A+ A A-
 

Con “Yet I Remain” i Pandora's Key ci guidano in un oscuro regno di Metal melodico Con “Yet I Remain” i Pandora's Key ci guidano in un oscuro regno di Metal melodico Hot

Con “Yet I Remain” i Pandora's Key ci guidano in un oscuro regno di Metal melodico

recensioni

titolo
Yet I Remain
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. 1779(Intro)
2. De Bockereyder =VIDEO UFFICIALE=
3. Ariadne
4. Freedom’s Call
5. Falls The Shadow =LYRIC VIDEO=
6. The Keening
7. Kinding Ire
8. The Flying Dutchman
9. Icarus
10. Per Ardua

LINE UP:
Vera Veldhuizen - Voce
Rik van Schaaik - Voce
Bram Luiken - Chitarre
Sebastiaan Pongers - Chitarre
Regine Lotstra - Basso 
Dimmy Marcelissen - Batteria

opinioni autore

 
Con “Yet I Remain” i Pandora's Key ci guidano in un oscuro regno di Metal melodico 2024-03-12 17:11:08 Valeria Campagnale
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Valeria Campagnale    12 Marzo, 2024
Ultimo aggiornamento: 12 Marzo, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Con “Yet I Remain” i Pandora's Key ci guidano in un oscuro regno di Metal melodico, dove la musica tesse storie che riecheggiano a lungo dopo che l'ultima nota è svanita. Il loro album di debutto esplora emozioni come il dolore, l'apatia e la rabbia, irrompendo sulla scena dopo l'EP "Promise" nel 2017. Questa volta il combo olandese è tornato con una formazione diversa. Oscuri e intensi, con melodie commoventi e riff accattivanti, i Pandora's Key raccontano storie con temi antichi, trovando connessioni con questioni moderne. La band è sempre alla ricerca della bellezza nell'oscurità. Con l’intro "1779" già si respira un’aria intensa che porta alla traccia “De Bockereyder”, il primo singolo estratto, che descrive appunto i De Bockereyder, un gruppo leggendario di banditi che terrorizzava le regioni meridionali dei Paesi Bassi nel XVIII/XIX secolo. Di fatto il video che accompagna questa bellissima canzone, mostra sia il lato oscuro che quello buono di questi banditi. Il pezzo di per sé è veramente coinvolgente ed alterna il testo in lingua inglese ed olandese. Di sicuro uno dei pezzi con radici Prog e più coinvolgenti dell’album. La successiva “Ariadne" colpisce con il suo Heavy Metal prorompente ed il sopravvento della voce di Rik van Schaaik. Il Modern Metal che riecheggia nel brano fa sì che etichettare la band come Symphonic è, oltre che riduttivo, anche impossibile. "Freedom's Call" è puro Heavy Metal con tanto di ritornello orecchiabile, mentre “Falls the Shadow” tende ad essere un pezzo di Power Metal con un lato più Thrash. Intro in crescendo di tastiera in “The Keening", la cui evoluzione è un Symphonic Metal scatenato in cui la voce di Vera Veldhuizen emerge alla grande, mentre in “Kindling Ire” svettano le voci più dure, poiché l’approccio è decisamente Death Metal. In "The Flying Dutchman", esplode la vena più folkloristica in cui la fisarmonica ed il violino si intrecciano magicamente. “Icarus” è probabilmente il brano più orecchiabile, invece “Per Ardua” conclude questo eclettico album con cori epici. Nel complesso, “Yet I Remain” è un album molto armonico ed interessante che attraversa vari generi con due voci che nonostante differenti si amalgamano: soave ed eterea quella di Vera, molto gutturale quella di Rik.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fatal Fire, un debut album con i controfiocchi
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Benighted: tradizione e modernità, violenza cruda e groove
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Achelous, nuovo album e nuove emozioni per un lavoro epico
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani About Us non hanno paura di osare e pubblicano un lavoro di qualità
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla