A+ A A-
 

Myrholt, un disco dispersivo che avrebbe potuto dare molto di piú. Myrholt, un disco dispersivo che avrebbe potuto dare molto di piú. Hot

Myrholt, un disco dispersivo che avrebbe potuto dare molto di piú.

recensioni

gruppo
titolo
Solens soenn og maanens datter
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line up:
Ole Alexander Myrholt - all instruments

Tracklist:
1. Kapittel I
2. Kapittel II
3. Kapittel III
4. Kapittel IV
5. Kapittel V
6. Kapittel VI
7. Kapittel VII

opinioni autore

 
Myrholt, un disco dispersivo che avrebbe potuto dare molto di piú. 2020-02-16 12:06:59 Rob M
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Rob M    16 Febbraio, 2020
Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E qui arriva l'ultimo lavoro stampato da Myrholt nel 2019. Black metal classico, che riprende musicalmente laddove l'EP precedente aveva lasciato. Purtroppo però non si riesce a trovare un senso compiuto per certe scelte compositive più che stilistiche, passando da solidi brani old-school a riff incollati male e poco interessanti. Il passaggio che si può infatti ascoltare tra "Kapittel I" e "Kapittel II" mette in mostra proprio questo discorso. Se pur ci son momenti interessanti e poco più della metà del disco risulta consona al sound proposto, nella sua totalità "Solens Soenn og Maanens Datter" perde il controllo e spesso si prolunga in frangenti che non hanno né capo né coda.
Idee buone, in realtà, ma che non hanno niente a che vedere l'una con l'altra e spesso talmente contrastanti, nel complesso generale, da non riuscire a far intravvedere un filo conduttore tra i brani se non per la produzione del disco in sé. Il surrogato a cavallo tra Darkthrone ed Isengard che la one-man-band propone, si distacca occasionalmente dal già seminato, portandoci maggiormente verso soluzioni più contemporanee che richiamano, ad esempio, i Mork di "Det Svarte Juv" o gli ultimi che ho potuto ascoltare dei Massemord (giusto per rimanere in Norvegia). Eppure, nel suo incedere, Myrholt dà come la sensazione di essere un progetto con tantissimo potenziale ma spesso incapace di focalizzare l'obbiettivo. Di fatto, quando i brani son validi il risultato è ottimo. Purtroppo però non è sempre così e si vive un senso di poca costanza e di brani slegati e momenti poco rappresentativi che non hanno niente a che vedere con il resto dell'album.
Spero che questo 2020 non si dimostri un anno "troppo produttivo" per questo progetto e che anzi venga preso tutto il tempo necessario per lavorare su un disco che possa davvero fare la differenza. Tanto potenziale a disposizione, ma moltissima strada da fare.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Grimgotts: i 3 EP in un unico album con aggiunta di inediti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla (probabile) tomba degli Oath Div. 666 risorgono i Disembodiment
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa del nuovo full-length, gli Ereb Altor rilasciano un buonissimo nuovo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solo una sufficienza per il nuovo disco dei Bloody Hell
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo otto anni i francesi Seth, ma con quello che è il loro miglior disco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con quella vena old school/progressive, gli Obsolete debuttano con un signor disco
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla