A+ A A-
 

Korpiklaani: Le due facce della medaglia Korpiklaani: Le due facce della medaglia Hot

Korpiklaani: Le due facce della medaglia

recensioni

titolo
Manala
etichetta
Nuclear Blast/Audioglobe
Anno

 

01. Kunnia
02. Tuonelan Tuvilla
03. Rauta
04. Ruumiinmultaa
05. Petoeläimen Kuola
06. Synkkä
07. Ievan Polkka
08. Husky Sledge
09. Dolorous
10. Uni
11. Metsälle
12. Sumussa Hämärän Aamun
13. Soil Of The Corpse (bonus track)

 

 

 

opinioni autore

 
Korpiklaani: Le due facce della medaglia 2012-08-07 00:06:59 Gianni Izzo
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    07 Agosto, 2012
Ultimo aggiornamento: 06 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita dei Korpiklaani da “Spirit Of The Forest” in poi, sembra un susseguirsi senza tregua di dischi e tour. Di fatto questo “Manala” è l’ottavo album in 9 anni di carriera, senza contare i primi due dischi pubblicati sotto il nome di Shaman, insomma un piccolo record per i tempi odierni, nei quali basta che un gruppo raggiunga un po’ di successo per dover aspettare di norma almeno 3 anni per ogni nuovo lavoro. Ma esiste anche l’altra faccia della medaglia, quella che vede i Korpiklaani essere sempre più stazionari nel genere che proprio loro hanno portato alle orecchie di tutti. Infatti se fino a qualche anno fa, violini, fisarmoniche e quant’altro davano un’idea di freschezza di idee e d’innovazione, da un po’ di tempo a questa parte sembra che i Korpiklaani varino solo un po’ il bilanciere della propria proposta, talvolta più oscura e metal, talvolta più scanzonata. “Manala” non cambia le carte in tavola, anzi, questa volta la band non ci offre neanche un bicchiere di “Vodka” per rompere il ghiaccio. Il singolo scelto è “Rauta”, se qualcuno tra di voi pensava che “Keep On Galloping” fosse un mezzo passo falso tra i singoli della band, sappia che “Rauta” è forse la più brutta canzone scritta dal Clan Della Foresta che io abbia sentito fino ad oggi. Per fortuna è solo un brano, il resto del disco suona di gran lunga meglio, tra hit tirate come l’opener, o “Uni” oppure “Tuonela Tuvilla” e pezzi molto più duri e cupi, nonché più lunghi e noiosetti. Infine abbiamo una sperimentale “sviolinata” ad opera del nuovo entrato Rounakari che con “Husky Sledge” ci ipnotizza e con la malinconica strumentale “Dolorous” ci ammalia. Tra qualcosa di perso e qualcosa di guadagnato, i Korpiklaani vanno avanti, ma è ormai da qualche disco che non riescono a tenere l’attenzione dell’ascoltatore per tutto l’album. La scelta ora sta alla band: o continuare a sfornare album che sembrano essere sempre più diretti ai soli fans che la band è riuscita a conquistare nel tempo, oppure fermarsi un attimo, ricaricare le pile, evitare di scrivere un’altra “Rauta” ed andare alla conquista di nuovi metal folkers.

NB: Il disco sarà venduto anche come doppio cd, dove tutti i brani vengono cantati anche in inglese oltre che in madrelingua.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Secondo album per gli Eye of Purgatory di Rogga Johansson
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buona la prova degli americani Gnosis nel loro terzo album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco valido solo a sprazzi per Timo Tolkki ed i suoi Avalon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Pharaoh ci regalano uno dei migliori dischi del 2021!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un momento di silenzio da riempire col terzo album degli Alustrium
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kent Hilli, ottimo centro per il singer dei Perfect Plan
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Varego: melting pot di stili strano, ma vincente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shade Of Memories, nulla di memorabile
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Frozen Hell chiudono la loro carriera con un album dal retrogusto amaro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Metalwings si confermano su ottimi livelli
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo sette anni i pugliesi Reality Grey tornano con il miglior album della loro carriera
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Kalah si confermano su livelli eccezionali!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla