un’idea, pensa che il mio “Prometheus” è costato 110000 euro di produzione, la Nuclear Blast in gran parte ha contribuito, ma diverse decine di migliaia di euro le ho aggiunte io.

 

Veniamo al presente. Come è nata l’idea del tour d’addio? Ve lo hanno chiesto o lo avete cercato voi?

Ci hanno chiesto di riunirci, e di fare un tour. Sinceramente ero abbastanza titubante: io ero immerso nei miei progetti con i LT’s Rhapsody, dall’altra parte c’era Fabio e Alex (Staropoli) che portavano avanti il progetto Rhapsody Of Fire, sinceramente non vedevo l’utilità di un tour. Poi ho realizzato che eravamo al ventennale della nostra carriera e di uno dei nostri lavori più amati: “Symphony Of Enchanted Lands”. Ci siamo così sentiti, ed abbiamo deciso di dare un senso più profondo a tutto questo. Ci siamo detti: “Celebriamo i nostri lavori, celebriamo i Rhapsody e facciamo che tutto questo sia il nostro più caloroso addio ai nostri fans”. Volevamo dare in questo modo la possibilità a tutti i ragazzi che non si aspettavano il mio split dai Rhapsody Of Fire, di vederci di nuovo insieme. O anche per i più giovani, di vederci insieme dal vivo per la prima volta. La cosa importante è che questa esperienza sia la conclusione di un ciclo, e che poi si passi ad altro. 

 

Vi aspettavate questo feedback così positivo da parte dei vostri fans? O questo successo del tour vi ha spaziato in qualche modo?

In particolare in Sud America è stato un qualcosa di inaspettato. Siamo dovuti tornare all'inizio di quest’anno per una seconda manciata di date, perché molti fans la prima volta son rimasti a bocca asciutta, e c’era una grande richiesta di qualche altra data. E’ una cosa che non può che farci piacere e renderci orgogliosi. Anche in Europa abbiamo già un paio di date sold out, ma qui il mercato è ormai diverso rispetto a quando abbiamo iniziato. Anni fa c’erano migliaia di persone agli spettacoli, adesso se arriviamo a settecento, ottocento persone, lo consideriamo un grande risultato. E’ tutto in continuo cambiamento.

 

Un cambiamento che però vede l’Italia puntualmente come fanalino di coda, o sbaglio?

Per quanto negli anni siamo stati molto apprezzati anche qui da noi, non possiamo certo negarlo, in Italia siamo effettivamente meno conosciuti ed abbiamo meno persone alle nostre serate. In un paese come ad esempio l’Ungheria, abbiamo almeno il triplo di gente ai nostri show. E’ un qualcosa con cui abbiamo convissuto, in vent'anni ne abbiamo viste tante, e comunque abbiamo avuto molte sorprese da ogni parte del mondo, e ne siamo felici.

 

Una data del “Farewell Tour” è stata molto particolare, parlo della celeberrima crociera metal, il “70000Tons Of Metal”. Come è andata?

Non sono un grande amante delle crociere, incominciamo da questo. Ed il fatto che sia un tipo di esperienza un po’ d'élite, nel senso che non tutti si possono permettere questo tipo di concerto, non mi entusiasmava più di tanto. Ma gli altri della band volevano parteciparvi, quindi lo abbiamo fatto. Per dirla tutta, io mi sono poi vissuto la crociera sostanzialmente con l’influenza, in cabina (ride). Influenza a parte, ci siamo comunque divertiti, è un’esperienza particolare, questo si. Ricordo che era pieno di metal band estreme, quindi dalla mattina alla sera si ascoltavano soprattutto questi screaming pazzeschi. Non sono un grande amante di questo tipo di musica, quindi compensavo mettendomi Adele a tutto volume nelle cuffie.

 

Ehm Adele???

Si, si la mia cantante preferita ormai da anni (Eh niente, qui ho capito che lo abbiamo perso ndr)

 

Ok Adele a parte, tu e i Rhapsody avete comunque toccato anche i lidi più estremi del metal, prendi “Reign Of Terror” ad esempio

Si è vero, ma il nostro black pensalo più come la rabbia degli angeli, o la rabbia di Gesù nel tempio. Volevamo creare un messaggio positivo, veicolandolo attraverso un tipo di musica più violenta del nostro standard. Era un modo per dire che anche se uno suona black metal, non è per forza vero che debba parlare solo di diavoli o cose simili. Era un momento della saga particolare, ed è stato il momento giusto per sperimentare anche quel tipo di sonorità, che però non rientrano principalmente nei miei gusti musicali.

 

A questo punto ci devi aggiornare sulla musica che ti piace ascoltare al momento

La musica classica rimane la mia preferita, ma amo ogni tipo di musica, io ascolto Adele, ma anche Gianni Morandi o Al Bano. Adoro i Muse ad esempio, ma anche il jazz. Ti dico ciò che sinceramente non riesce ad appassionarmi ancora: il reggae ed il blues. Al momento non sono proprio legato a questa tipologia di musica.  

 

Prima hai accennato a “Prometheus”, com’è finita con il famoso Grammy Award?

E’ finita che alla fine hanno selezionato l’album dei Kraftwerk al posto del nostro, quindi in questo senso è stata un po’ una delusione. Ma “Prometheus” rimane un disco che mi ha aperto molte porte, grazie all'interesse di un produttore come Chris Heil, che ha lavorato con i più grandi nomi del rock, (David Bowie, Scorpions, Brian Adams, Zucchero), che ha voluto remixarloo in Dolby Atmos, mettendo in contatto la nostra musica con la Yamaha. Ed è proprio grazie a questa apertura, a questi nuovi contatti importanti, ora ho la possibilità di realizzare molti progetti.

 

Ti va di parlarci un po’ di questi progetti?

Per ora non dico niente, se non quello che ho in mente con il ritrovato amico Fabio Lione. Anni fa l’ho lasciato come un ottimo cantante, ora l’ho ritrovato come un cantante ancora migliore di quello che era. Lo avete sempre sentito come cantante heavy metal, poi con “Lamento Eroico” abbiamo toccato anche la parte più potente della sua voce, quella lirica. Ma ti assicuro che Fabio ha talmente tante sfumature nella sua voce, ed ha talmente tanto talento, che ti stimola a creare e trovare sempre nuovi aspetti musicali su cui usarla. Quindi avevo proprio in mente di creare con lui un progetto hard rock, una sorta di symphonic rock alla Queen. Ovviamente i Queen più epici e creativi, pensa a “Innuendo” o “The Show Must Go On” ad esempio.

 

Ci stai dicendo che con questo tour metti definitivamente fine alla tua carriera da musicista metal, o c’è speranza di ascoltare un nuovo disco insieme ai tuoi Rhapsody, quelli con Alessandro Conte?

Il futuro dei LT’s Rhapsody era legato al Grammy, non avrebbe avuto senso mettere fine ad un discorso come quello, dopo aver vinto un premio del genere. Visto che così non è stato, voglio seguire ciò che sento davvero. Ed in questo momento non mi interessa più parlare di una band o di metal. Ho voglia di essere libero, di non andare appresso a delle etichette che in realtà neanche capisco fino in fondo. Quand'è che un album suona metal? O power metal? Negli anni mi sono fatto un nome come autore, ed ora ho abbastanza possibilità di collaborare ai più svariati progetti musicali in questa veste. E’ così che voglio andare avanti. Non voglio più portare avanti solo un certo tipo di musica. Sono interessato ad un progetto musicale che mi prenda il cuore, a cui possa dedicarmi per un periodo e poi passare magari a qualcosa di completamente diverso. Non voglio legare il mio nome a quello di una band, perché in quel caso devi portare avanti tutto un discorso musicale che non ti lascia molti margini. Non sono più così giovane, voglio scegliere cosa è meglio per me da tutti i punti di vista, cercando di non sbagliare ovviamente, seguendo quello che mi ispira di più in un determinato istante.

E quindi per ora non penso di continuare l’avventura dei LT’s Rhapsody con Alessandro Conti, ma lui è uno dei più bravi cantanti e artisti che abbiamo in Italia, e sono sicuro che diverrà sempre più grande, anche senza me ed i Rhapsody. Adesso ha partecipato ad un album incredibile insieme a Fabio Lione, e poi non so se hai sentito che lavoro ha fatto con “Re-Animated” dei suoi Trick Or Treat? E' fantastico! (L’ho sentito si, ho anche il loro poster autografato ndr.)   

 

Però, tornando ai Rhapsody, quelli delle due saghe fantasy. Be non vi siete mica fermati nel 2001 con "Power Of The Dragonflame". Non pensi che arriverà anche il ventennale per "Symphony II" e che potreste celebrare tutta la seconda parte della vostra carriera, fino a "From Chaos To Eternity"?

No, la reunion era per celebrare i primi Rhapsody, quella senza il (of Fire) per intenderci. Andramo avanti finché ce lo chiederanno con questo tour, pur che si faccia entro i prossimi mesi, perché poi sia io che Fabio dobbiamo tornare a dedicarci ai nostri impegni, lui ora canta con gli Angra ed ha altre cose in ballo, io pure. 

 

 

Abbandonerai  anche tutto il discorso filosofico e simbolico dei tuoi testi che hai cominciato con “Ascending To Infinity” e proseguito con “Prometheus”?

No no, quelli rimangono. Sono legato ad un certo tipo di visione del mondo, non connessa con la tecnologia, la routine e lo stress della vita quotidiana. Attraverso quei testi dipingo il mio mondo, più spirituale, in contatto con la natura e con il vero io interiore.

 

Ok Luca, rimarrei a parlare con te per tutta la serata, ma le occhiatacce che mi sta facendo il vostro manager mi suggeriscono che è tempo di salutarci. Le ultime parole a te e speriamo di rivederci per un’altra intervista anche se il progetto non sarà targato Rhapsody o non rientrerà nell'ambito dell'heavy metal.

Ringrazio tutti i fans che ci sono stati vicini in questi vent'anni. Abbiamo avuto tante difficoltà ma anche tante soddisfazioni. Se non fosse per l’affetto dei nostri fans, come anche per quello di voi giornalisti che ci avete dato voce, non saremmo qui oggi. Quindi grazie di cuore a tutti voi!

Per essere un lunedi, e per essere un lunedi particolarmente uggioso, l’Orion, il locale di Roma che ormai da anni ospita la stragrande maggioranza delle band metal e non, è inusitatamente pienotto, non possiamo certo dire di essere stretti come acciughine, ma è una piccola soddisfazione per me, che ho vissuto negli ultimi tempi anche serate semi deserte, nonostante bazzicassero nomi importanti sui palchi.

Quest’oggi non è così, e supponiamo che questo ormai sempre più raro fenomeno di aggregazione, sia facilmente attribuibile all'importanza della giornata, cioè il commiato (se vero o presunto ce lo dirà il tempo) dei Rhapsody (quelli con Luca Turilli e Fabio Lione insieme), dal proprio pubblico. Ma a precedere l’addio di Turilli ed i suoi, ai fans romani, ci sono due band.

SCARLET AURA

I primi a calcare le scene sono gli Scarlet Aura, band rumena dedita ad un Modern Rock/Metal, capitanata dalla bella, talentuosa, ed iper-biondissima Aura Danciulescu, che rappresenta un valore aggiunto, sia per come tiene il palco, sia per la sua voce da rockettara stile Doro Pesch. Ma purtroppo non basta lei a scaldare gli animi, forse non è la serata adatta a certe sonorità, più probabilmente le canzoni della band sono molto anonime, ed a parte qualche cavalcata metallica qui e li, non riescono proprio ad acchiappare i metalheads, che seguono gli Scarlet più per la singer, che per altro. Unico momento in cui il pubblico partecipa in modo più attivo è quando gli Scarlet Aura ricordano la compianta singer dei Cranberries, Dolores O’Riordan, proponendo una versione incattivita della celeberrima “Zombie”, ovviamente conosciuta e salutata con entusiasmo da tutti. Lo spettacolo finisce con un anthem metallico, ma vige nuovamente una certa indifferenza tra il pubblico. Diciamo che gli Scarlet Aura hanno si dei musicisti tecnicamente capaci, ed una super cantante, ma a livello di songwriting non riescono proprio a rimanere impressi. Rimandati alla prossima…

 

BEAST IN BLACK

Giusto il tempo di cambiare teli e stendardi, e smontare la prima delle tre batterie che capeggiano sul palco, che arriva la seconda band. I Beast In Black vengono dalla Finlandia, (ma il bravissimo cantante Yannis Papadopoulos è greco), e da poco hanno debuttato per la Nuclear Blast con il disco “Berserker”, ispirato all’omonimo personaggio dei fumetti.

I Beast In Black sono nati per opera dall’ex Battle Beast Anton Kabanen, che dopo lo split con la precedente band, da lui stesso fondata, si riprende la propria Bestia, il fumettoso Berserker, e ricomincia con un act che suona un buonissimo a tamarrissimo heavy/power contaminato da sinth e tastiere.

Potentissimi, bravi, goliardici, i Beast In Black, anch'essi ad occhio e croce, ancora sconosciuti ai più, come i precedenti Scarlet Aura, nel giro di una canzone fanno il botto, ed attirano a se l’orda di metalheads romani, come api al miele.

Judas Priest addicted, i BinB possono contare su una ricetta vincente molto semplice: ritornelli epici e graffianti che ti entrano subito in testa, ritmiche vivaci e dinamiche, ed un sound che ripesca un po’ di materiale, non solo dal metal anni ’80, ma anche (e qui so che i più true tra voi storceranno il naso, ma il risultato dal mio punto di vista è ottimo), anche dal pop e dalla dance di quegli anni. Confezionano però un prodotto estremamente moderno, orecchiabile senza essere stucchevole, e soprattutto, davvero coinvolgente.

La canzone più azzardata è sicuramente “Crazy, Mad, Insane”, dove voci robotiche e sinth retrò esplodono in ogni dove, tra chitarre, batteria martellante, ed i membri dei Beast che si presentano con occhialetti a led futuristici sui quali lampeggiano le tre parole del titolo. Alcune tracce rientrano più nell’heavy/power più antemico e tradizionale, ma dal buon tiro, anche se alcuni momenti sono palesemente ispiratiai Judas Priest come “Go To Hell”. Dopotutto i Beast In Black, non nascondono minimamente l’amore per la band di Halford, ne nelle sonorità, ne tanto meno nel cantato, e non è un caso che la loro esibizione venga introdotta dalle note di “Nightcrawler”.

L’entusiasmo esplode definitivamente però con “Blind And Frozen” dove sono ancora i sinth a fare la parte del leone, ed un ritornello che lo canti già al secondo giro per quanto rimane impresso, non riuscendo a capire se hai più voglia di pogare o metterti a ballare. L’apocalittica “End Of The World” mette fine ad un’esibizione sublime, che lascia i presenti carichi al massimo, mentre arrivano gli headliner. Promossi a pieni voti!

 

RHAPSODY REUNION

Ovviamente quella dei Rhapsody è un autocelebrazione con i fiocchi, come conviene in certi casi. E’ già a partire dall'epico narrato ispirato ai soliti trailer cinematografici che precede “In Tenebris”, ci si fomenta un po’ tutti. Con “Dawn Of Victory” poi si accendono le luci e l’Orion comincerà a cantare ogni singola parola di ogni canzone, per tutta la durata dell’esibizione della band.

I mattatori sono ovviamente Fabio Lione ed il buon Luca Turilli che, al solito, salta da una parte all'altra del palco con la sua chitarra. Sembra incredibile che questo stesso musicista continui a dire che con questo tour concluderà la sua esperienza da musicista metal, perché la sensazione è che all'alba dei cinquant'anni, il buon Turilli si diverta ancora come un ragazzino ad esibirsi in questi contesti, di fronte ai suoi fans.

Poi è vero, lo stesso Luca sono anni che dice di essere più autore che chitarrista, e di non avere più tempo da dedicare al suo strumento, ed infatti qualcuno dei suoi vecchi assoli iper veloci, li falla spesso, mangiandosi diverse note, ma nel complesso i Rhapsody fanno un’esibizione degna del loro marchio di fabbrica.

Fabio Lione è come il vino, sarà la quinta volta che lo vedo dal vivo, ed ogni volta la sua voce sembra migliorare. Ma il suo contributo non è solo legato al canto, interagisce spesso col pubblico e, visto che siamo di fronte ad un’elegia dei Rhapsody che furono, tra un brano ed un altro, il frontman racconta anche vari aneddoti della storia della band, dei loro incontri, in particolare quello molto sentito con il grande Christopher Lee, a cui dedicano “Riding The Winds Of Eternity”.

La scaletta è un ottimo greatest hits, che propone anche brani mai suonati prima, o suonati molto di rado. Ascoltare la suite “Symphony…” o “Beyond The Gates Of Infinity”, o ancora la geniale “The Wizard Last Rhymes” tratta dall’Ep “Rain Of Thousand Flames” di cui suoneranno anche la cattivissima title-track, mi ha fatto tornare davvero indietro nel tempo, quando mi approcciai per la prima volta a questa band, all'epoca ancora sconosciuta.

Fabio si prodiga anche con un pezzo decontestualizzato e inaspettato, la cover di Bocelli “Con te Partirò”, interpretata in modo magistrale, perché in fondo non esistono generi, ma solo musica.

Come al solito anche Alex Holzwarth e Dominique Leurquine, si ritagliano il loro spazio per dei bei assoli giocati sul botta e risposta con il pubblico. Tutto diviene pomposo, allegro, si scherza e si canta, tanto da salutare sul finale i più grandi alfieri del metal italiano, con un sorriso e non con una lacrima. Il “Farewell Tour” saluta Roma con il classicone “Emerald Sword”, boato finale, applausi...per l'ultima volta? Non so, alla fine anche Bruce Dickinson negli anni novanta provò a dire di non voler più suonare heavy metal, salvo poi rimangiarsi tutto e tornare con gli Iron Maiden, quindi io ci spero di rivederli tutti ancora, magari tra qualche anno, magari anche con Alex Staropoli, per un epico ritorno sulle scene. 

 

 

Setlist:

In Tenebris

- Wisdom Of The Kings

- The Village Of Dwarves

- Power Of The Dragonflame

- Beyond The Gates Of Infinity

- Knitghtrider Of Doom

- Wings Of Destiny

- Riding The Winds Of Eternity

- Symphony Of Enchanted Lands

- Drum Solo

- Land Of Immortals

- The Wizard’s Last Rhymes

- Bass Solo

- Con Te Partirò (Cover Bocelli)

- Holy Thunderforce

 

Encore:

- Rain Of A Thousand Flames

- Lamento Eroico

- Emerald Sword

 

…And The Legends Ends…

releases

Ep di soli due brani per i promettenti Lost Division
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Árstíðir ed un lavoro dalla meravigliosa potenza evocativa
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un po' di epic metal con gli indiani Falcun
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Khemmis si confermano tra i protagonisti del doom contemporaneo.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Buck Tow Truck, non benissimo come inizio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla