A+ A A-
 

Amorphis, non il solito live album Amorphis, non il solito live album Hot

Amorphis, non il solito live album

recensioni

gruppo
titolo
“Queen of Time - Live at Tavastia”
etichetta
Atomic Fire Records
Anno

TRACKLIST:
1. The Bee =LIVE VIDEO UFFICIALE=
2. Message in the Amber 
3. Daughter of Aate
4. The Golden Elk
5. Wrong Direction =LIVE VIDEO UFFICIALE=
6. Heart of the Giant
7. We Accursed
8. Grain of Sand
9. Amongst Stars (feat. Anneke van Giersbergen) =LIVE VIDEO UFFICIALE=
10. Pyres on the Coast

LINE UP:
Tomi Joutsen - voce
Esa Holopainen - chitarre
Tomi Koivusaari - chitarre
Olli-Pekka Laine - basso
Santeri Kallio - tastiere
Jan Rechberger - batteria

opinioni autore

 
Amorphis, non il solito live album 2023-11-13 19:58:25 Piero Pizzorni
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Piero Pizzorni    13 Novembre, 2023
Ultimo aggiornamento: 13 Novembre, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Amorphis sono a tutti gli effetti, una band da considerare ormai veterana del Metal. Certamente la formazione finlandese, capitanata da Tomi Koivusaari ed attiva dal 1990, rappresenta un punto fermo nel Metal di energica fattura. La band specie grazie a un cantato davvero convincente si trova a sconfinare addentrandosi almeno per un attimo in un Metal di natura decisamente più cattiva, ma non temete, i nostri mantengono sempre ben salda la tradizione. Mi trovo a recensire questo "Queen of Time - Live at Tavastia”, anche se di fatto non si tratta di un concerto dal vivo in senso stretto, visto che le registrazioni sono datate 2021, in pieno periodo pandemia. Devo dire che i Nostri anche in sede live dimostrano grande disinvoltura, acquisita in tutti questi anni di esperienza. L’opener “The Bee” ci addentra nel sound della band scandinava e lo fa nel migliore dei modi, andando a tracciare in maniera determinata quello che gli Amorphis hanno da sempre usato come biglietto da visita. C’è tutto: melodia, energia, tecnica, mi ha colpito e non poco la disinvoltura con cui il singer Tomi Joutsen si districa tra growls pieni e voci pulite. Ad aggiungere colori all’intero lavoro ci pensa la tastiera, con una prestazione di ottima fattura, i brani hanno una loro identità precisa. Quasi in coda all’album ci troviamo di fronte a una piacevole sorpresa: Anneke van Giersbergen, una delle voci femminili migliori nel panorama Rock/Metal, appare come per magia. “Amongst Stars”: è questo il titolo della canzone scelta per il duetto, la cantante non è presente sul palco, tuttavia la sua voce, anche da lontano è riuscita ad aggiungere punti, non solo al singolo brano, ma all’intero lavoro. Ormai siamo ai titoli di coda; ancora una volta gli Amorphis sono riusciti a fare centro, con un lavoro originale, singolare, in tanti ci provano ma non tutti ci riescono. Bravi!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo album di Ace Frehley non soddisfa a pieno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Amaranthe raggiungono l’apice della loro essenza con “The Catalyst”
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arcane Tales: ci si tuffa all'interno di un viaggio di purissimo Symphonic Power Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla