A+ A A-
 

Gli Isometry debuttano con un buon album di progressive metal Gli Isometry debuttano con un buon album di progressive metal Hot

Gli Isometry debuttano con un buon album di progressive metal

recensioni

gruppo
titolo
Break the Loop
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. I
2. Shards of Mind
3. Break the Loop
4. Mesmerized =LYRIC VIDEO=
5. Outcast
6. One Entity
7. Choice Is Yours
8. Final Reconnection
9. Beyond This World
10. X

LINE UP:
Andrea Perdichizzi - Voce
Lorenzo Carrano - Chitarre
Luca Capurso - Basso, Flauto
Alberto Ferreri - Batteria

opinioni autore

 
Gli Isometry debuttano con un buon album di progressive metal 2024-01-04 17:55:13 Virgilio
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Virgilio    04 Gennaio, 2024
Ultimo aggiornamento: 04 Gennaio, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Isometry sono una nuova band torinese formatasi nel 2022 con ex membri di Shards of Infinity e Legacy of Silence, che esordisce con il suo primo album, intitolato "Break the Loop". Lo stile del gruppo piemontese è riconducibile al progressive metal, con evidenti influenze dei vari Dream Theater, Symphony X, Haken, ecc. I brani sono mediamente alquanto lunghi e ben aperti a variazioni tematiche; mostrano inoltre una certa perizia tecnica, ma senza alcun sfoggio di virtuosismi. Si riscontra, inoltre, un po' in tutti i brani, una massiccia presenza di piano, tastiere, synth e orchestrazioni, per quanto non venga fatta menzione di alcun tastierista di ruolo nella band, mentre in un paio di tracce ritroviamo azzeccati inserti di flauto a cura del bassista Luca Capurso. L'album si apre (come spesso avviene), con una breve strumentale che funge da intro, ma si entra subito nel vivo con la successiva e vigorosa "Shards of Mind", mentre a seguire, la title-track ci dà già un primo assaggio di divagazioni pianistiche in perfetto stile Symphony X. Sotto questo punto di vista, gli Isometry si rivelano abili nel creare continui chiaroscuri tra passaggi aggressivi e altri più raffinati e atmosferici. Molto bravo il cantante Andrea Perdichizzi, perfetto interprete delle diverse anime che caratterizzano lo stile degli Isometry, ma la band se la cava egregiamente anche con una serie di strumentali come "Outcast", nonché le conclusive "Beyond This World" e "X": quest'ultima, oltre a presentare una parte parlata, è alquanto particolare, perché accoglie anche effetti elettronici. Insomma, "Break the Loop" si rivela senz'altro essere un buon debutto per gli Isometry, in quanto questi dimostrano di possedere già buona personalità e un ottimo amalgama tra i musicisti, per cui li riteniamo un valido ascolto, in modo particolare per gli amanti del genere.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fathomless Ritual: i veri eredi spirituali dei Demilich
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo album di Ace Frehley non soddisfa a pieno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Amaranthe raggiungono l’apice della loro essenza con “The Catalyst”
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla