A+ A A-
 

One Day in Pain: old school Swedish Death senz'infamia e senza lode One Day in Pain: old school Swedish Death senz'infamia e senza lode Hot

One Day in Pain: old school Swedish Death senz'infamia e senza lode

recensioni

titolo
In Pain We Trust
etichetta
Awakening Records
Anno

PROVENIENZA: Svezia 

GENERE: Death Metal 

FFO: Grave, Entrails, Dismember, Entombed, Nihilist, Carnage 

LINE UP: 
Ludvig Engellau - voce 
Fredrik Carlstedt - chitarre 
Jakob Sarkar - chitarre 
Andreas Mallander - basso 
Niclas Olsson - batteria 

TRACKLIST: 
1. Tremors [02:40] =AUDIO UFFICIALE= 
2. Rådbråkad [03:20] 
3. Plague Imprisoning [03:29] 
4. Kneel [03:32] 
5. Father War [04:10] 
6. In Pain We Trust [03:37] 
7. Suffering, My Gospel [03:17] 
8. Doomsday Congregation [02:56] 
9. Killing Faster [03:09] =VIDEO UFFICIALE= 
10. Prayer Unheard [04:02] 

Running time: 34:07 

opinioni autore

 
One Day in Pain: old school Swedish Death senz'infamia e senza lode 2023-11-28 17:26:59 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    28 Novembre, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I One Day in Pain si formano nel 2020, quando Nicke Olsson (Putrid Vision, ex-Centinex) si è ritrovto a casa malato di Covid e ha cominciato a scrivere pezzi per divertirsi. Da lì si sono poi uniti a lui altri musicisti provenienti tra gli altri da Putrid Vision e Demonical tra gli altri; una formazione partita a razzo con due full-length in due anni, prima di prendersi giusto un annetto di pausa e tornare in questo novembre 2023 con "In Pain We trust", terzo studio album appena rilasciato da Awakening Records. Allora, qui abbiamo una band proveniente da Stoccolma con musicisti abituati a suonare old school Swedish Death Metal: immaginiamo bastino anche solo queste due informazioni per capire in un attimo cosa suonino i Nostri, giusto? No, nessuna sorpresa: i One Day in Pain si dilettano in un Death Metal della vecchia scuola di Stoccolma che prende spunto dai soliti e primi nomi che possano venire in mente in questo particolare genere: la triade Dismember/Grave/Entombed, oltre che Entrails, Nihilist, Carnage (e Unleashed, Desultory...). Per quanto il quintetto si mantenga impegnato e sia arrivato alla pubblicazione del terzo full-length nel giro di quattro anni, la sensazione che si ha è che sia rimasto soprattutto un progetto messo su da musicisti esperti per divertirsi senza tantissime pretese. Ne è un sintomo il songwriting sostanzialmente basico, con pezzi che hanno un bel tiro, un groove bello pesante, i soliti chitarroni in modalità sega elettrica ed una sezione ritmica che si muove con perizia sua quando si spinge sull'acceleratore che quanto i tempi di fanno più pesanti e cadenzati (come nell'ottima "Father War"). Dieci pezzi per poco più di mezz'ora che si lasciano ascoltare senza patemi, ma che vanno anche avanti senza scossoni: un lavoro OSSDM come ce ne sono tanti, tantissimi altri in giro, che intrattiene a dovere per la sua durata, ma che al contempo lascia poco di memorabile. Non un brutto disco "In Pain We Trust", sia chiaro, ma tirando le somme finali è in ogni caso un album che consigliamo espressamente ai die hard fans della scena di Stoccolma.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo album di Ace Frehley non soddisfa a pieno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Amaranthe raggiungono l’apice della loro essenza con “The Catalyst”
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arcane Tales: ci si tuffa all'interno di un viaggio di purissimo Symphonic Power Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla