A+ A A-
 

Al secondo album registriamo un netto miglioramento per i Sanguisugabogg Al secondo album registriamo un netto miglioramento per i Sanguisugabogg Hot

Al secondo album registriamo un netto miglioramento per i Sanguisugabogg

recensioni

titolo
Homicidal Ecstasy
etichetta
Century Media Records
Anno

PROVENIENZA: USA 

GENERE: Brutal Death Metal 

FFO: Mortician, Fluids, Lividity, Fulci, Devourment 

LINE UP: 
Devin Swank - voce 
Ced Davis - chitarre 
Drew Arnold - chitarre, basso 
Cody Davidson - batteria 

TRACKLIST: 
1. Black Market Vasectomy [02:56] 
2. Face Ripped Off [02:53] =VIDEO= 
3. Pissed [03:18] =VIDEO= 
4. Testicular Rot [04:24] 
5. Hungry for Your Insides [01:31] 
6. Skin Cushion [03:07] 
7. A Lesson in Savagery [04:27] 
8. Narcissistic Incisions [04:41] 
9. Mortal Admonishment [05:03] 
10. Proclamation of the Frail [04:15] 
11. Necrosexual Deviant [04:07] =VIDEO= 
12. Feening for Bloodshed [04:34] 

Running time: 45:16 

opinioni autore

 
Al secondo album registriamo un netto miglioramento per i Sanguisugabogg 2023-02-05 18:32:36 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    05 Febbraio, 2023
Ultimo aggiornamento: 05 Febbraio, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se ricordate la prima apparizione dei Sanguisugabogg sulle nostre pagine, allora saprete che il loro debut album "Tortured Whole" fu un'autentica delusione, soprattutto per l'enorme battage promozionale dovuto al loro immediato approdo su Century Media Records unito ad un sound senza né arte né parte, tanto da chiedersi cosa ci facessero sotto un colosso simile. Ma più in generale il lavoro di scouting nell'underground Death Metal di Century Media è stato mediamente deludente (basta ricordare anche i Frozen Soul). Passati circa due anni, i Sanguisugabogg tornano con "Homicidal Ecstasy", secondo album licenziato sempre da Century Media: avvicinatomi a questa nuova release con più di un dubbio, il quartetto di Columbus (Ohio) ha sinceramente saputo sorprendermi. Sembra che l'esperienza maturata in questi due anni di live quasi continui abbiano portato in dote alla band statunitense una maggior ispirazione in fase di scrittura di questa nuova opera. "Homicidal Ecstasy" è in generale un lavoro sufficiente, ma che rispetto al passato recente (il debut album, per l'appunto) rappresenta comunque un enorme passo avanti. Il disco è infatti solido, con un riffingwork efficace e una maggiore cura ai dettagli più piccoli. Sia chiaro, i Nostri non hanno abbandonato la loro passione per il Gore e l'umorismo macabro, ma sul piano prettamente musicale sin dall'opener "Black Market Vasectomy" non sembra più di essere davanti a una copia riuscita male dei Mortician. Si nota come tra un breakdown spacca collo ed un blast beat frenetico, ci sia nel sound dei Sanguisugabogg una nuova linfa vitale dovuta ad un certo approccio più Death/Hardcore (Creeping Death, Xibalba e compagnia) ed anche al sapersi aprire a fugaci aperture melodiche (sì, avete letto bene; "Narcissistic incisions" e "Feening for Bloodshed" sono due esempi). Non mancano certo pezzi un filo più in linea col predecessore come la breve "Hungry for Your Insides", ma troviamo anche canzoni decisamente più interessanti come la già citata opening track "Black Market Vasectomy", "Testicular Rot" e "A Lesson in Savagery", pezzo quest'ultimo che vi farebbe perdere qualsiasi 'try to not headbang challenge'. La sensazione per il sottoscritto è che si possa tirare una bella "X" sulla precedente produzione dei Sanguisugabogg (che sarebbero poi un demo ed un album) e che si possa prendere questo "Homicidal ecstasy" come il reale punto di partenza da cui si dipanerà la carriera della band americana. Considerate le aspettative iniziali, una gran bella sorpresa.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Obscurial: dal Sud-Est asiatico una band per i cultori dello US Death Metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Devotion: una band per i più intransigenti fans del Death Metal old school
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Coffin Curse: dal Cile ancora un altro ottimo disco Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Dying Bride: classe ed eleganza come sempre inalterate
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nubian Rose: un Melodic Rock dalle tinte Prog con suoni futuristici
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ritorno epico per i Greyhawk, più Metal che mai
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per i Ri'lyth un secondo album degno di nota
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla