A+ A A-
 

Interessante la proposta dei Mephitic Grave con questo loro secondo album Interessante la proposta dei Mephitic Grave con questo loro secondo album Hot

Interessante la proposta dei Mephitic Grave con questo loro secondo album

recensioni

titolo
Dreadful Seizures
etichetta
Memento Mori
Anno

PROVENIENZA: Ungheria 

GENERE: Death Metal 

FFO: Autopsy, Grave, Abhorrence, Purtenance, Funebrarum 

LINE UP: 
Ádám - voce, basso 
Zoltán - chitarre 
Knot - chitarre, batteria 

TRACKLIST: 
1. Intro [03:02] 
2. Catacomb Mind [03:41] 
3. House of the Necromancer [03:01] 
4. Corpsepowder [03:39] 
5. Dreadful Seizures [03:44] =AUDIO UFFICIALE= 
6. Tremadora Ritual [03:59] =AUDIO UFFICIALE= 
7. Secret of the Vermins [04:13] 
8. Becoming the Shape of the Restless Shades [04:41] 
9. Coffin Levitation [04:35] 

Running time: 34:31 

opinioni autore

 
Interessante la proposta dei Mephitic Grave con questo loro secondo album 2024-02-09 16:39:05 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    09 Febbraio, 2024
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Provenienti dall'Ungheria, tagliano il traguardo del secondo full-length i Mephitic Grave, trio che da cinque anni a questa parte si sta facendo le ossa nel sottobosco Death Metal europeo; arrivato a tre anni di distanza dal debutto " Into the Atrium of Inhuman Morbidity" - uscito per la semisconosciuta Carbonized Records, "Dreadful Seizures" è uscito sul finire dello scorso mese tramite una delle garanzie assolute in questo genere come la spagnola Memento Mori; e chi ha familiarità con la label iberica già sa che in quanto a Death Metal underground, la label iberica è praticamente sempre sinonimo di buona qualità. Ora, magari non siamo ai livelli di dischi come quelli di Inanna o Formless Oedon - tanto per citare due buonissime bands transitate per Memento Mori -, ma anche questo "Dreadful Seizures" non fa eccezione: con questa loro seconda opera i Mephitic Grave ci offrono un lavoro sicuramente solido; tetro quanto roccioso, "Dreadful Seizures" ci mostra una band capace di unire con buona fluidità il marciume sonoro degli Autopsy ("Corpsepowder", "Tremadora Ritual") con il ruvido riffingwork della scuola svedese (Grave in primis, ascoltate "House of the Necromancer" o la parte centrale dela già citata "Corpsepowder"), unito a trame melodiche atmosfericamente gelide e sinistre che rimandano a quella finnica (Abhorrence, Purtenance, Demigod e così via, vedasi "Catacomb Mind"). Abbiamo poi la conclusione dell'album affidata alla tripletta di pezzi "Secret of the Vermins", "Becoming the Shape of the Restless Shades" e "Coffin Levitation" che riescono a lasciare maggiormente il segno, mostrando questi pezzi un'inventiva maggiore in fase di composizione da parte dei Nostri, segno questo che probailmente la loro evoluzione non è ancora completata. Dovessero ripartire da qui, i Mephitic Grave potrebbero nel futuro prossimo saperci sorprendere e non poco, partendo tra l'altro già da una base solida che vede le chitarre di Zoltán e Knot assolute protagoniste con il loro magmatico riffingwork. Magari si poteva fare giusto un pochino meglio in fase di produzione, ma nel complesso "Dreadful Seizures" è il più classico dei dischi Death Metal che nella sua "semplicità" saprà accontentare gli amanti del genere. E a volte, come in questo caso, basta questo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo album di Ace Frehley non soddisfa a pieno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Amaranthe raggiungono l’apice della loro essenza con “The Catalyst”
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arcane Tales: ci si tuffa all'interno di un viaggio di purissimo Symphonic Power Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla