A+ A A-
Gianni Izzo

Gianni Izzo

URL del sito web: Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Frizzi 2 Fulci: In tour negli USA

Lunedì, 23 Ottobre 2017 22:38 Pubblicato in News

COMUNICATO STAMPA: 

 

 

Frizzi 2 Fulci

The Beyond

North American Tour 2017

 

35 anni dopo la realizzazione di E tu vivrai nel terrore… l’Aldilà, capolavoro dell’horror / thriller nostrani, il Maestro Fabio Frizzi ritraccia il suo percorso per realizzare uno dei progetti più ambiziosi di tutta la sua carriera: un composer’s cut.

Siamo soliti assistere a versioni cinematografiche o del regista ma nessuno ha mai osato concepire e proiettare una versione filmica che seguisse il punto di vista del compositore.

Una colonna sonora per un classico di grande culto, realizzata in una versione più moderna, quasi Hollywoodiana, con pochi momenti di silenzio ma con grande rispetto della sua identità originale.

Una vera e propria versione espansa di se stessa, concepita attraverso una maggiore consapevolezza e maestria acquisiti durante 35 anni di carriera, ora presentata in due versioni: una con l’ausilio di un’orchestra sinfonica composta da 51 elementi ed un’altra alimentata dalla forza delle orchestrazioni scritte per l’organico di Frizzi 2 Fulci, sei eccezionali esecutori che seguono il Maestro nei suoi tour mondiali oramai da diverso tempo: Roberto Fasciani, Riccardo Rocchi, Alessandro Errichetti, Federico Tacchia, Giulietta Zanardi, Alessio Contorni.


Un mito degli anni ‘80 riproposto attraverso una moderna stilizzazione di se stesso, ora disponibile per una fantastica esperienza scandita dall’esecuzione di una colonna sonora sulle immagini del più famoso film mai girato da Lucio Fulci: ...E tu vivrai nel terrore! l’Aldilà.

 

E nel tempo le rappresentazioni de L’Aldilà si sono moltiplicate in giro per il mondo fino a culminare in un tour mondiale di 11 date, attualmente in corso, intitolato THE BEYOND TOUR.

 

Così, dopo le entusiasmanti esperienze in Libano e a Tenerife, avrà inizio il 24 Ottobre il Nord America’s Tour col seguente calendario:

October 24th – BOSTON – Coolidge Theatre

October 26th – PORTLAND – Hollywood Theatre

October, 27th – DALLAS – Texas Theatre

Ocotber, 28th – CHARLOTTE – The Booth Playhouse

October, 29th – NEW YORK – Music Hall of Williamsburg

October, 30th – NEW YORK – Music Hall of Williamsburg

October, 31st – SCHENECTADY – Proctors Theatre

November, 1st – PHILADELPHIA – Underground Arts

November, 2nd – NEW YORK – Nitehawk Cinema (Presentazione e Proiezione)

 

In occasione di questo nuovo, imminente Tour mondiale, BEAT RECORDS ha reso disponibile su CD una strepitosa registrazione live della prima performance in terra americana, ad Austin (Texas), lo scorso anno.
Il montaggio dell’album segue pedissequamente la sequenza filmica di tutta la musica per come compare nel film The Beyond, conferendo un’atmosfera fortemente lirica ad una delle pellicole più fascinose della decade del terrore: gli anni ’80.

 

https://www.facebook.com/Frizzi-2-Fulci-North-Americas-Tour-2017-1529243700699407/

For infos and bookings> Agent: Daniele De Gemini - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Video: https://youtu.be/TxckE1tEx9w

Cyhra: Il debut album della nuova band di Jesper Stromblad

Martedì, 29 Agosto 2017 23:05 Pubblicato in News

Lo storico chitarrista e fondatore degli In Flames, Jesper Stromblad, insieme all'ex cantante degli Amaranthe Jake E. torneranno il 20 ottobre con un nuovo progetto musicale dal nome Cyhra. Il debut album si intitolerà "Letters To Myself" e sarà pubblicato dalla Spinefarm Records. Di seguito la track-list:

Letters To Myself

1. Karma
2. Heartrage
3. Here to Save You
4. Muted Life
5. Closure
6. Letter to Myself
7. Dark Clarity
8. Holding Your Breath
9. Rescue Ride
10. Black Wings
11. Inside a Lullaby
12. Dead to Me
13. Letters to Myself

Intervista: Exhume To Consume (Gianluca Lucarini)

Giovedì, 10 Agosto 2017 22:08 Pubblicato in Interviste

Solo qualche mese fa abbiamo parlato con il chitarrista Gianluca Lucarini, del progetto Rome In Monochrome. Nella chiacchierata di oggi invece siamo andati a “sviscerare” (mai termine fu più appropriato), tutti i retroscena dell’Ep Let The Slaughter Begin (di cui potete leggere la recensione fatta dal collega Daniele Ogre sul nostro portale ndr.) del suo progetto musicale più estremo: gli Exhume To Consume.

 

Ciao Gianluca eccoci di nuovo a chiacchierare insieme di musica. Ma questa volta non parleremo dei Rome In Monochrome, ma di un’altra tua creatura musicale, che ha un sound completamente diverso rispetto ai Rome. Ti va di dirci come sono nati gli Exhume To Consume e di presentarci i componenti della band? Ricordo che alcuni di loro già fanno parte dei Rome, giusto?

Ciao Gianni, ben trovato, e grazie di avermi di nuovo ospite qui a Allaroundmetal. Ho formato gli Exhume To Consume nel 2015, perché ho sentito il desiderio di ritornare a quello che è il mio background musicale, e quindi il death metal, pero’ con un progetto che fosse originale e contaminato. Ricordi bene! Alessio (chitarra) e Marco(basso), suonano con me anche nei Rome In Monochrome, ed oltre a me (chitarra), ci sono due nuovi membri nella band: Luis Maggio alla voce (Bloodtruth/Sudden Death), ed Andrea Pro (Sudden Death/Martyrium).

 

Immagino che il vostro moniker sia un omaggio ai primissimi Carcass. Visto che ci siamo, che ne pensi dello cambio di stile che ha avuto la band inglese rispetto ai suoi esordi? E del loro ritorno sulle scene, dopo così tanti anni da quel “Swansong”, che sembrò essere in tutto e per tutto il canto del cigno dei Carcass?

Il monicker è sicuramente un omaggio ai primi Carcass, che è la mia band preferita di sempre tra l’altro. Penso che il cambio di stile sia una cosa naturale per una band di tale caratura, le persone crescono, si evolvono, e trovo quindi normale l’approccio a sonorità diverse rispetto a quelle degli esordi. Sicuramente la reunion del combo inglese mi ha fatto un immenso piacere, e devo dire che il loro nuovo materiale non mi dispiace affatto.

 

A quali altri gruppi vi ispirate?

Le bands che sono per noi fonte d’ispirazione sono: Devourment, Internal Bleeding, Suffocation, primi Immolation, primi Pyrexia, Broken Hope, ed ovviamente Carcass.

 

Torniamo a noi. Parlaci del vostro Ep “Let The Slaughter Begin”. Chi è il compositore dei brani? Come nasce un pezzo degli Exhume To Consume? A cosa si ispirano i testi?

Io scrivo tutti brani, che poi in studio vengono riarrangiati insieme a tutta la band. Alcune volte invece, ci troviamo a jammare ed escono fuori dei riffs interessanti, che poi sviluppiamo e tramutiamo in un pezzo. Non abbiamo testi al momento, per questo ep d’esordio abbiamo preferito l’attitudine “no lyrics”, quindi solo “grunts and squeals”. Nel futuro chissà, visto anche l’ingresso di Luis nella band, magari si potrebbe occupare lui delle liriche.

A partire dall’intro al disco (a proposito da dove lo avete preso quell’estratto?), passando per titoli come “Happy MILF” o “Hole You Can Eat” sembra che tutto il lavoro sia permeato da una sorta di humor nero o sbaglio?

No, non sbagli assolutamente, l’approccio che abbiamo è molto sarcastico, ed il black humor è il denominatore comune a tutti i nostri brani. L’intro all’inizio di “Bon Appetit”, così come i samples all’interno della canzone, sono presi da un cortometraggio horror, che racconta la storia di due becchini necrofagi.

 

Per quanto siate principalmente una brutal death metal band, i brani del disco hanno diverse contaminazioni, a partire da certi soli melodici, che nel genere sono elitari, fino ad arrivare a brani come “Hole You Can Eat” che ha delle sfumature industrial. La contaminazione è un qualcosa che ricercate?

La contaminazione è un elemento fondamentale per il sound degli Exhume To Consume, come ho detto in apertura d’intervista. L’originalità è la cosa alla quale ambisco. Vorrei che il nostro sound fosse così riconoscibile e personale, da diventare il nostro trademark. Non c’interessa suonare come altre 1000 bands che popolano la scena.

 

Chi è stato l’autore dell’artwork del disco?

L’artwork è stato realizzato dall’artista tedesco Bloodboy, che ha lavorato anche per Kreator, Heaven Shall Burn, Cataract, Kataklysm, Dying Fetus.

 

Avete in programma qualche serata per promuovere “Let The Slaughter Begin”?

Una volta rodata la nuova lineup, sicuramente faremo delle date live a supporto di “Let the slaughter begin”.

 

State per caso lavorando anche ad un full-lenght?

Non abbiamo ancora iniziato, ma a fine anno cominceremo ad arrangiare le idee per il nostro full lenght.

 

Come stai messo invece con i tuoi altri progetti: i Rome in Monochrome ed i Degenerhate?

Con i Rome In Monochrome, abbiamo finito di registrare il nostro full lenght d’esordio intitolato “Away from light”, e stiamo aspettando un’etichetta interessata a pubblicarlo, nel mentre facciamo qualche data in giro. Con i Degenerhate al momento siamo fermi, ma da Settembre inzierò a scrivere il nuovo album

 

Bene Gianluca, siamo arrivati al termine di questa breve chiacchierata. Come al solito, la parola va a te.

Grazie 1000 Gianni per la tua solita disponibiltà! Invito tutti i tuoi lettori a seguirci sulla nostra pagina Facebook: www.facebook.com/exhumetoconsumeofficial

Stay tuned ghouls!!!!!

Ensiferum: Tornano con il settimo album

Mercoledì, 19 Luglio 2017 22:38 Pubblicato in News

Il 15 settembre la Metal Blade pubblicherà "Two Paths", settimo album degli Ensiferum, che segue a due anni di distanza il precedente "One Man Army". Di seguito potete leggere i titoli dei brani del disco e sul seguente link (http://www.metalblade.com/ensiferum) potete ascoltare in anteprima il singolo: "For Those About To Fight For Metal" 

 

Two Paths

1. Ajattomasta Unesta
2. For Those About to Fight for Metal
3. Way of the Warrior
4. Two Paths
5. King of Storms
6. Feast with Valkyries
7. Don't You Say
8. I Will Never Kneel
9. God Is Dead
10. Hail to the Victor
11. Unettomaan Aikaan
12. God Is Dead (Alternative Version)
13. Don't You Say (Alternative Version)

releases

Una raccolta del materiale 2013-2015 per i canadesi Human Compost
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Angerot ed il culto dell'Old School Swedish Death
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto esordio per i greci Sense Of Fear
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Burden Of Grief: la formula perfetta per l'album perfetto
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Emerald Sun ed il loro piacevole power metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arkheth, un nome da tenere in considerazione per il futuro!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dagli States lo spietato Blackened Death dei Blood of the Wolf
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un post grunge/rock gotico e malinconico per i Thelema
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
SPLENDIDO DEBUTTO PER I MILANESI SLABBER!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un hard rock maturo, ben composto e suonato con i Rhino Proof
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tuffo negli Eighties con i Groupie High School
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla