A+ A A-
Gianni Izzo

Gianni Izzo

URL del sito web: Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Iron Maiden: L'annuncio che tutti aspettavamo

Venerdì, 15 Maggio 2015 23:57 Pubblicato in News

Aspettavamo da mesi una bella notizia da parte degli Iron Maiden, riguardo lo stato di salute di Bruce Dickinson, che come tutti sapete è stato colpito da un cancro alla lingua, scoperto per caso poco prima dello scorso Natale, per cui ha dovuto sottoporsi a diversi cicli di chemio e radioterapia.
Oggi è comparso un importante post, sulla pagina ufficiale di facebook degli Iron Maiden, il post che tutti aspettavamo ed in cui speravamo:

"Bruce Dickinson vince la sua battaglia contro il cancro!".

Naturalmente quando si viene colpiti da un tumore maligno è sempre meglio ponderare le parole che si usano. Oggi Bruce Dickinson è in completa remissione. Naturalmente dovremo aspettare qualche anno per dichiararlo completamente guarito, sperando non si affaccino recidive. Ma intanto oggi gioiamo perchè Bruce aspetta solo di tornare in forma al cento per cento, per poter di nuovo occuparsi dei suoi mille progetti, naturalmente per quel che ci riguarda, ci aspetta il nuovo disco ed il nuovo tour degli Iron Maiden. 

Queste le parole di Bruce Dickinson:

"Vorrei ringraziare il fantastico team medico che mi ha curato in questi mesi, ottenendo un risultato eccezionale. Per la mia famiglia è stata dura, in un certo senso più per loro che per me. Vorrei anche ringraziare di cuore tutti i nostri fan per le loro parole e i loro pensieri d'incoraggiamento. Credo fermamente nella necessità di mantenere un atteggiamento positivo, e l'incoraggiamento della famiglia mondiale degli Iron Maiden ha significato molto per me. In questo momento mi sento estremamente motivato e non vedo l'ora di tornare al lavoro come al solito, non appena potrò"

Cradle Of Filth: Il nuovo video

Mercoledì, 13 Maggio 2015 21:52 Pubblicato in News

Vi presentiamo il video girato per il brano "Right Wing Of The Garden Triptych".   
Il brano farà parte del nuovo album dei Cradle Of Filth, intitolato "Hammer Of The Witches", in uscita a luglio per la Nuclear Blast. Di seguito la track-list:

Hammer Of The Witches

01. Walpurgis Eve
02. Yours Immortally…
03. Enshrined In Crematoria
04. Deflowering The Maidenhead, Displeasuring The Goddess
05. Blackest Magick In Practice
06. The Monstrous Sabbat (Summoning The Coven)
07. Hammer Of The Witches
08. Right Wing Of The Garden Triptych
09. The Vampyre At My Side
10. Onward Christian Soldiers
11. Blooding The Hounds Of Hell

Digipak edizione limitata + bonus track su vinile:

12. King Of The Woods
13. Misericord

Nightland: Intervista alla band

Martedì, 05 Maggio 2015 13:23 Pubblicato in Interviste

Quest'anno è uscito "Obsession" (potete trovare la recensione nel nostro archivio), un interessante lavoro da parte dei Nightland, symphonic death metal band tutta italiana. E noi non potevamo non approfittarne per scambiare due parole con questi talentuosi musicisti. Buona lettura

 

 

Gianni: Salve ragazzi, vi do il benvenuto sulle pagine di allaroundmetal. Per prima cosa, ci raccontate qualcosa sulla storia del gruppo?

 

Nightland: I Nightland nascono nel 2006 a Pesaro per mano di Ludovico Cioffi (cantante e chitarrista ndr). Fin dall’inizio l’intento era quello di comporre dei brani inediti e formare un repertorio originale basato sul power metal, ma col passare degli anni e con diversi cambi di formazione lo stile si è orientato più verso il folk/viking metal. Così nel 2011, con una line-up formata da voce/chitarra, seconda chitarra, basso, tastiere e batteria, abbiamo pubblicato il nostro primo EP autoprodotto intitolato “Knights Of The Dark Empire” e l’anno seguente “In Solemn Rise”, altro EP di 5 brani, più orientato verso uno stile melodeath alla Children Of Bodom. La svolta vera e propria però è avvenuta solo nel 2015, quando siamo tornati ad essere un quartetto (chitarra/voce, chitarra, basso, batteria) e abbiamo abbandonato definitivamente ogni influenza power/folk per dare vita ad un death metal sinfonico più cupo e maturo.

 

Gianni: Come avete scelto il vostro moniker?

 

Nightland: Il nome “Nightland” è nato quasi per caso in una fase ancora immatura del nostro percorso, ma nonostante questo ne siamo affezionati e forse, adesso più di allora, sentiamo di esserne pienamente rappresentati. Ora che le nostre sonorità si sono fatte molto più cupe, ci piace l’idea di ambientare la nostra musica in un luogo dove regna perennemente l’oscurità, e nel quale paure, istinti e fobie dell’uomo vengono messe a nudo.


 

Gianni: Quali sono le vostre principali influenze musicali?

 

Nightland: Oltre ad un’ovvia passione per la musica classica, attualmente ci sentiamo molto influenzati da band come Dimmu Borgir, Behemoth, Fleshgod Apocalypse, e in generale da band (anche meno estreme) ma in cui la componente sinfonica è molto evidente.

 

 

 

Gianni: Da cosa invece traete ispirazione per i vostri testi?

 

Nightland: Mentre i due primi EP avevano tematiche principalmente epiche riguardanti battaglie ed eroi, per il nostro ultimo lavoro ci siamo ispirati a testi, documenti scientifici e fatti inerenti le ossessioni dell’uomo in ogni loro sfaccettatura. Il tutto ovviamente in parte romanzato e contestualizzato ai fini del concept che sta dietro l’album.

 

 

Gianni: Come nasce di solito un brano dei Nightland?

Nightland: La parte della composizione e arrangiamento dei brani è affidata a Ludovico, che generalmente concepisce un brano nella sua interezza, completo delle parti per tutti gli strumenti (orchestra inclusa). In ogni nostra release tuttavia è presente anche una parte della composizione curata da Filippo Scrima (secondo chitarrista ndr.), sulla quale poi viene strutturato l’arrangiamento orchestrale. Nel caso di “Obsession” è proprio la titletrack a riportare la sua firma.

 

Gianni: Direi a questo punto di parlare più a fondo di questa vostra ultima fatica intitolata “Obsession”. Innanzitutto i miei complimenti, sono rimasto molto colpito. Dicevate che si tratta di un concept…

 

Nightland: Grazie mille dei complimenti, anche noi siamo molto soddisfatti del risultato! Si “Obsession” è sostanzialmente un concept che indaga su alcuni aspetti della psiche umana molto inquietanti ed interessanti. Più precisamente, come suggerisce il nome stesso dell’album, tratta delle più contorte e perverse ossessioni, manie e fobie dell’uomo. Diverse sfaccettature di queste tematiche sono trattate in ogni brano, e vedono il loro termine in “Last Dance Of A Treacherous Mind”, ovvero il brano finale del disco, che mette in musica l’ultima “danza” di una mente che ha consumato i propri giorni alimentando e nutrendosi delle proprie ossessioni, e che ormai può trovare pace solo annientando la sua parte debole e corrotta dalla paura.

 

 

 

Gianni: Quale direste sia stato il momento più difficile nella realizzazione del disco?

 

Nightland: Probabilmente la fase più difficile è stata quella dell’orchestrazione dei brani e la scrittura delle parti per tutti gli strumenti. Inoltre c’è stato un impegnativo lavoro di ricerca per un suono dell’orchestra maestoso e potente, ma al contempo equilibrato, che si integrasse bene con il sound della band; per la riuscita di questo fondamentale aspetto il merito va a Simone Mularoni (Domination Studio), che ha effettuato mix e master del cd.

 

Gianni: Avete usato anche strumenti classici per le orchestrazioni?

Nightland: Tutti gli strumenti che compongono l’orchestra in “Obsession” sono virtuali, ma ci piacerebbe molto in futuro poter far uso di strumenti reali, specialmente dove le parti solistiche richiedono l’espressività e il suono che solo il tocco umano riesce a conferire.

 

 

Gianni: Per quel che riguarda i cori, vi siete avvalsi di un coro di voci esterno al gruppo?

Nightland: I cori sono in parte realizzati virtualmente con il prezioso contributo di Carlo Dini (compositore e arrangiatore), e in parte registrati in studio. Non ci siamo avvalsi di un coro di professionisti, ma siamo stati noi stessi (con l’aiuto di alcuni nostri amici e collaboratori) a registrarli nei limiti delle nostre possibilità.

 

 

Gianni: Parlateci dell’artwork del disco. Cosa rappresenta e chi è l’artista?

Nightland: L’artwork del disco è realizzato dal nostro Ludovico Cioffi, che da sempre cura la parte grafica della band. In copertina è raffigurata una statua di marmo di una figura senza volto, dalla cui testa partono i rami di un albero inaridito. Questa immagine rappresenta la morbosità dell’ossessione che infetta la mente, e che viene dall’uomo nutrita e difesa dogmaticamente, poiché privato di ogni consapevolezza e reso cieco dalla propria follia. Tuttavia l’aridità dell’albero è simbolo della sterilità di tale folle autolesionismo, in quanto generatore unicamente di male.

 

 

Gianni: Ci dite qualcosa invece riguardo il making of del video che avete girato per il brano: “Icarus”. Pensate di girare altri video di promozione per “Obsession”?

Nightland: Il video di “Icarus”, diretto da Matteo Ermeti, è stato girato in una location molto suggestiva a pochi chilometri da Pesaro. Ha richiesto giorni di lavoro molto intensi e la collaborazione di molte persone, ma il risultato finale è stato davvero sorprendente, specialmente per quanto riguarda le scene esterne.

 

Altri video per promuovere l’album non sono in programma attualmente, ma teniamo in considerazione l’ipotesi, vista la risposta molto positiva che c’è stata da parte del pubblico.

 

 

Gianni: La vostra è un’autoproduzione. Ci potete dare qualche numero per farci un’idea di quanto viene a costare oggi per una band produrre un album? E quanto per girare un video?

Nightland: Noi abbiamo la fortuna di poter eseguire parte della produzione “in casa”, in quanto Brendan, il nostro bassista, ha uno studio di registrazione, quindi abbiamo deciso di affidarci ad uno studio esterno solo per mix e master. Anche per il video siamo riusciti ad usufruire di uno spazio in nostro possesso (per le riprese della band) invece che prenderne uno in affitto, e ovviamente queste sono agevolazioni che influiscono notevolmente sul prezzo totale di una produzione. Ma parlando di numeri, per chi non può contare sulle proprie risorse ed è costretto ad affidarsi completamente a professionisti esterni deve mettere in conto almeno 3.000€ per un buon lavoro in studio di registrazione e altri 2.000€ per foto/video di qualità. La stampa dei cd ha un prezzo ampiamente variabile a seconda delle quantità, dei supporti e dei materiali che si scelgono.

 

 

Gianni: Avete già delle date live per promuovere il nuovo disco?

Nightland: Abbiamo già presentato il nuovo disco in concerti a Bologna, Torino e San Marino, ma ci attendono altre date a Vercelli e Milano tra maggio e giugno. Altri eventi da confermare saranno pubblicati tramite la nostra pagina Facebook (www.facebook.com/Nightland)

 

 

 

Gianni: Per me è tutto, vi ringrazio, e nell’augurarvi un in bocca al lupo, vi lascio a disposizione tutto lo spazio necessario, in caso vogliate aggiungere qualcosa o dire qualcosa ai vostri fans e lettori di allaroundmetal.

Nightland: Ringraziamo voi per l’intervista e per lo spazio dedicatoci su allaroundmetal, speriamo che i lettori che non ci conoscono già siano incuriositi ed interessati ad ascoltare la nostra musica. Un saluto a tutto il pubblico metal che continua a sostenere questo genere, ed in generale la musica di qualità, e a tutti coloro che fanno musica e che contribuiscono ad arricchire il panorama artistico con il proprio estro.

 

 

Helloween: Track-list del nuovo album e primo singolo

Venerdì, 20 Marzo 2015 22:54 Pubblicato in News

 

Il 17 aprile uscirà il primo singolo tratto dal nuovo album degli Helloween "My God-Given Right", il brano scelto sarà la speed metal track "Battle's Won".

Invece, come già annunciato "My God-Given Right" vedrà la luce il 29 maggio per la Nuclear Blast Records. Di seguito potete leggere i titoli dei brani del disco nelle diverse edizioni:

My God-Given Right

01. Heroes
02. Battle’s Won
03. My God-Given Right
04. Stay Crazy
05. Lost In America
06. Russian Roulé
07. The Swing Of A Fallen World
08. Like Everybody Else
09. Creatures In Heaven
10. If God Loves Rock ‘n’ Roll
11. Living On The Edge
12. Claws
13. You, Still Of War


14. I Wish I Were There (Bonus Track: Limited digipack 3D artwork, Vinyl, Earbook, Digital Version)
15. Wicked Game (Bonus Track: Limited digipack 3D artwork, Vinyl, Earbook, Digital Version)   

16. Nightmare (Bonus Track: Earbook)

17. More Than A Life (Bonus Track: Earbook)

- Free World (Bonus Track: ONLY Digital Version)

 

releases

Debutto dei metal progsters Frozen Sand costruito attorno ad un concept molto articolato.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Other View, che bella sorpresa!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doom/Death atmosferico nel debut EP degli Into the Arcane
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampa di "Mental Conflicts", quarto album dei tedeschi Blood
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Serve più grinta agli Insatia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ennesimo tonfo degli Stormhammer
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Debutto per gli italo-americani Antipathic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo EP dei romani Asphaltator promette bene
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dante's Theory: una piacevole scoperta dalla lontana Asia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla