A+ A A-
 

Sandness, un album genuino Sandness, un album genuino Hot

Sandness, un album genuino

recensioni

gruppo
titolo
Like an addiction
etichetta
Sleaszy Rider Records
Anno

Tracklist:

1) Artificial lover

2) Bad Things cause bad things

3) Don't stop

4) Darkness around me

5) Dreamin' is my way

6) Lia

7) Pay what you say

8) Drinkin' wine under the bridge

9) No one leaves until the dawn

10) Lay you hair down

11) Shake my dancin' soul

 

Line up:

Mark Denkley: bass and vocals

Matyou To Meatyou: drums

Robby Luckets: guitar and vocals

opinioni autore

 
Sandness, un album genuino 2014-01-27 22:06:52 Giada
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Giada    27 Gennaio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fin dalla prima traccia non smetteresti più d'ascoltarlo. "Artificial Lover" apre l'album "Like an Addiction" con un'esplosione di energia e vitalità che contagia. E' un album che si "incolla alla pelle", che ti entra dentro e difficilmente ti abbandona.
Si possono ben percepire le influenze di band come i Black Sabbath e i Motley Crue, ma i Sandness hanno saputo aggiungere e creare una loro sonorità. Pezzi come "Don't drop", "Bad things cause bad things" rimangono molto facilmente in testa e spesso ci si ritrova a canticchiarli.
Andando avanti nell'ascolto si incontrano pezzi che a primo impatto ricordano un po' lo stile Deep Purple e altri come "Pay what you say" dall'animo rovente, si ha proprio la sensazione d'essere avvolti da un tornado di fuoco che trascina verso un mondo di sensazioni.
Ogni brano rilascia emozioni così come un albero rilascia la sua linfa, e i Sandness hanno la capacità di portare in superficie lo spirito "sempreverde" dei cultori del rock.
Giovanissimi ma con le idee chiare e il talento nel sangue. Si possono fare ottime previsioni, i Sandness faranno molta strada. Se ne vedono pochi di talenti del loro calibro.
Quando si inserisce il cd si ha l'impressione di udire una band d'altri tempi, una band con un percorso lungo vent'anni alle spalle. Consapevole e genuino, "Like an addiction" è il risultato di un lavoro limpido e dell'entusiasmo di tre ragazzi che amano la musica.
Consigliatissimo!

Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Conjurer dimostrano una crescita stilistica esponenziale
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hydrogyn: una ripartenza con qualche dubbio.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivano dal Giappone i probabili nuovi sovrani della scena Goregrind: i Pharmacist
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Holy Dragons, il ventesimo album non va oltre la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Immortal Sÿnn, ancora troppa carne al fuoco
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rotted Through ed il loro malatissimo concept album di debutto ispirato al Dark Web
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bentornata, Sarah Jezebel Deva!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il troppo stroppia: nuovo album per i Lost Tribes Of The Moon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Tomb Mold un nuovo demo breve quanto affascinante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole gemme sinfoniche: debutto per i Carmeria!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla