A+ A A-
 

Un onesto debutto per i Telomyras Un onesto debutto per i Telomyras Hot

Un onesto debutto per i Telomyras

recensioni

gruppo
titolo
"Telomyras"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Cambion =ASCOLTA=
2. Colorless
3. First blood
4. Hydra
5. Throne of ruin

LINE UP:
Sammie Gorham – Voce
Travis Busby – Batteria
Eric Thomas – Basso
Ephraim Grimm – Chitarre
Jack Schonher – Chitarre

opinioni autore

 
Un onesto debutto per i Telomyras 2023-02-17 09:56:32 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    17 Febbraio, 2023
Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si sa molto poco dei Telomyras, gruppo di Seattle, che taglia il traguardo del primo EP con questo disco omonimo, composto da cinque pezzi per una durata totale di circa 25 minuti. Il gruppo ha registrato questo lavoro nell’agosto 2022, per poi rilasciarlo come autoproduzione in questi giorni di metà febbraio 2023. La produzione è alquanto old style e non convince per niente, soprattutto sulla batteria che ha un suono abbastanza fastidioso (rullante e tom implorano pietà, ma anche la doppia cassa fa venire le lacrime). Il sound della band è un piacevole Heavy Metal ispirato alla scuola classica inglese e viene paragonato a gente come Iron Maiden, Smoulder, Megadeth, Crystal Viper, Chastain, Metallica. A volte sinceramente non capisco con quale criterio vengano inseriti certi paragoni e cerco di spiegarmi: in questo disco non c’è assolutamente nulla, ma il nulla del nulla che possa essere anche lontanamente accostabile al Thrash di Metallica e Megadeth; anche degli Iron Maiden c’è poco (giusto un po’ di ritmo e qualche trama di chitarra ritmica, come nell’attacco della conclusiva “Throne of ruin”), mentre con Chastain e Crystal Viper l’unica similitudine potrebbe essere la voce femminile, anche se la giovane Sammi Gorham ha ancora molta strada per poter essere paragonata a mostri sacri come Leather Leone e Marta Gabriel; infine, non ho mai sentito nominare (mea culpa) gli Smoulder e quindi mi astengo. Come detto, l’Heavy dei Telomyras si lascia ascoltare gradevolmente, anche se è evidente che la band americana non ha alcuna intenzione di sembrare innovativa oppure originale, ma suona come miriadi di altri gruppi solo e soltanto per la passione verso quelle sonorità che dagli ormai lontani anni ’80 ispirano un po’ tutti quanti i metalheads del globo terracqueo. Nulla di nuovo sotto questo cielo, quindi, ma almeno un po’ di musica che scorre via piacevolmente e che è in grado di farci passare una mezz’oretta scarsa sbattendo il nostro capoccione al ritmo frizzante imposto dal buon Travis Busby (quanto mi dispiace per il suono della sua batteria!); mi sarei aspettato un po’ più di protagonismo, quanto meno a livello di assoli (a volte poco incisivi), dai due chitarristi, mentre il bassista fa il suo onesto lavoro, facendosi anche sentire piacevolmente ogni tanto; la singer, infine, potrebbe sicuramente essere più espressiva e far meglio, ma è giovane ed ha ancora tanto tempo per studiare e migliorarsi. I Telomyras, con questo loro debutto omonimo, non faranno gridare al miracolo, ma fanno un onesto dischetto che sicuramente merita la sufficienza. Per il futuro, però, servirà avere più personalità e fare di più, partendo magari da una produzione migliore e più al passo coi tempi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Devotion: una band per i più intransigenti fans del Death Metal old school
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Coffin Curse: dal Cile ancora un altro ottimo disco Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Dying Bride: classe ed eleganza come sempre inalterate
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nubian Rose: un Melodic Rock dalle tinte Prog con suoni futuristici
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ritorno epico per i Greyhawk, più Metal che mai
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Renegade Angel, ancora un EP con tanti ospiti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per i Ri'lyth un secondo album degno di nota
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla