A+ A A-
 

Kliodna, l'ennesima gemma ingiustamente sepolta nell'underground Kliodna, l'ennesima gemma ingiustamente sepolta nell'underground Hot

Kliodna, l'ennesima gemma ingiustamente sepolta nell'underground

recensioni

gruppo
titolo
"Way of heroes"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Bring me her head (ft. Fabio Lione, Chris De Wolf, Alina Dzhezhora) =ASCOLTA=
2. Wind of freedom (Hymn for nations)
3. Jester killer
4. Hope for healing
5. Forgotten heroes =ASCOLTA=
6. You are a hero
7. Winter symphony (Ice & fire)
8. Scream of silence
9. For a new day to come (ft. Ralf Scheepers) =ASCOLTA=

LINE UP:
Natasha Senko – voce
Vasily Silura – basso
Anton ‘Tony’ Soulless – chitarre
Dmitry Tyumentsev – chitarre
Pavel Tumanov – batteria

opinioni autore

 
Kliodna, l'ennesima gemma ingiustamente sepolta nell'underground 2023-01-05 11:27:14 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    05 Gennaio, 2023
Ultimo aggiornamento: 05 Gennaio, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Kliodna arrivano da Minsk in Bielorussia e sono attivi da circa un decennio, periodo in cui hanno rilasciato numerosi singoli, un EP nel 2014 ed un LP nel 2016 (al sottoscritto sconosciuti purtroppo), fino al mese di ottobre 2022 in cui si sono autoprodotti questo “Way of heroes”, secondo full-length, dotato di piacevole artwork, opera dell’artista greco Giannis Nakos (Evergrey, Darktribe e tanti altri). Il disco è composto da nove tracce (finalmente un album senza inutilissime intro!!) per una durata totale di poco superiore ai 47 minuti, segno che il songwriting non è prolisso e non ci sono pezzi dal minutaggio esagerato. Il genere suonato dai Klionda è un Symphonic Power con voce femminile (fortunatamente non lirica), molto teatrale ed elegante che potrebbe ricordare gli Imperial Age; qualche richiamo, inoltre, a sonorità vicine ai Nightwish lo troviamo qua e là nel disco, pur nella differenza stilistica delle voci; c’è anche una massiccia presenza di cori, nonché di qualche sonorità orientaleggiante (“Winter symphony”); non manca l’energia quando serve (come in “Jester killer”), grazie all’apporto di rare backing vocals in growling che non guastano; è però soprattutto la batteria dell’ottimo Pavel Tumanov ad imporre ritmi sempre frizzanti, grazie al sapiente uso della doppia cassa. Naturalmente, strumenti protagonisti sono le due chitarre, ma anche le tastiere di cui però è ignoto l’autore. Come detto, la voce di Natasha Senko non è lirica (anche se dimostra di conoscere questa tecnica canora nell’operistica “Scream of silence”), ma nemmeno particolarmente aggressiva, risultando quindi molto melodica, gradevole e mai stucchevole; accanto a lei ci sono poi diversi ospiti, fra cui segnaliamo due mostri sacri come Fabio Lione (nell'opener "Bring me her head") e Ralph Scheepers (nella conclusiva “For a new day to come”). Quando mi trovo a recensire dischi così ben fatti e piacevoli da ascoltare e riascoltare, mi chiedo sempre come possa il music business essere così miope, continuando ad ammorbarci ed a sommergerci di immondizie musicali, quando poi simili gemme restano sepolte nell’underground e costrette all’autoproduzione! Speriamo che questo ottimo “Way of heroes” sia un trampolino di lancio per i Kliodna, perché meritano davvero ogni attenzione.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Speed metal roboante che viaggia su ritmi infernali per i Seax
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primo full-length per gli abruzzesi A Vintage Death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i fans del classico US Death Metal, il quarto album dei Faithxtractor
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ritorno in grande stile per gli Xandria, con una band quasi del tutto rinnovata
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al secondo album registriamo un netto miglioramento per i Sanguisugabogg
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli Act of Impalement un Death/Doom della vecchia scuola: semplice ed efficace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dai Just Before Dawn un EP di UK Death Metal sulla Guerra del Vietnam
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sins of Shadows, forse qualche minuto in meno avrebbe giovato
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Termination Force e la nostalgia del passato
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera, ancora un centro pieno!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tragico, epico, atmosferico: EP di debutto per Druids of Eld
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla