A+ A A-
 

I Signum Regis ri-registrano il loro bestseller con il nuovo cantante I Signum Regis ri-registrano il loro bestseller con il nuovo cantante Hot

I Signum Regis ri-registrano il loro bestseller con il nuovo cantante

recensioni

titolo
“Chapter IV: The reckoning”
etichetta
Ulterium Records
Anno

TRACKLIST:
1. Lost and found
2. The secret of the sea
3. The voice in the wilderness
4. Prophet of doom
5. The magi
6. Quitters never win
7. Tempter of evil
8. When freedom fails =ASCOLTA=
9. The kingdom of heaven
10. Bells are tolling

LINE UP:
Ronnie König - Basso
Filip Koluš - Chitarre
Ján Tupý - Tastiere
Jaro Jančula - Batteria
Jota Fortinho - Voce

opinioni autore

 
I Signum Regis ri-registrano il loro bestseller con il nuovo cantante 2023-05-21 09:08:48 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    21 Mag, 2023
Ultimo aggiornamento: 21 Mag, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Confesso che certe trovate commerciali non le accetterò mai, così come non le ho mai tollerate in tanti anni che ascolto la nostra amata musica Metal! Venendo al caso pratico, che senso potrebbe avere per i Signum Regis rifare completamente uno dei loro migliori dischi, quel “Chapter IV: The reckoning” uscito nel 2015, apportando impercettibili variazioni ai brani ed all’artwork (a cui sono stati cambiati i colori) e facendolo cantare dal nuovo vocalist brasiliano Jota Fortinho, ma lasciando a Mayo Petranin (il precedente singer) le backing vocals, se non quello di spillare soldi ai fans più accaniti? E’ vero che Fortinho canta meglio di Petranin (in certi passaggi ricorda persino Andy Deris), è vero che qualche miglioria nella registrazione c’è (la tecnologia del 2023 non è quella del 2015!), ma sinceramente non riesco a trovare alcuna valida ragione artistica per questo rifacimento, ma solo meri discorsi di fredda economia. “Chapter IV: The reckoning” è stato finora il bestseller della carriera del gruppo slovacco, anche se personalmente preferisco di gran lunga il terzo album “Exodus”, che trovo più completo e superiore a livello qualitativo. In questo quarto capitolo, infatti, non tutti i pezzi funzionano alla stessa maniera; se nella parte iniziale abbiamo i brani migliori, con l’opener “Lost and found” e la fantastica “Prophet of doom” (di gran lunga il pezzo migliore del disco!), nella parte finale invece, quando il ritmo cala leggermente, qualche canzone fatica leggermente (soprattutto la fiacca “The kingdom of heaven”). Per il resto, vi rimando alla recensione che feci nel 2015 per l’album originale, così da farvi un’idea complessiva (https://www.allaroundmetal.com/component/content/article/26-releases/2729-signum-regis,-ancora-buon-power-metal). Questa riedizione riveduta e corretta di “Chapter IV: The reckoning” dei Signum Regis strappa solo la sufficienza, visto che il voto è la media tra la scelta commerciale (sicuramente bocciata!) e la qualità della musica, comunque più che buona.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Royal Rage ed il buon vecchio Thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La contorta personalità del Black Metal: Merrimack - "Of Grace and Gravity"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Evildead non hanno dimenticato come si suona il Thrash
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angels of Babylon: il disco perfetto esiste!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Miasmic Serum: debutto per una nuova interessante realtà Death Metal nostrana
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Golgotha: Doom/Death melodico di scuola scandinava dalle calde Isole Baleari
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Pectora, un disco con luci ed ombre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rötual: debut EP per la band canadese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Moral Putrefaction: sound classico e buona tecnica in un buon debutto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shivered, il lato molto profondo della sua sfera interiore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan:  l’assalto continua…
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla