A+ A A-
 

Un disco solido sotto ogni punto di vista per gli heavy metallers olandesi Lord Volture Un disco solido sotto ogni punto di vista per gli heavy metallers olandesi Lord Volture Hot

Un disco solido sotto ogni punto di vista per gli heavy metallers olandesi Lord Volture

recensioni

titolo
Will to power
etichetta
Mausoleum
Anno
1. Where The Enemy Sleep 
2. Taklamakan 
3. The Pugilist 
4. Will To Power 
5. My Sworn Enemy 
6. The Great Blinding 
7. Omertà 
8. Badajoz (1812) 
9. Line 'em Up! 
 
 
Band: 
David Marcelis - Vocals 
Paul Marcelis - Guitars 
Leon Hermans - Guitars 
Simon Geurts - Bass 
Frank Wintermans - Drums

opinioni autore

 
Un disco solido sotto ogni punto di vista per gli heavy metallers olandesi Lord Volture 2014-09-22 06:54:47 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    22 Settembre, 2014
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

E allora ditelo che in Olanda non ci sono solo tulipani, biciclette e symphonic female metal! Anche l'heavy più classico è presente e questo "Will to power" ne è la dimostrazione. Dopo due dischi autoprodotti i Lord Venture pubblicano il terzo lavoro tramite Mausoleum Records.

Un disco composto da riff solidi come dimostra l'opener ben riuscita "Where The Enemy Sleep " tra Priest, Maiden e Riot, la band olandese si dimostra capace di creare brani accattivanti come la veloce "Taklamakan" con il suo chorus anthemico, mentre dalle sonorità più hard rock troviamo "The pugilist". Buona la heavy "My sworn enemy" in stile Steel Prophet, mentre dopo la maideniana "Omertà" chiudono il disco l'epica "Badajoz (1812)" tra i brani più riusciti del platter e la buona "Line 'em up!"

Insomma ce n'è per tutti i gusti dal heavy al power al hard rock; “Will To Power” è davvero un buon dischetto che manca di qualche super hit da applausi ma che merita almeno un ascolto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gengis Khan, passione ed attitudine per l'heavy metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aeonblack: seguaci del buon vecchio heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helstar: un doppio cd che raccoglie le più recenti uscite
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ævangelist: ma non converrebbe continuare con un nuovo nome?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wizards of Hazards: nel segno della tradizione dark metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla