A+ A A-
 

Ristampa in vinile per il Live Album degli Incantation "Tribute to the Goat" Ristampa in vinile per il Live Album degli Incantation "Tribute to the Goat" Hot

Ristampa in vinile per il Live Album degli Incantation "Tribute to the Goat"

recensioni

titolo
Tribute to the Goat
etichetta
Season Of Mist
Anno

Line Up:
- Tracks 1-8
Craig Pillard - vocals
John McAntee - guitars
Mike Saez - guitars
Kevin Hughes - bass
Kyle Severn - drums
- Tracks 9-12
Will Rahmer - vocals
Sal Seijo - guitars
Ronnie Deo - bass
Peter Barnevic - drums

Tracklist:
1. Devoured Death
2. Profanation
3. Unholy massacre
4. Blissful Bloodshower
5. United in Repugnance
6. Nefarious Warriors
7. Twisted Sacrilegious Journey into our Darkest Necrotic Delirium
8. Abomination (Necrophagia Cover)
9. Devoured Death*
10. Entrantment of Evil*
11. Eternal Torture*
12. Profanation *

*from the 1990 demo 

opinioni autore

 
Ristampa in vinile per il Live Album degli Incantation "Tribute to the Goat" 2016-12-13 09:28:35 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    13 Dicembre, 2016
Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quello degli Incantation è uno dei nomi più leggendari della scena Death Metal mondiale. Nati nel 1989, da subito si sono contraddistinti per essere uno dei gruppi Death più "cattivi" in circolazione, tanto musicalmente quanto tematicamente. "Tribute to the Goat", il disco in esame, è un Live Album che gli Incantation hanno rilasciato nel 1997, originariamente per la Elegy Records, e che oggi, a distanza di quasi 20 anni, viene ristampato in edizione speciale in vinile dalla francese Season of Mist.

Non che ci sia tantissimo da dire, sinceramente: chi conosce gli Incantation saprà già che questo è, pur non essendo uno studio album, una delle uscite più famose della band americana, con una tracklist che prende a piene mani pezzi leggendari della prima carriera di questa spietata macchina da guerra, da "Devoured Death" a "United in Repugnance", da "Nefarious Warriors" a "Profanation", passando per "Unholy Massacre", con chiusura del live affidata ad una cover dei Necrophagia, "Abomination". La resa sonora è quella di un Live Album dei tempi, quindi c'è da dimenticarsi le produzione iperpompate che possiamo sentire oggi: chitarre zanzarose, batteria con suoni "piatti", il growl di Craig Pillard protagonista assoluto. Le restanti quattro tracce sono invece tratte dal seminale demo del 1990: formazione totalmente diversa, ma non c'è da dimenticare che quel demo è stato la base da cui è nata la leggenda degli Incantation.

La band di Johnstown, Pennsylvania, era e resta una di quelle che non ha intenzione alcuna di cambiare il proprio modus operandi. Gli Incantation sono dediti alla violenza sonora più becera e diretta, ed è proprio questo a renderli uno dei gruppi più "spietati" e conosciuti nell'ambito del Metal più estremo. Vero comunque che "Tribute to the Goat" non credo sia materiale per ascoltatori occasionali, ma più che altro per i fans accaniti della band, che, con questa nuova edizione in vinile, avranno di certo materiale da collezione a cui ambire.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Grimgotts: i 3 EP in un unico album con aggiunta di inediti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla (probabile) tomba degli Oath Div. 666 risorgono i Disembodiment
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa del nuovo full-length, gli Ereb Altor rilasciano un buonissimo nuovo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solo una sufficienza per il nuovo disco dei Bloody Hell
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo otto anni i francesi Seth, ma con quello che è il loro miglior disco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con quella vena old school/progressive, gli Obsolete debuttano con un signor disco
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla