A+ A A-
 

Nuova ristampa per il secondo disco degli Evergrey!!! Nuova ristampa per il secondo disco degli Evergrey!!! Hot

Nuova ristampa per il secondo disco degli Evergrey!!!

recensioni

gruppo
titolo
Solitude, Dominance, Tragedy
etichetta
AFM Records
Anno

1. Solitude Within
2. Nosferatu
3. The Shocking Truth
4. A Scattered Me
5. She Speaks To The Dead
6. When Darkness Falls
7. Words Mean Nothing
8. Damnation
9. The Corey Curse

opinioni autore

 
Nuova ristampa per il secondo disco degli Evergrey!!! 2018-01-30 20:23:53 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    30 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per gli svedesi Evergrey, arriva la ristampa anche per il secondo disco ovvero Solitude, Dominance, Tragedy, che all’epoca uscì nel 1999, circa un anno dopo l’uscita dell’esordio. Anche in questo caso la ristampa (remaster) comprende una bonus track, versione vinile ed artwork rinnovato come pure un libretto pieno di sfizi per gli appassionati della band che qui continua e cerca di migliorare la propria visione musicale dedita al power/prog metal intrecciata a certo gothic/doom.

In questo disco vengono ripresi tutti gli elementi del primo album e vengono amplificati ma con un occhio di riguardo alla potenza, in quanto è decisamente più calibrata ed incanalata meglio, meno oppressiva ed ingombrante ma dosata. Sia chiaro, non è messa in un angolo, in quanto basta ascoltare la doppietta iniziale per rendersene conto, ad esempio in “Solitude Within” c’è un espressività più decisa sia a livello di riffing (sempre cupo), parti di tastiera evocative, un ritornello forte ed in chiave malinconica tanto cara al gruppo (da non trascurare il fantastico intermezzo di violino goticheggiante). La successiva “Nosferatu” ricalca la dose con delle bordate più metalliche ma perfettamente integrate a deviazioni di tastiera che in parte ricordano anche i Goblin. Da questo punto in poi compaiono delle tracce dai risultati altalenanti. La tripletta seguente “The Shocking Truth”, “A Scattered Me” e la più riuscita (soprattutto a livello di chitarra) “She Speaks to the Dead” hanno al proprio interno pulsioni sinfoniche che però rendono l’ascolto discontinuo dimostrandosi troppo pretenziose e perdendosi troppe volte per strada. Man mano che si prosegue nell’ascolto la tensione cala in un mare abbastanza impervio di idee carenti specie nella nera “Damnation” (che puzza di riempitivo) e nella discreta “The Corey Curse” per poi risollevarsi con episodi più intriganti come la splendida ballata “Words Mean Nothing” (superlativa grazie nuovamente all’uso del violino) e la deflagrante “When Darkess Falls”. Anche in quest’opera la band offre un’ottima prestazione, anzi, si percepisce un miglioramento non indifferente sia nella scrittura che nell’esecuzione strumentale maturando al meglio.

Un degno ed ottimo seguito dell’esordio per gli Evergrey che migliorano la propria proposta in maniera già più netta e che merita anche in questo caso l’ascolto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fans del Power Metal scandinavo, segnatevi il nome degli Evermore!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Forest, un EP per i fans degli Elvenking
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva anche sul mercato europeo il discreto EP dei Phantasmagore
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficiente la prima prova su lunga distanza dei Last Retch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orgg: in "Dimonios" il grido dei caduti dimenticati!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla