A+ A A-
 

Ennesimo buon disco dalla Danimarca: nuovo album per i Deiquisitor Ennesimo buon disco dalla Danimarca: nuovo album per i Deiquisitor

Ennesimo buon disco dalla Danimarca: nuovo album per i Deiquisitor

recensioni

titolo
Apotheosis
etichetta
Extremely Rotten Productions
Anno

PROVENIENZA: Danimarca 

GENERE: Death Metal 

FFO: Immolation, Incantation, Dead Congregation, Drawn and Quartered, Morbid Angel 

LINE UP: 
Thomas F.J. - voce, chitarre 
Daniel A. - basso, voce 
Henrik B.C. - batteria 

TRACKLIST: 
1. Humanoid [05:48] =ASCOLTA= 
2. Striving for Destruction [04:28] 
3. Autosarcophagy [04:29] 
4. The Eyes of Worms [04:39] 
5. Apophis [04:01] 
6. Reflected by the Void [03:49] 
7. Deiquisitor [03:39] 
8. Atomic Assassins [04:27] 
9. Praise the Lord [04:30] 

Running time: 40:10 

opinioni autore

 
Ennesimo buon disco dalla Danimarca: nuovo album per i Deiquisitor 2023-01-25 17:21:37 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    25 Gennaio, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che la Danimarca sia diventato ormai uno dei centri nevralgici del Death Metal in Europa, è cosa che abbiamo scritto diverse volte; tra festival - in primis i mitico Kill-Town Death Fest, ma anche l'Unearthed Morbidity) e gruppi, la scena danese è ormai in un continuo fermento, un ribollire magmatico che sembra avere tutta l'intenzione di continuare ancora ed ancora. Meno famosi di altri colleghi (un nome a caso: Undergang) ma comunque tra i nomi più interessanti da seguire con particolare attenzione ci sono i Deiquisitor, trio di Ringsted che abbiamo già ospitato sulle nostre pagine con l'EP "Humanoid" e con il loro debut album omonimo (quando il sottoscritto ancora non era nello staff di AAM). A circa un paio d'ìanni dall'EP, comunque, i Deiquisitor tornano con il loro quarto full-length: "Apotheosis", rilasciato da Extremely Rotten Productions. Coordinate stilistiche dei Deiquisitor che restano immutate da quelle che abbiamo già imparato a conoscere: un Death Metal della vecchia scuola dai toni altamente sulfurei, che vede come primarie influenze i vecchi lavori di colossi come Immolation, Incantation e Dead Congregation. Delle sonorità meno caliginose e "putride" rispetto a quanto siamo abituati da questa nazione scandinava, ma non di meno potente e roccioso; si nota infatti sin da subito l'amalgama tra la granitica sezione ritmica ed il riffingwork forsennato di Thomas: i Deiquisitor hanno né più né meno scritto una manciata di brani - nove per l'esattezza, per 40 minuti totali - atti a non dare nemmeno un attimo di pausa: una volta premuto il tasto play ci si ritrova avvolti da atmosfere fumose e mortifere, circondati da cadaverici miasmi, con soluzioni tutto sommato semplici - nel senso che rispettano in pieno i più classici dettami del Death Metal - ma quanto mai efficaci, come possiamo ascoltare ad esempio in bordate come l'opener "Humanoid", "The Eyes of Worms" (senza il minimo dubbio il pezzo più violento in tracklist), "Autosarcophagy" o "Reflected by the Void". Anche per i Deiquisitor vale lo stesso discorso fatto già diverse volte: se come chi vi scrive ancora non siete sazi di Death Metal nella sua forma più lisergica e violenta, se non ne avete mai abbastanza di sonorità che si rifanno in tutto e per tutto alla vecchia scuola, allora anche questo buonissimo "Apotheosis" - che colpisce per la sua solidità - non sfigurerebbe assolutamente all'interno delle vostre collezioni.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Speed metal roboante che viaggia su ritmi infernali per i Seax
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primo full-length per gli abruzzesi A Vintage Death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i fans del classico US Death Metal, il quarto album dei Faithxtractor
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ritorno in grande stile per gli Xandria, con una band quasi del tutto rinnovata
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al secondo album registriamo un netto miglioramento per i Sanguisugabogg
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli Act of Impalement un Death/Doom della vecchia scuola: semplice ed efficace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dai Just Before Dawn un EP di UK Death Metal sulla Guerra del Vietnam
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sins of Shadows, forse qualche minuto in meno avrebbe giovato
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Termination Force e la nostalgia del passato
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera, ancora un centro pieno!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tragico, epico, atmosferico: EP di debutto per Druids of Eld
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla