A+ A A-
 

Convincente il debutto dei deathsters canadesi Deity Convincente il debutto dei deathsters canadesi Deity Hot

Convincente il debutto dei deathsters canadesi Deity

recensioni

gruppo
titolo
Deity
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line Up: 
Danny Alessandro - guitars, vocals 
John Massey - guitars, vocals 
Flo Ravet - bass (session) 
Flo Mounier - drums (session) 

Tracklist: 
1. Suspended in Animation [01:55] 
2. Beginning of Extinction [08:18] 
3. Sacrificium [04:47] 
4. From Which We Came, We Now Return [08:40] 
5. Rituals [04:36] 
6. In Time [06:30] 
7. Illuminate the Unwilling [07:57] 
8. In Turmoil (We Rise) [12:54] 

Running time: 55:37

opinioni autore

 
Convincente il debutto dei deathsters canadesi Deity 2017-07-07 18:55:27 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    07 Luglio, 2017
Ultimo aggiornamento: 07 Luglio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In Canada c'è un certo gusto nel rendere ipertecnico il Death Metal; da lì, ad esempio, provengono due dei gruppi più tecnici in circolazione, ossia Cryptopsy e Beyond Creation. Ma che succede se ad una tecnica mostruosa si unisce un sound diretto e brutale? Succede che esce fuori una band come questi Deity, duo canadese composto dai cantanti/chitarristi provenienti da Toronto (Canada, appunto) Danny Alessandro e John Massey, aiutati da due session d'eccezione: l'ex Nephelium Flo Ravet al basso e nientepopodimenoche Flo Mounier dei Cryptopsy alla batteria.

Debut album eponimo che si apre con l'intro di pianoforte "Suspended in Animation", che rappresenterà solo la quiete prima della tempesta. Già con "Beginning of Extinction" D'Alessandro e Massey mettono subito le cose in chiaro: quello che ci accingiamo ad ascoltare sarà un disco sì tecnicamente superiore alla norma, ma che ha il suo punto di forza in un impatto stordente fatto da una serie di riff ispiratissimi senza soluzione di continuità (talvolta dal flavour Black/Death) con a supporto una sezione ritmica mastodontica. Con anche un lavoro vocale ottimo, con Danny Alessandro e John Massey che si dividono tra growl e scream (credo rispettivamente i ruoli siano questi), paradossalmente ed incredibilmente la canzone che colpisce più nel segno è la strumentale "From Which We Came, We Now Return". E' in questa traccia che si può notare tutta l'ispirazione del duo canadese, che riesce a non rendere noioso un pezzo strumentale di quasi nove minuti in cui a farla da padrone è soprattutto un susseguirsi di assoli di chitarra (nei quali fanno capolino anche influenze della classica scuola Heavy), senza che vadano dimenticati repentini cambi di tempo guidati da un Flo Mounier che si rivela essere, come al solito, incredibile. Non che le altre canzoni siano da meno, anzi sono sicuramente da segnalare la furiosa "Rituals" e la lunghissima (quasi 13 minuti) ma a dir poco spettacolare colisng track, "In Turmoil (We Rise)". E una menzione a parte va fatta per "In Time", ma lascio a voi il capire perché.

Ora mi chiedo: con tanti gruppi che lasciano il tempo che trovano che hanno un contratto, anche con etichette importanti, per quale c***o di motivo il debut album dei Deity è uscito autoprodotto? A meno che non sia una scelta diretta di Danny e John, questa cosa non riesco a spiegarmela. Per gli amanti del Death Metal che alla tecnica abbina una violenza primordiale (ricordano non poco i Deicide dell'ultimo corso), i Deity sono un gruppo da tenere in seria considerazione. Se questo è l'inizio, non oso immaginare cosa ci riserveranno in futuro.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Nocturna, una nuova band da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Beriedir si confermano su ottimi livelli
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ashes of Ares, un altro disco sicuramente valido!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bullet Ride, un esordio che non convince
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il secondo album dei Worm Shepherd è un capolavoro!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Ecryptus ed il loro tributo Death Metal all'Impero Galattico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Cyrax realizzano un EP nel quale giocano un po' con la propria musica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Warzaw e l'amore verso l'Heavy degli anni '80
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ilium: un EP decisamente godibile
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Ewiniar è una luce nel buio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le fiabe di Chris Maragoth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
EP di debutto per i brasiliani Hranice Abyss
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla