A+ A A-
 

Crom: un disco che riesce a mantenere quasi sempre elevato il livello di coinvolgimento. Crom: un disco che riesce a mantenere quasi sempre elevato il livello di coinvolgimento. Hot

Crom: un disco che riesce a mantenere quasi sempre elevato il livello di coinvolgimento.

recensioni

gruppo
titolo
The Era Of Darkness
etichetta
From The Vaults
Anno

TRACKLIST:
1. Into The Glory Land
2. Heart Of The Lion
3. The Era Of Darkness =ASCOLTA=
4. Higher Ground =VIDEO=
5. Together We Ride
6. In Your Eyes
7. Riding Into The Sun
8. The Forsaken
9. When Will The Wounds Ever Heal
10. Bridge To Paradise
11. A New Star
12. The L ast Unicorn

LINE UP:
Walter “Crom” Grosse - voce, chitarre, basso
Steve Peyerl - chitarre
Thomas Hagl - batteria

opinioni autore

 
Crom: un disco che riesce a mantenere quasi sempre elevato il livello di coinvolgimento. 2023-02-15 10:46:42 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    15 Febbraio, 2023
Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Diciamo la verità, i Crom ci erano piaciuti parecchio già con il loro precedente lavoro quel “When Northmen Die” che nel 2017 riuscì ad attirare le attenzioni di molti appassionati. E il ritorno – che si è fatto attendere ben sei anni – non lascia assolutamente delusi e ci ripresenta una massiccia dose di epicità! Power, Heavy, Folk, Viking... sono tutti stili che trovano spazio all'interno della musica composta da Walter “Crom” Grosse (in passato anche nei black metallers tedeschi Dark Fortress) e nei dodici nuovi brani che fanno parte della tracklist di “The Era Of Darkness”, un disco coinvolgente ed epico, formato da melodie capaci di catturare fin dai primi passaggi sia dal punto di vista vocale che strumentale. La passione del songwriter nordico verso quel sound battagliero alla Bathory è evidente in molti passaggi a partire dall'apertura affidata alla dinamica ”Into The Glory Land”, che alterna momenti più ragionati a qualche esplosione metallica, il tutto confezionato in maniera impeccabile da cori e ritornelli canticchiabili. E ancora con “Heart Of The Lion” che si muove su territori maggiormente powereggianti e diretti. Cori possenti si alzano per abbracciare l'epico incedere dell'inno “Higher Ground” e la successiva “In Your Eyes” con la sua partenza a mo' di ballata che poi esplode, trasformandosi in pezzo possente con il suo crescendo finale. La veloce e diretta “Riding Into The Sun” arriva subito alla testa (e che assolo di chitarra sparato a tutta velocità!) assieme alla tiratissima e dalle chiare influenze Viking Metal “Bridge To Paradise”, prima che “When Will The Wounds Ever Heal” ci trascini attorno al fuoco di ritorno da una giornata di battaglia, per gli ultimi boccali di birra prima del riposo. Le note malinconiche di “A New Star” ci accompagnano verso il finale con la voglia di ripremere il tasto play. Metal anthems ai quali è difficile resistere all'interno di un disco che, pur con qualche passaggio meno incisivo, riesce a mantenere quasi sempre elevato il livello di coinvolgimento. Una conferma tutt'altro che scontata per il progetto Crom!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Obscurial: dal Sud-Est asiatico una band per i cultori dello US Death Metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Devotion: una band per i più intransigenti fans del Death Metal old school
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Coffin Curse: dal Cile ancora un altro ottimo disco Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Dying Bride: classe ed eleganza come sempre inalterate
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nubian Rose: un Melodic Rock dalle tinte Prog con suoni futuristici
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ritorno epico per i Greyhawk, più Metal che mai
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per i Ri'lyth un secondo album degno di nota
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla