A+ A A-
 

The Pendulum: nuovo EP per i Candlemass!!! The Pendulum: nuovo EP per i Candlemass!!! Hot

The Pendulum: nuovo EP per i Candlemass!!!

recensioni

titolo
The Pendulum
etichetta
Napalm Records
Anno

Line up: 
Johan Längquist – vocals
Mats “Mappe” Björkman – guitars
Lars “Lasse” Johansson – guitars
Leif Edling – bass 
Jan Lindh – drums 

Tracklist:
1. The Pendulum
2. Snakes of Goliath
3. Sub Zero
4. Aftershock
5. Porcelain Skull
6. The Cold Room

opinioni autore

 
The Pendulum: nuovo EP per i Candlemass!!! 2020-04-05 13:41:42 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.0
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    05 Aprile, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli svedesi Candlemass, dopo il ritorno al microfono del primo singer Johan Längquist, pare siano tornati a nuova vita e dopo un primo album (Door to Doom del 2019) tornano subito sulle scene con un antipasto in attesa del futuro disco. L’antipasto si chiama The Pendulum ed esce in formato EP. Opera parecchio controversa questo dischetto in quanto presenta dei brani lasciati fuori dal precedente LP, la maggior parte dei quali ancora incompleti o in versione DEMO più una cover di un brano degli Avatarium dove militava per l’appunto il bassista Leif Edling.

Il prodotto ha tutte le carte in regola per essere ai limiti dell’anti commerciale e perlopiù rivolto a feticisti e collezionisti incalliti ma si andrà con ordine in quanto bisogna fare un minimo di analisi. L’unico brano vero e proprio è la titletrack “The Pendulum” e bisogna dire che fa il suo lavoro alla grande. Dopo un breve inserto acustico il brano parte a rasoio con un riff veloce e malefico di chitarra per poi poco dopo lasciare spazio alla voce del cantante originale in versione fiera e malvagia. L’andamento è roccioso e si rende molto dinamico grazie a cambi di tempo e giri chitarristici non così scontati. La traccia dunque, pur non inventando nulla di nuovo, esalta a dovere. I dolori, se così si possono definire, arrivano ora. La successiva “Snakes of Goliath” con una produzione grezzissima avrebbe necessitato di qualche sistemata perché alla base è davvero ben fatta; epic doom puro e sulfureo nella miglior tradizione con quel lavoro veloce della sei corde a presa rapida. Da qui in poi ci sono ben tre intermezzi che paiono buttati lì senza nessun senso logico. “Sub Zero” e “The Cold Room” sono due pezzi acustici dai tratti cupi (la seconda con accenni sinfonici) ma che non vanno da nessuna parte lasciando un gran senso di incompiutezza e soprattutto perplessità. L’ultimo brano che resta fuori è una sorta di assolo di basso chiamato “Aftershock” dove la cupezza e la distorsione fanno da padrone ma che non lascia nulla di particolare in testa. La cover “Porcelain Skull” degli Avatarium è praticamente identica all’originale se non per un’pochina di potenza ed epicità in più ma il senso è ai limiti della necessità.

Concludendo. Un’opera non indispensabile dalla dubbia utilità che, se non fosse per la titletrack, potrebbe anche essere lasciata da parte. Consigliata solo ai fan, per i curiosi invece solo se il prezzo è abbordabile. Molti dubbi e pochissime certezze.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Primo soddisfacente full-length per i francesi Dawohl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai Rotting Empire un secondo album espressamente per i fans degli Amon Amarth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mega Colossus: metallo tecnico e di buona fattura.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Tyrants of Chaos, classico Heavy Metal dall'Alberta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards, questa volta non ci siamo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helios, nuova band con Tim Aymar
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phoebus The Knight, un progetto che stenta a decollare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Destral, una vera gemma dalla Spagna
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla