A+ A A-
 

Bloodrunner, Thrash della vecchia intramontabile scuola Bloodrunner, Thrash della vecchia intramontabile scuola Hot

Bloodrunner, Thrash della vecchia intramontabile scuola

recensioni

titolo
"Bloodrunner"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Cock fight
2. Piss evil
3. Wasting away =VIDEO UFFICIALE=
4. Cold war
5. Whipping Queen

LINE UP:
Neal Rodriguez – Voce, chitarre
Irving Masvidal – Basso
Daniel Lara – Batteria
Yair Vera – Chitarra solista

opinioni autore

 
Bloodrunner, Thrash della vecchia intramontabile scuola 2024-01-03 17:06:03 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    03 Gennaio, 2024
Ultimo aggiornamento: 03 Gennaio, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dall’Illinois arrivano i Bloodrunner, gruppo fondato vent'anni fa, ma con alle spalle solo un LP e qualche singolo, prima di questo EP omonimo uscito solo in digitale come autoproduzione a Natale 2023. Il lavoro è dotato di copertina minimale (si poteva fare uno sforzo in tal senso!) che consiste solo di una copertina nera con la scritta del gruppo in blu, come una specie di imitazione del Black Album dei Metallica. Fortunatamente nei cinque pezzi per quasi 20 minuti di questo EP non c’è traccia di ciò che sono diventati i Four Horsemen, ma solo del Thrash Metal fatto alla vecchia maniera e decisamente e fottutamente convincente e funzionante! Richiami ai Forbidden, ai Testament degli anni ’80 ed, in genere, a tutto il Thrash della Bay Area californiana si sprecano ed i Bloodrunner ci sanno fare maledettamente bene, fottendosene altamente di mode, originalità ed innovazione! Ma come ho avuto modo di dire tante volte, se la musica è fatta bene, ce ne possiamo ampiamente fregare di concetti come innovazione ed altro, perché questa musica fa sbattere il capoccione in furiosi headbanging e sembra la colonna sonora ideale per una serata tra amici innaffiata da fiumi di birra ghiacciata. L’EP è composto da cinque pezzi convincenti e ben strutturati, forse si potevano evitare i rumorosi primi secondi dell’opener “Cock fight”, così come il discorso iniziale di “Cold war” per badare ancora di più al sodo e pensare solo alla musica ed alla sua energia, ma si tratta solo di opinioni personali che, in quanto tali, sono ampiamente opinabili. Ciò che non è opinabile è l’impatto che ha questo disco come un buon vecchio album di Thrash Metal degli anni ’80! Forse anche la produzione poteva essere un po’ migliorata, anche se quel sapore “vintage” che si sente non disturba più di tanto. Fra tante schifezze moderne, spicca questo EP omonimo dei Bloodrunner come un’oasi nel deserto nella quale rigenerarsi con un bel po’ di Thrash della vecchia quanto insuperabile scuola. Aspettiamo adesso la band americana alla prova del full-length, sperando che una label si accorga del loro valore!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo album di Ace Frehley non soddisfa a pieno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Amaranthe raggiungono l’apice della loro essenza con “The Catalyst”
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arcane Tales: ci si tuffa all'interno di un viaggio di purissimo Symphonic Power Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla