A+ A A-
 

Bourbon, sigarette e Death n' Blues: diverte il debut album dei The Graveyard Ensemble Bourbon, sigarette e Death n' Blues: diverte il debut album dei The Graveyard Ensemble Hot

Bourbon, sigarette e Death n' Blues: diverte il debut album dei The Graveyard Ensemble

recensioni

titolo
Death n' Blues Vol​.​1
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Portogallo 

GENERE: Death n' Blues 

FFO: Southern Drinkstruction, Carcharodon, Grave, Dismember, Morbid Angel 

LINE UP: 
Black Bird Dave - voce 
Tony the Gun - chitarre 
Claude the Duke - basso 
Old Boy Kim – batteria 

TRACKLIST: 
1. Snake Skin (intro) [02:16] 
2. 8 Bar Blues [04:09] 
3. Debt to the Bone [05:06] 
4. Trondheim, New Mexico [06:26] =VIDEO= 
5. Shuffle with the Devil [04:22] =VIDEO= 
6. Trouble on My Mind [03:54] =ASCOLTA= 
7. Buck Old Blues [03:58] 
8. Jack's Old Road [04:01] 
9. Gator Tattoo [03:54] 
10. Skanky Legs [04:02] 

Running time: 42:02 

opinioni autore

 
Bourbon, sigarette e Death n' Blues: diverte il debut album dei The Graveyard Ensemble 2023-04-23 14:02:09 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    23 Aprile, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debutto assoluto per The Graveyard Ebsemble, quattro ragazzoni portoghesi che hanno deciso di mettere su un progetto piuttosto particolare: i Nostri suonano infatti un autodefinito Death n' Blues... ed ascoltando questo loro "Death n' Blues Vol.1" non possiamo che definire calzante la cosa. Certo, la cosa non è proprio una novità: basta abbiate familiarità con i romani Southern Drinkstruction, specie con alcuni dei loro pezzi come "Drink with us" e "Vultures of the Black River". La cosa che appare palese non appena premuto il tasto play è che i The Graveyard Ensemble hanno il proposito primario di divertirsi e divertire, ed è con questi presupposti che nascono i pezzi che compongono la tracklist di questo loro debut album in cui possiamo sentire punte di Death Metal svedese, certi Morbid Angel più groovy, oltre che accenni per nulla nascosti a Stoner e Groove Metal. Ed ovviamente una forte dose di Blues, componente primaria di questo lavoro, in primis nel lavoro delle chitarre di Tony the Gun. "Death n' Blues Vol.1" è, insomma, puro intrattenimento, un album da stanza fumosa con bicchiere di bourbon davanti, composto da pezzi che uniscono idealmente Stoccolma e New Orleans. Certo, qualcosa di meglio in fase di produzione si poteva fare (la voce è un po' troppo in primo piano rispetto il comparto strumentale), ma pezzi come "8 Bar Blues", "Debt to the Bone", "Throndheim, New Mexico", "Buck Old Blues" e "Jack's Old Road" sono dannatamente divertenti. In generale, per noi "Death n' Blues Vol.1" è un disco ampiamente sufficiente; speriamo che i The Graveyard Ensemble continuino sempre su questa strada, magari con un po' più d'accortezza riguardo la produzione.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Elettra Storm, un debutto con i controfiocchi!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buonissimo terzo album maturo per gli In Autumn
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leah ed il Celtic Fantasy Metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A tre anni dal debutto assoluto, arriva il primo album dei Damnation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stellar Remains: un grandioso debut EP sulla scia di Blood Incantation & Co.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Acrid Death: dalla Germania una band per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla