A+ A A-
 

Un buonissimo terzo album maturo per gli In Autumn Un buonissimo terzo album maturo per gli In Autumn Hot

Un buonissimo terzo album maturo per gli In Autumn

recensioni

gruppo
titolo
What's Done Is Done
etichetta
My Kingdom Music
Anno

PROVENIENZA: Italia 

GENERE: Doom/Death Metal 

FFO: Paradise Lost, Shores of Null, Novembre, Opeth, Amorphis 

LINE UP: 
Giuliano Zippo - voce 
Cristian Barocco - chitarre, tastiere 
Diego Polato - basso 
Marco Liotto - batteria 

TRACKLIST: 
1. What's Done Is Done [04:38] =VIDEO UFFICIALE= 
2. Focus [04:13] =LYRIC VIDEO= 
3. Lucid Dream [05:16] 
4. Inside My Soul [04:02] 
5. Despised by Life [04:20] 
6. Breathing in the Void [04:03] 
7. The Illusion of Reality [04:46] 
8. Block [04:54] 
9. Strange Thoughts [04:39] 
10. I See You [05:05] 

Running time: 45:52 

opinioni autore

 
Un buonissimo terzo album maturo per gli In Autumn 2024-02-23 12:44:55 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    23 Febbraio, 2024
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nonostante una carriera lunga ormai tredici anni, sono solamente tre gli album rilasciati dai veneti In Autumn, l'ultimo dei quali è arrivato negli scorsi giorni tramite la sempre attenta label campana My Kingdom Music; "What's Done Is Done" - questo il titolo - arriva a ben sei anni di distanza dal precedente "Greyerg" (che a sua volta seguiva di cinque anni l'esordio "Reborn") e presenta, ormai quasi una tradizione per i Nostri, un nuovo cantante: Giuliano Zippo, che grazie alla sua versatilità vocale consente agli In Autumn di riprendere le sonorità del disco d'esordio, più vicine al Doom/Death malinconico dei Paradise Lost, rispetto alle arie espressamente gotiche di "Greyerg". Paradise Lost, dicevamo, tra le principali influenze del quartetto vicentino, ma i più attenti potranno sicuramente ritrovare anche Amorphis, qualcosina degli October Tide nei momenti più duri così come My Dying Bride in quelli più eterei e "gotici"... ma ad un ascolto ancor più attento dei pezzi, possiamo sicuramente trovare non poche assonanze tra gli In Autumn ed il solo gigante in Italia per questo genere, gli Shores of Null: basta anche solo l'ottimo trittico di pezzi iniziale - i singoli "What's Done Is Done" / "Focus" e "Lucid Dream" per trovare similitudini tra l'act veneto e quello capitolino. Ma per quanto gli Shiores of Null siano, appunto, un punto di riferimento focale per comprendere le coordinate stilistiche degli In Autumn, i Nostri hanno la giusta dose di maturità per riuscire ad essere ben riconoscibili, dopo essere entrati in confidenza con le loro composizioni. Buona parte del merito va ad ascrivere al versatile lavoro dietro al microfono di Giuliano, che riesce perfettamente ad adattare diversi stili canori al comparto strumentale imbastito dai tre membri fondatori. Il risultato di tutto ciò è un disco che per 3/4 d'ora risulta essere costantemente cangiante ed al contempo solido, tra passaggi malinconici ed eterei scanditi dalle voci pulite (da brividi l'inizio di "Despised by Life"), sofferte melodie ed arie plumbee (voci roche e afflitte scream vocals), ed accelerazioni tipiche della scuola svedese Melodic Doom/Death, il tutto eseguito con una fluidità di manovra quasi invidiabile. Sperando che gli In Autumn abbiano trovato finalmente stabilità nella formazione - Giuliano Zippo ci sembra il cantante adatto per la band -, i Nostri con "What's Done Is Done" offrono una prova di vera maturità. Se più avanti riusciranno ad essere più costanti, potremmo avere per le mani un'altra band nostrana capace di farsi strada in questo particolare genere.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fatal Fire, un debut album con i controfiocchi
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Benighted: tradizione e modernità, violenza cruda e groove
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Achelous, nuovo album e nuove emozioni per un lavoro epico
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani About Us non hanno paura di osare e pubblicano un lavoro di qualità
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla