A+ A A-
 

Gamma Ray: Luci accecanti ed ombre abissali di una band Gamma Ray: Luci accecanti ed ombre abissali di una band Hot

Gamma Ray: Luci accecanti ed ombre abissali di una band

recensioni

gruppo
titolo
Empire Of The Undead
etichetta
earMusic
Anno

 

01. Avalon

02. Hellbent

03. Pale Rider

04. Born to Fly

05. Master Of Confusion

06. Empire Of The Undead

07. Time For Deliverence

08. Demonseed

09. Seven

10. I Will Return

opinioni autore

 
Gamma Ray: Luci accecanti ed ombre abissali di una band 2014-04-16 21:07:26 Gianni Izzo
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    16 Aprile, 2014
Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli sfortunati Gamma Ray, che come ben tutti noi sappiamo, hanno visto andare letteralmente in fumo il loro studio di registrazione (sarà per questo che hanno deciso di limitare le spese e mettere solo una “fotocopia” come artwork?), ma per fortuna, (in parte anche sfortuna!), non i demo che avevano già registrato, tornano con “Empire Of The Undead”, un album che da un certo punto di vista ci riporta una band che non si sentiva da tempo: “Avalon” e “I Will Return” sono due ottimi pezzi, ispirati e vari, forse gli unici due che da un ventennio a questa parte possono permettersi il lusso di essere considerati all’altezza degli storici brani dei Gamma Ray.
Se queste, insieme alla già ben conosciuta “Master Of Confusion” o al tirato anthem “Hellbent” che in una sferzata di doppia cassa deride quell’orrore a nome “To The Metal”, rappresentano il meglio del disco, purtroppo non possiamo esultare del tutto. “L’impero dei non morti” è un continuo pendolo tra tutti i voti che vi vengono in mente dall’ottimo al pessimo: di quest’ultima categoria ci sono i quadrati riff ed il refrain striminzito di “Pale Rider”, vera Cenerentola del disco, ma a cui è espressamente vietato un qualsivoglia riscatto fiabesco. “Seven” sarebbe anche un buon pezzo heavy se non fosse che il buon Kai ha preso il ritornello di “Rainmaker” degli Iron Maiden, copiandolo nota dopo nota, cambiandone solo il testo. La stessa title-track, che se vogliamo esser particolarmente cattivi, ricorda non poco “Fuck You” degli Overkill, per quanto dura e tirata, tutto sommato interessante e da sicuro headbanging, viene distrutta dalla debolissima voce di Hansen a cui proprio non appartengono certi versi thrashosi.
Insomma siamo in un vero e proprio saliscendi qualitativo, che vede nel suo tratto medio la happy song “Born To Fly” e l’oscura “Demonseed”. Peccato, al momento dei Gamma Ray più ispirati, si sono sommati subito quelli più adagiati sugli allori, sommariamente il disco è sufficiente, ma da zio Kai ed i suoi compari ci aspettiamo ben più di questo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

TrollfesT: un album dal sapore estivo dedicato anche ai non addetti ai lavori
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto a dir poco incredibile per Swartadauþuz ed i suoi Trolldom
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto lungo ma anche molto affascinante il terzo studio album dei Prometheus
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I texani Void Witch si presentano con un più che soddisfacente EP omonimo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Death/Thrash diretto e viscerale per i polacchi Infernal Bizarre
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Bentornata, Sarah Jezebel Deva!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il troppo stroppia: nuovo album per i Lost Tribes Of The Moon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Tomb Mold un nuovo demo breve quanto affascinante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole gemme sinfoniche: debutto per i Carmeria!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: nuovo EP che segue le sonorità più classiche
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una produzione pessima condanna il debutto degli Ethereal Realm
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla