A+ A A-
 

Feroci, battaglieri e primordiali: i Satanic Warmaster non deludono mai Feroci, battaglieri e primordiali: i Satanic Warmaster non deludono mai Hot

Feroci, battaglieri e primordiali: i Satanic Warmaster non deludono mai

recensioni

titolo
Aamongandr
etichetta
Werewolf Records
Anno

PROVENIENZA: Finlandia

GENERE: Black Metal

TRACKLIST:
1. Bafomet =VIDEO=
2. Duke's Ride
3. Berserk Death
4. The Eye Of Satan =VIDEO=
5. Darkness... Triumphator
6. Barbas X Aamon

LINE-UP:
Werwolf - voce, chitarre

SESSION MEMBERS: 
Nattravn - chitarre 
Necroterror (Cadaveric Incubator, ex-Slugathor) - basso 
Trollhorn (Finntroll, Moonsorrow) - tastiere 
Grond - batteria

opinioni autore

 
Feroci, battaglieri e primordiali: i Satanic Warmaster non deludono mai 2023-01-17 20:32:05 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    17 Gennaio, 2023
Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Indipendentemente da quelle che sono le - discutibili - idee politiche del personaggio, è indubbio quanto Werwolf e la sua one man band Satanic Warmaster sia una delle massime espressioni della forma più pura del Black Metal. Il carattere oltranzista dell'artista si riflette ormai da più di vent'anni nella sua musica che da oltre vent'anni regala delle sferzate egregiamente degne di nota. Non è da meno questo "Aamongandr", sesto album per il finlandese che giunge dopo un lungo silenzio durato otto anni dal precedente - ed ottimo - album "Fimbulwinter". Viene da sé che per gli amanti del genere questo era un appuntamento super gradito, considerando anche quanto detto più su, ovvero che il Black Metal che fuoriesce dalla mente del mastermind Werwolf è quanto di più iconico e feroce ci si potrebbe aspettare dal genere. Eppure l'indubbia capacità compositiva dei Satanic Warmaster permette alla band di produrre sempre e comunque musica ottima che non sfocia mai nell'autoreferenzialità o nel banale; questo di fatto rende il gruppo più che degno di nota. A differenza del suo predecessore, questo "Aamongandr" si presenta quasi sotto una maligna ed oscura nuova luce: laddove erano l'impostazione più à la Behexen o Horna, ora abbiamo un sapiente uso del sintetizzatore e di sezioni melodiche che rendono le composizioni epiche, ferocissime e battagliere. Non stupisce se si troveranno vicinanze con gli Emperor, i Dissection (seppur appena accennati qua e là), i Cradle Of Filth e, in generale, quel filone del Black. Tuttavia l'ottimo lavoro svolto da Werwolf in questa prova si dimostra proprio in questa sua capacità di essere certamente più melodico ma mai totalmente riconducibile a quei lidi: segno che le fortissime radici sono ancora ben salde alla fine del millennio e a quella crudezza dell'epoca. A testimonianza di ciò interviene la seconda metà del disco - sei tracce totali - a riportare, per così dire, il sound dei Satanic Warmaster verso territori ben più conosciuti. Da segnalare la splendida e conclusiva "Barbas X Aamon" che non sfigurerebbe per niente in "Filosofem" di Burzum. Da qui ci riagganciamo a quanto detto all'inizio: l'encomiabile capacità di scrittura del mastermind che pur restando all'interno di stilemi e modus operandi ampiamente noti, riesce sempre e comunque a regalare emozioni uniche. Ecco perché gli si perdona quel leggero senso di ripetitività che forse potrebbe venir fuori minuto dopo minuto. In definitiva riteniamo "Aamongandr" un disco da avere assolutamente.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo album di Ace Frehley non soddisfa a pieno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Amaranthe raggiungono l’apice della loro essenza con “The Catalyst”
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arcane Tales: ci si tuffa all'interno di un viaggio di purissimo Symphonic Power Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla