A+ A A-
 

Therion: L'autoesaltazione di Christofer Johnsson Therion: L'autoesaltazione di Christofer Johnsson Hot

Therion: L'autoesaltazione di Christofer Johnsson

recensioni

gruppo
titolo
Beloved Antichrist
etichetta
Nuclear Blast
Anno

Act I

 

1. Turn From Heaven

2. Where Will You Go

3. Through Dust, Through Rain

4. Signs Are Here

5. Never Again

6. Bring Her Home

7. The Solid Black Beyond

8. The Crowning Of Splendour

9. Morning Has Broken

10. Garden Of Peace

11. Our Destiny

12. Anthem

13. The Palace Ball

14. Jewels From Afar

15. Hail Caesar!

16. What Is Wrong

17. Nothing But My Name

 

Act II

 

18. The Arrival Of Apollonius

19. Pledging Loyalty

20. Night Reborn

21. Dagger Of God

22. Temple Of New Jerusalem

23. The Lions Roar

24. Bringing The Gospel

25. Laudate Dominum

26. Remaining Silent

27. Behold Antichrist

28. Cursed Be The Fallen

29. Resurrection

30. To Where I Weep

31. Astral Sophia

32. Thy Will Be Done!

 

Act III

 

33. Shoot Them Down!

34. Beneath The Starry Skies

35. Forgive Me

36. The Wasteland Of My Heart

37. Burning The Palace

38. Prelude To War

39. Day Of Wrath

40. Rise To War

41. Time Has Come Final Battle

42. My Voyage Carries On

43. Striking Darkness

44. Seeds Of Time

45. To Shine Forever

46  Theme Of Antichrist

opinioni autore

 
Therion: L'autoesaltazione di Christofer Johnsson 2018-03-05 21:37:24 Gianni Izzo
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Gianni Izzo    05 Marzo, 2018
Ultimo aggiornamento: 06 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

3 atti per più di tre ore di musica. Johnsson fa le cose in grande, ciò che ha cominciato a comporre più o meno cinque anni fa, vede infine la luce e si intitola “Beloved Antichrist”, vagamente ispirato al racconto breve del filosofo russo Vladimir Soloviov, intitolato “Il Racconto dell’Anticristo”.

Vagamente ispirato, perché fondamentalmente Johnsson spoglia il racconto di tutto il suo apparato filosofico, simbolico e religioso e ne crea di fatto una sorta di blockbuster teatrale, riadattando, levando e aggiungendo personaggi alla storia, affinché sia più avvincente e interessante a livello di storyline, rispetto all'originale, nato con fine saggistico, e non come opera d'intrattenimento.

“Beloved Antichrist” dei Therion si presenta come una rock opera, appaiono in essa ben 30 personaggi, ognuno rappresentato da un cantante, esclusivamente cantanti lirici, quindi oltre ai classici cori, oltre agli ormai conosciuti Thomas Vikström, Lori Lewis e Chiara Malvestiti, abbiamo una folta rappresentanza di collaboratori, che sono stati chiamati alla corte del megalomane Christofer Johnsson, che sogna di creare un qualcosa di simile a “Jesus Christ Superstar”, ma insomma, non esageriamo.

Il racconto si snoda lungo le 46 tracce che compongo l’opera, 46 tracce per un minutaggio medio a traccia abbastanza breve, ed è questa l’unica cosa che snellisce un po’ questo nuovo lavoro dei Therion, che di fatto, diciamolo senza girarci intorno, è un mattone duro da digerire.
Anche perché non siamo di fronte al classico album metal, o symphonic metal che sia, il concetto qui è proprio quello di creare una vera e propria piece teatrale, ed è quello che di fatto sentiamo. Funziona questa cosa? Eh, è difficile dirlo. Secondo me, si deve avere innanzitutto l'orecchio molto abituato a quella che di fatto è un'opera lirica, che avrebbe senso vedere a teatro, con testi alla mano, seguendo il botta e risposta tra i vari personaggi, così da seguire per bene la storia ed entrarci dentro. Così, a casa, su un supporto artificiale, possiamo soltanto ammirare il lavoro enorme che ci sta dietro, la produzione esplosiva, ed essere affascinati dagli arrangiamenti (quelli classici almeno, perché ormai i Therion neanche ci provano più a fare qualche riff di chitarra un po’ più ricercato, o qualche ritmica un po’ diversa dalla classica cavalcata a sostegno di tutto l’armamentario orchestrale).
Ma ad essere obiettivi e sinceri, penso che siano davvero in pochissimi, coloro a cui “Beloved Antichrist” possa far gridare a chissà quale miracolo. Tanti momenti abbastanza interessanti, questo è vero, ma anche tantissimi momenti di stanca, e poi diciamoci la verità, va bene tutto, ma levando il surplus di orpelli, quello che rimane è il solito Therion sound post "Theli", con tutti i suoi pregi e difetti, entrambi elevati all'ennesima potenza.
Un lavoro estetico, autoreferenziale, a suo modo coraggioso, antitesi di tutto ciò che può essere vagamente accattivante o commerciale, un lavoro per il puro diletto intellettuale del suo creatore, che dovrebbe essere rivalutato veramente solo in versione live, perché su cd semplicemente funziona soltanto a corrente alternata.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fortunato, si deve migliorare su diversi aspetti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Meravigliosa sorpresa a nome Yattafunk!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un viaggio nel medioevo con i Sommo Inquisitore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debutto sufficiente per gli Helltern
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla