A+ A A-
 

Verberis: avanguardia Black/Death al servizio di un titanico istrionismo Verberis: avanguardia Black/Death al servizio di un titanico istrionismo Hot

Verberis: avanguardia Black/Death al servizio di un titanico istrionismo

recensioni

gruppo
titolo
The Apophatic Wilderness
etichetta
Norma Evangelium Diaboli
Anno

PROVENIENZA: Nuova Zelanda 

GENERE: Avant-garde Black/Death Metal 

FFO: Deathspell Omega, Ulcerate, Suffering Hour, Convulsing, Vertebra Atlantis 

LINE UP: 
NH - voce 
DA - chitarre 
MP - basso 
JSM - batteria 

TRACKLIST: 
1. The Emptying of God [10:57] 
2. Labyrinthine Privation [10:24] =TRACK VIDEO= 
3. Arteries Unto Ruin I [11:37] 
4. Arteries Unto Ruin II [08:29] 

Running time: 41:25 

opinioni autore

 
Verberis: avanguardia Black/Death al servizio di un titanico istrionismo 2024-04-03 17:08:45 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    03 Aprile, 2024
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' semplicemente sensazionale "The Apophatic Wilderness", terzo studio album dei neozelandesi Verberis appena rilasciato da una vera e propria garanzia come Norma Evangelium Diaboli (label da anni ed anni dei Deathspell Omega, oltre che di Misþyrming e Funeral Mist tra gli altri). Presentatisi ai nastri di partenza di questa nuova opera nel segno della continuità (stessa formazione degli ultimi due precedenti lavori) i Verberis hanno sì come stella polare delle proprie sonorità Deathspell Omega e Ulcerate - con questi ultimi condividono il batterista Jamie Saint Merat -, ma l'esperienza e l'affiatamento consolidato tra i quattro musicisti coinvolti, fa sì che per quanto le influenze appaiano chiare, l'operato dei Nostri ha sempre più un carattere personale. Le strutture oblique dei pezzi, le dissonanze, i sinistri arpeggi, la spietate accelerazioni, tutto è messo al servizio di una certa teatralità, di atmosfere empie ed evocative che sono, a ben vedere, il fulcro principale, il cardine attorno cui ruota questa macchina sempre più oliata e perfetta. Quattro lunghe tracce oppressive ed ossessive in cui scampoli di melodia danno l'inganno di avere a disposizione dell'aria, mentre il claustrofobico Avant-garde Black/Death dei Verberis attanaglia man mano che il minutaggio passa. Segni tangibili della costante crescita dell'act neozelandese li troviamo nelle differenze rispetto a d "Adumbration of the Veiled Logos", uscito solo due anni fa: in questa loro nuova opera notiamo nei Verberis meno frenesia unita ad atmosfere decisamente molto più cupe e sfuggenti, con i cambi di tempo che, per quanto sappiano colpire alla bocca dello stomaco, sono gestiti in maniera a suo modo più controllata, andando a toccare livelli di magnificenza - come nel singolo "Labyrinthine Privation" - cui sono ad ora ci avevano abituati solo i miglior Deathspell Omega. "The Apophatic Wilderness" è un album dalle strutture complesse, composto e suonato però da musicisti la cui esperienza è innegabile, tanto che il tutto è gestito con una fluidità di manovra invidiabile, grazie ad una composizione ed un'esecuzione che rasentano la perfezione. Se avete in passato amato quello che è IL disco Avant-garde Black - e ovviamente ci riferiamo a "Si Reqvires Monumentvm, Circvmspicie" - "The Apophatic Wilderness" è un album che DEVE finire nella vostra collezione, senza se e senza ma.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fatal Fire, un debut album con i controfiocchi
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Benighted: tradizione e modernità, violenza cruda e groove
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Achelous, nuovo album e nuove emozioni per un lavoro epico
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani About Us non hanno paura di osare e pubblicano un lavoro di qualità
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla