A+ A A-
Ninni Cangiano

Ninni Cangiano

Keep the faith alive!!

URL del sito web: Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dettagli sul disco degli Ophe

Lunedì, 13 Novembre 2017 14:50 Pubblicato in News

OPHE

Gli OPHE rivelano artwork e tracklist del loro debutto

Il prossimo Febbraio, il progetto Avantgardish Black Metal OPHE, pubblicherà il suo debut album intitolato "Litteras Ad Tristia Maestrum Solitude" la cui cover è un dipinto dell'artista francese Jeff Grimal (http://jeffgrimal.net).
L'album, registrato e mixato da Edgard Chevallier presso i suoi Lower Tones Place Studio, è un lavoro estremamente avantgardish e sperimentale con radici salde nel Black Metal e con la volontà di tracciare nuovi confini ad un suono che va dal Metal più estremo, all'Avantgarde music con atmosfere oscure.

Bargnatt XIX, già voce e chitarre con gli OMRÅDE, suona qui tutti gli strumenti oltre che la voce, mentre le schizofrenie di sax sono opera di Val Dorr.
Chi vive di DHG/Dødheimsgard, Fleurety, Blut Aus Nord, Manes, Manii, Anorexia Nervosa ed Aevangelist troverà soddisfazione alla propria dipendenza.

"Litteras Ad Tristia Maestrum Solitude" uscirà per My Kingdom Music il 16 Febbraio 2018.

La tracklist è la seguente: 1. Somnum Sempiternum - 2. Decem Vicibus - 3. XVIIII - 4. Missive Amphibologique D'Une Adynamie A La Solitude - 5. Cadent

L'album è in pre-order su: http://smarturl.it/OPHE-CD


Siti ufficiali:
- MY KINGDOM MUSIC: www.mykingdommusic.net
www.facebook.com/mykingdommusic.label
- OPHE: www.facebook.com/OPHEBM

 

Video dei Right to the Void

Lunedì, 13 Novembre 2017 14:47 Pubblicato in News

Il video ufficiale "Lines" dei Right to the Void é da oggi su VEVO!

I francesi Right to the Void (progressive death metal) sono orgogliosi di annunciare che il video ufficiale "Lines" é da oggi su VEVO / YouTube.
"Lines" é un brano tratto dall'EP "Lūnātĭo" disponibile a partire dal 17 Novembre via Wormholedeath.

Video credits 
Video directed and produced by
Spotcase

Corrosion Of Conformity: a gennaio il nuovo album

Lunedì, 13 Novembre 2017 11:23 Pubblicato in News

CORROSION OF CONFORMITY - pubblicano "No Cross No Crown" il 12 gennaio 2018!
 
Ogni qualvolta i CORROSION OF CONFORMITY pubblicano un album, fanno parlare di sé, ma quest’ultimo è davvero un evento. Sono circa dodici anni che i CORROSION OF CONFORMITY non registrano del nuovo materiale con il cantante/chitarrista Pepper Keenan. In tutti questi anni si è vociferato parecchio circa una reunion della leggendaria band Southern rock. Nel 2014, dopo quasi una decade al servizio dei DOWN, Keenan è si è riunito al trio dei CORROSION OF CONFORMITY, composto da Woody Weatherman, Mike Dean e Reed Mullin per suonare dal vivo. "Reed mi ha chiamato parlandomi di suonare un paio di concerti”, ricorda Keenan. "Gli ho detto: 'Andiamo in Europa e vediamo che succede’. Quindi ci siamo andati e abbiamo finito per tornarci quattro volte in un anno. Siamo stati in tour per un anno intero e poi abbiamo iniziato a comporre, dieci o undici mesi fa”.
 
Ora l’attesa è finita. I CORROSION OF CONFORMITY tornano con “No Cross No Crown”, un album che suona come se il tempo non fosse trascorso da “In The Arms Of God” del 2005 e oggi. Oltre a lanciare i pre-ordini, la band presenta anche il primo singolo, 'Cast The First Stone'.
 
https://www.youtube.com/watch?v=ljxyItzRZm4
 
Registrando in North Carolina con il produttore John Custer, i CORROSION OF CONFORMITY hanno dato vita a “No Cross No Crown” in una quarantina di giorni lungo un anno intero. “Ci siamo presi il nostro tempo e non abbiamo sentito alcuna pressione su di noi”, dice Keenan. "Arrivavo da New Orleans e lavoravamo quattro o cinque giorni alla volta. È stato divertente perché abbiamo fatto come un demo, ma in uno studio. Noi stavamo scrivendo e registrandolo allo stesso tempo. Abbiamo preso le parti che pensavamo fossero grandiose fin dai vecchi tempi e non abbiamo avuto paura di guardarci indietro”.
 
Alcune di queste nuove jam potrebbero tranquillamente stare su “Wiseblood” o “Deliverance”, due dei dischi più apprezzati dei CORROSION OF CONFORMITY. Su “No Cross No Crown”, brani Southern come 'The Luddite', 'Little Man', e 'Forgive Me' sono inframmezzati da interludi di chitarra malinconici come 'No Cross', 'Matre's Diem' e 'Sacred Isolation', proprio come erano soliti fare i SABBATH negli anni ‘70. "Abbiamo iniziato a fare così su ‘Deliverance’", racconta Keenan.
"Io sono dell’idea che se stai cercando di realizzare un disco fluido, sia necessario lasciarsi un po’ andare. Quando hai bisogno di un attimo di respiro, inserisci un interludio. Mi piace scrivere dei pezzi suadenti per lasciare poi spazio a materiale più pesante".
 
Il titolo è stato ispirato dal recente tour in Inghilterra. "Abbiamo suonato in questa chiesa del 1500, oggi divenuta un centro culturale”, ricorda Keenan. "Il camerino aveva una finestra di vetro colorato rappresentante un poveraccio perseguitato e con sotto scritto ‘No Cross No Crown’, quindi ho fatto mia quell’idea. Non siamo saliti su un pulpito, ma abbiamo utilizzato l’idea come catalizzatore intorno cui scrivere delle canzoni”.
 
“No Cross No Crown” ha molte meno implicazioni politiche o religiose del previsto. “Credo che ognuno abbia bisogno di allontanarsi da quella mentalità”, spiega Keenan. "Là fuori c’è un gran casino. Dobbiamo tornare ad essere umani e a prenderci cura gli uni degli altri e delle cose semplici. Per noi il concetto 'No cross no crown' è un tema e ne parliamo in tre brani”.
 
“No Cross No Crown” dimostra la capacità dei CORROSION OF CONFORMITY di superare se stessi. "I CORROSION OF CONFORMITY e i primi dischi realizzati con loro sono rimasti”, osserva Keenan. "È un onore essere tornati qui e avere l’opportunità di farlo in maniera reale e non come una reunion qualsiasi. Ancora prima di scrivere il disco vedevamo che ce n’era la richiesta e che c’era un vuoto da riempire. È sempre stato così per i CORROSION OF CONFORMITY fin dal primo giorno. Non diamo la caccia a nessuno e non ci preoccupiamo di quale sia la moda del momento. I CORROSION OF CONFORMITY sono i CORROSION OF CONFORMITY".
 
“No Cross No Crown” verrà pubblicato su Nuclear Blast Entertainment il 12 gennaio 2018 in CD, digitale e vinile. I pre-ordini sono attivi: http://www.nuclearblast.com/coc-nocrossnocrown
Chi pre-ordina “No Cross No Crown” in digitale riceverà immediatamente il singolo 'Cast The First Stone'. http://nblast.de/COCCastTheFirstStone
 
Ascoltate la NB Novelties Playlist: http://sptfy.com/2zZF
 
“No Cross No Crown” - Tracklist:
 
01. Novus Deus
02. The Luddite
03. Cast The First Stone
04. No Cross
05. Wolf Named Crow
06. Little Man
07. Matre's Diem
08. Forgive Me
09. Nothing Left To Say
10. Sacred Isolation
11. Old Disaster
12. E.L.M.
13. No Cross No Crown
14. A Quest To Believe (A Call To The Void)
15. Son And Daughter
 
Prima della pubblicazione di “No Cross No Crown”, i CORROSION OF CONFORMITY intraprenderanno un tour in Nord America con i BLACK LABEL SOCIETY.
 
 
CORROSION OF CONFORMITY sono:
Pepper Keenan | voce, chitarra
Woodroe Weatherman | chitarra
Mike Dean | basso, voce
Reed Mullin | batteria, voce
 
www.coc.com
www.facebook.com/corrosionofconformity
www.twitter.com/coccabal
www.nuclearblast.de/corrosionofconformity

Video dei Destruction

Lunedì, 13 Novembre 2017 11:21 Pubblicato in News

DESTRUCTION – è uscito “Thrash Anthems II”! Nuovo video online
 
I titani tedeschi del thrash DESTRUCTION hannopubblicato il loro nuovo "best of old school" album “Thrash Anthems II” su Nuclear Blast Records. Per festeggiare l’uscita la band svela il video della canzone 'United By Hatred'.
 
Il video include storiche riprese che ripercorrono i trent’anni di storia della band e scene live dal 1985 al 2016. 
 
https://youtu.be/o0az1Rsx4V8
 
“Thrash Anthems II”è acquistabile in formato fisico (http://nblast.de/DestructionTAIINB) o digitale (http://nblast.de/DestructionDownloads).
 
La scorsa settimana è uscito un video medley con i classici 'United By Hatred', 'Black Death', 'Black Mass' e 'Confound Games'.
 
https://www.youtube.com/watch?v=PE3xsvsKHbU
 
I trailer dell’album sono qui:
Trailer #1: https://www.youtube.com/watch?v=zz1G5fz_JuU
Trailer #2: https://www.youtube.com/watch?v=a5wIt0Newps
 
Nel 2007 i DESTRUCTION hanno dimostrato che si possono registrare con successo classici senza tempo, re-immaginandone la storia. Canzoni come ‘Frontbeast’, pubblicata solo su un demo nel 1983, sono state incluse nell’album. I fan saranno felici di ascoltare Schmier prestare la sua voce su ‘Rippin You Off Blind’, la cui versione originale è sul disco CRACKED BRAIN.
 
Il seguito di “Thrash Anthems” del 2007 è ora pronto a sconvolgere il mondo del metal e mostra che i fan possono far parte della storia presente e futura della band attraverso una campagna lanciata su PledgeMusic.
 
Il mastermind Schmier dichiara:
“Poiché già in passato abbiamo rilanciato vecchi classici della nostra storia, dando loro una nuova veste, e dato che abbiamo avuto diverse richieste di dare un seguito a ‘Thrash Anthems’, abbiamo deciso di realizzare la seconda parte, svecchiando il materiale classico dei DESTRUCTION anni ’80. Per noi era importante scegliere le tracce con i fan e quando NB non ha voluto realizzare l’album, abbiamo deciso di lanciare una campagna di raccolta fondi per produrlo assieme ai nostri fan più fedeli. Per farla breve, sappiamo che non tutti apprezzeranno le nuove versioni di questi classici thrash, ma in tal caso ascoltatevi gli originali. Per noi era importante tenerli in vita per una nuova generazione di metallari che amano delle registrazioni fresche e brutali. Siamo contenti che la nostra etichetta abbia ora deciso di pubblicare questa raccolta di classici thrash. L’atmosfera del disco è così viziosa, non commerciale e ha il feeling tipico degli anni ’80, ma con un’aggressività che ha reso il nostro thrash così speciale ai bei tempi e ora!”.
 
“Thrash Anthems II” – Tracklist:
01. Confused Mind
02. Black Mass
03. Frontbeast
04. Dissatisfied Existence
05. United By Hatred
06. The Ritual
07. Black Death
08. The Antichrist
09. Confound Games
10. Ripping You Off Blind
11. Satan’s Vengeance
Bonus Track:
12. Holiday in Cambodia (DEAD KENNEDYS Cover)
 
L’artwork è stato realizzato dall’ungherese Gyula, già autore delle copertine di ANNIHILATOR, GRAVE DIGGER, STRATOVARIUS, TANKARD e molti altri.
 
www.destruction.de
www.facebook.com/destruction
www.nuclearblast.de/destruction

 

releases

"Ossidiana", il quinto capolavoro dei Folkstone
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il quarto album dei power metallers Eternal Flight
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Serenade, poche emozioni per i miei gusti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrayan Path, sarà il disco della consacrazione?
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Se siete alla ricerca di un buon classic hard rock i Babylon A.D. fanno per voi!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash Anthems II: il nuovo spettacolare lavoro dei titani Destruction
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Hitwood: a distanza di pochi mesi un nuovo interessante EP prende vita
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Spagna il secondo atto dell'opera symphonic progressive dei Nebulosa XY!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un singolo in attesa dell'album dei Crystal Gates
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lunga vita ai Blazon Stone!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Incursed: L'antipasto di "Amalur"
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: un progetto solista davvero interessante made in Italy
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla