A+ A A-
 

La Sfera, "Where man breaks" un album di difficile interpretazione La Sfera, "Where man breaks" un album di difficile interpretazione Hot

La Sfera, "Where man breaks" un album di difficile interpretazione

recensioni

gruppo
titolo
Where man breaks
etichetta
Buil2Kill Records
Anno

Tracklist:

1) Sixther

2) First Sunrise

3) Oh mother, If you could

4) Black box

5) A key for my life

6) Their path

7) D-Kado

8) Predictable Nature

9) Kado

10) A Gray sky

 

Line up:

Daniele Pucci: voice

Antonello Rabuffi: drums

Giulio Nardini: guitar

Attilio Pampena: guitar

Daniele Roccagli: synth and Keyboards

Daniele Granati: bass and guitar

opinioni autore

 
La Sfera, "Where man breaks" un album di difficile interpretazione 2014-08-11 13:14:14 Giada
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Giada    11 Agosto, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si può certamente dire che "Where man Brooks" sia un album di facile ascolto. Dalla prima traccia si intuisce subito lo stile alternative metal anche se a volte il tutto appare un pò confuso.
Un momento prima si ha l'impressione di ascoltare una certa tipologia di genere mentre un secondo dopo si ha la sensazione d'aver fra le mani tutt'altro album creando un senso di spaesamento. Tracce troppo lunghe e dai tratti annebbiati finiscono per annoiare quasi subito.
Molto carina "Mother, if you could", mentre "Balck Box" regala immediatamente una bella dose di energia.
"A key for me" ricorda un triste e disperato pianto, una preghiera, un ricordo intriso di tenerezza.
Sicuramente un album con delle potenzialità e che dimostra apertamente che durante la sua creazione vi è stato impegno e dedizione; andrebbero però rivisti alcuni dettagli e andrebbe cercata un pò più di naturalezza poichè si ha l'impressione che vi sia un che di artificiale, un volersi esporre ad un pubblico d'élite risultando ripetitivi (sembra d'ascoltare una sola immensa traccia) e a tratti scontati.
Nulla da dire sulla qualità degli strumenti e dei musicisti, sicuramente validi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Conjurer dimostrano una crescita stilistica esponenziale
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hydrogyn: una ripartenza con qualche dubbio.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivano dal Giappone i probabili nuovi sovrani della scena Goregrind: i Pharmacist
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Holy Dragons, il ventesimo album non va oltre la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Immortal Sÿnn, ancora troppa carne al fuoco
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rotted Through ed il loro malatissimo concept album di debutto ispirato al Dark Web
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bentornata, Sarah Jezebel Deva!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il troppo stroppia: nuovo album per i Lost Tribes Of The Moon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Tomb Mold un nuovo demo breve quanto affascinante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole gemme sinfoniche: debutto per i Carmeria!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla