A+ A A-
 

Birth Of Avrora: uno dei migliori progetti italiani in ambito technical death Birth Of Avrora: uno dei migliori progetti italiani in ambito technical death Hot

Birth Of Avrora: uno dei migliori progetti italiani in ambito technical death

recensioni

titolo
Sapere Avde
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Italia / Danimarca

GENERE: Progressive/Technical Death Metal

TRACKLIST:
1. Sopor Fratrem Mortis Est
2. The Awakening =LYRIC VIDEO=
3. Dreaming The Great Rebellion
4. Three Gates Of Knowledge
5. Falling Between The Awareness Of Existence
6. Birth Of Avrora

LINE-UP:
Diego Laino - vocals and guitars
Daniele Cozzolino - guitars
Umberto D’Onofrio - bass (session)
Giulio Galati - drums (session)

opinioni autore

 
Birth Of Avrora: uno dei migliori progetti italiani in ambito technical death 2020-06-24 16:12:32 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    24 Giugno, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ragazzi miei, è nata una delle migliori realtà in circolazione nel panorama technical death. Sto parlando degli italianissimi Birth Of Avrora, quartetto che vede, tra gli altri, la partecipazione del mitico Giulio Galati degli Hideous Divinity. Insomma, per farla breve, l'Ep di debutto "Sapere Avde" è la quintessenza della perfezione, punto! Totalmente inzuppato dell'influenza di band leggendarie quali Beyond Creation, Obscura, Death e Cynic, il lavoro in questione si presenta con un'energia a dir poco sorprendente. Il mix perfetto tra l'approccio al death moderno, fatto soprattutto di suoni più "cristallini" e quasi evanescenti, e la vena marcatamente tech/prog che si concretizza in giri di chitarra a dir poco ipnotici. Il tutto condito da un lavoro di groove che lascia spazio solamente allo stupore - del resto il buon Giulio alla batteria non è che sia proprio il primo arrivato!-. Devo aggiungere altro? Ascoltare per credere. Già dalle primissime note di "The Awakening" l'asticella qualitativa schizza alle stelle: una partenza a bomba che ci mostra subito un Diego Laino alla voce che è la fine del mondo. Il suo è un growl mostruoso e potente, mentre lo scream è acido e corrosivo come carta vetrata sulla faccia. Il vocalist, inoltre, è anche la seconda ascia che accompagna l'ottima performance di Daniele Cozzolino, un vero e proprio talento con la chitarra: i suoi giri, assoli e sezioni di tapping vi entreranno nella testa senza nemmeno accorgervene. E forse è proprio questo il grandissimo punto di merito dei Birth Of Avrora: il risultare lineari e razionali nonostante propongano un genere molto arzigogolato e complesso. Segno, questo, che stiamo parlando di gente con una conoscenza musicale assurda, a tal punto da rendere godibilissimo l'ascolto di questa piccola grande perla.
Non penso di dover aggiungere altro, il disco parla da sé: onirico, pesante, arzigogolato ma razionale, moderno e fresco ma con forti richiami alla vecchia scuola. Un continuo ossimoro di sensazioni che danzano e ci regalano quello che è un vero e proprio orgoglio del nostro Bel Paese. I miei più sinceri e personali complimenti ragazzi, aspetto con super ansia il primo album!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gengis Khan, passione ed attitudine per l'heavy metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aeonblack: seguaci del buon vecchio heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helstar: un doppio cd che raccoglie le più recenti uscite
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ævangelist: ma non converrebbe continuare con un nuovo nome?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wizards of Hazards: nel segno della tradizione dark metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla