A+ A A-
 

Il primo vero highlight dell'anno è intriso dalla classe degli Evergrey! Il primo vero highlight dell'anno è intriso dalla classe degli Evergrey! Hot

Il primo vero highlight dell'anno è intriso dalla classe degli Evergrey!

recensioni

gruppo
titolo
The Atlantic
etichetta
AFM Records
Anno

Tom S. Englund (vocals, guitars), Henrik Danhage (guitars), Rikard Zander (keyboards), Johan Niemann (bass), Jonas

 

01. A Silent Arc

02. Weightless

03. All I Have

04. A Secret Atlantis

05. The Tidal

06. End Of Silence

07. Currents

08. Departure

09. The Beacon

10. This Ocean

opinioni autore

 
Il primo vero highlight dell'anno è intriso dalla classe degli Evergrey! 2019-01-26 11:28:11 Celestial Dream
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Celestial Dream    26 Gennaio, 2019
Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Probabilmente gli Evergrey hanno perso il treno giusto qualche anno fa, quello che li avrebbe portati a fare davvero il salto in avanti ed arrivare al successo, o forse è proprio la proposta della band a non essere adatta a tutti. Perchè se c'è una cosa che dobbiamo riconoscere all'act svedese, è la capacità di pubblicare sempre lavori di gran qualità e soprattutto di aver creato negli anni un trademark molto riconoscibile, un sound personale che è un marchio di fabbrica unico nella scena metal internazionale.

Il prog metal malinconico degli Evergrey (attivi fin dal 1993!) ha fatto (e fa ancora) scuola, c'è poco da fare. Certo nella discografia della band ci sono dischi più ispirati ed altri meno, ma nel complesso classe e qualità non mancano mai nei lavori targati Evergrey. E questo nuovo “The Atlantic” non potrà che compiacere i fans della band. Un disco potente e malinconico, capace di risultare intenso, grazie a melodie calde e vissute, merito in gran parte del timbro personale di Tom Englund. E' chiaro fin dalle prime note, quelle di “A Silent Are”, che la band è tornata a puntare su riff potenti e decisi e al sound di “Torn”, disco che aveva lasciato il segno tra i seguaci del gruppo svedese. Un chorus iper melodico conquista fin dai primi ascolti per una partenza coi fiocchi. “Weightless” è un altro pezzo che unisce melodie intense a riff corposi con un bel solo di chitarra prima della più malinconica e lenta “All I Have”, dove il pianoforte accompagna le chitarre di Tom e Henrik fino ad un avvolgente ritornello. Ancora tante emozioni con “End Of Silence” che precede la più classica “Currents”, bel mid tempo che presenta dei cori evocativi, e la melodica “Departure”. Ancora power/prog con riff stoppati e arrangiamentei che si fanno qui più moderni nell'altro mid tempo “The Beacon” e nel finale c'è spazio per un altra hit, con “This Ocean”, ottimo incontro tra melodia e potenza con un finale epico e rabbioso.


A nostro parere “The Atlantic” è un disco ispiratissimo che può catapultarsi velocemente tra i migliori lavori mai prodotti da Englund e soci. Il primo vero highlight dell'anno è intriso dalla classe degli Evergrey!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fans del Power Metal scandinavo, segnatevi il nome degli Evermore!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Forest, un EP per i fans degli Elvenking
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva anche sul mercato europeo il discreto EP dei Phantasmagore
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficiente la prima prova su lunga distanza dei Last Retch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orgg: in "Dimonios" il grido dei caduti dimenticati!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla