A+ A A-
 

Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia Hot

Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia

recensioni

gruppo
titolo
Through the Black Bubble
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: USA 

GENERE: Death/Doom Metal 

FFO: Tombs, Dream Unending, Worm, Assumption, Esoteric 

LINE UP: 
Dave Coppola - voce, chitarre, basso 
Tim - Donovan - chitarre 
Tim Winson - tastiere, synth, drum programming 

TRACKLIST: 
1. Through the Black Bubble [06:04] 
2. Preaching to the Fire [05:43] 
3. What We Will Never Be [05:07] 
4. A Spokesman for No One [06:27] 
5. The Old Suckers [05:42] 
6. Vitriolic Tide [04:30] 
7. A Fragment of Father Time [04:50] 
8. Super Morbidly Deceased [07:40] =VIDEO= 

opinioni autore

 
Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia 2023-01-19 18:26:56 Daniele Ogre
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    19 Gennaio, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hanno mutato pelle diverse volte gli americani Invertia nel corso della loro carriera lunga ormai due decenni; partendo da un Industrial Black Metal à la Mysticum/Dødheimsgard/Thorns, passando poi per un più "svedese" Death/Punk, fino ad arrivare al Death/Doom odierno con il loro quarto studio album, l'autoprodotto "Through the Black Bubble". Vero che qualcosa di 'industrialoide' nel loro sound gli Invertia l'hanno mantenuto - vedasi certe ritmiche, l'uso di elettroniche dall'afflato sinistro e della drum machine, le seconde voci nella title-track e, soprattutto, gli effetti sempre presenti nelle vocals di Dave Coppola -, ma in ogni caso la virata verso sonorità vicine a gruppi come Dream Unending, Worm ed Assumption si sentono abbastanza. Vero, il confronto con gruppi che vivono questo genere sin dal loro primo ruggito potrebbe apparire impietoso, ma gli Invertia si son messi d'impegno per far uscire un lavoro discreto; e in buona parte potremmo dire che ci sono riusciti. Diciamocelo subito, in generale "Through the Black Bubble" è un disco che si attesta su di una semplice sufficienza: l'album vive su mid ed up-tempo e deve molto della sua discreta riuscita al lavoro chitarristico di Tim Donovan, ma va anche detto che chi è abituato ad ascoltare questo genere troverà anche diverse componenti che potrebbero far storcere il naso; ed ancora torniamo su quanto affermato prima: molte ritmiche tipiche dell'Industrial, gli effetti sulla voce. Degli otto brani che compongono i 3/4 d'ora di quest'album, troviamo che ad essere sopra la media è giusto il buonissimo singolo "Super Morbidly Deceased", che tra arpeggi ed atmosfere mortifere è quello che più s'avvicina agli intenti dei Nostri in questo per loro nuovo genere. Insomma, c'è da lavorarci su: gli Invertia dovranno avvicinarsi maggiormente a quelli che sono gli standard del genere con qualche aggiustamento qua e là: a partire dall'eliminare gli effetti sulle voci ed il procurarsi un batterista in carne e ossa.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Speed metal roboante che viaggia su ritmi infernali per i Seax
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primo full-length per gli abruzzesi A Vintage Death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i fans del classico US Death Metal, il quarto album dei Faithxtractor
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ritorno in grande stile per gli Xandria, con una band quasi del tutto rinnovata
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al secondo album registriamo un netto miglioramento per i Sanguisugabogg
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli Act of Impalement un Death/Doom della vecchia scuola: semplice ed efficace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dai Just Before Dawn un EP di UK Death Metal sulla Guerra del Vietnam
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sins of Shadows, forse qualche minuto in meno avrebbe giovato
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Termination Force e la nostalgia del passato
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera, ancora un centro pieno!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tragico, epico, atmosferico: EP di debutto per Druids of Eld
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla