A+ A A-
 

I Nibiru ed il loro immaginario di riti primordiali e visioni da incubo: sesto album per l'inquietante band torinese I Nibiru ed il loro immaginario di riti primordiali e visioni da incubo: sesto album per l'inquietante band torinese Hot

I Nibiru ed il loro immaginario di riti primordiali e visioni da incubo: sesto album per l'inquietante band torinese

recensioni

gruppo
titolo
Panspermia
etichetta
Argonauta Records
Anno

PROVENIENZA: Italia 

GENERE: Psychedelic Sludge/Drone/Doom Metal 

FFO: Ufomammut, Herscher, Sunn O))), Dark Buddha Rising 

LINE UP: 
Ardat - guitars, vocals 
RI Salma - bass, keyboards, organ 
L.C. Chertan - drums 

TRACKLIST: 
1. Alkaest [21:35] =ASCOLTA (edit version)= 
2. Aqua Solis [20:20] 
3. Efflatus [15:49] 
4. Ktesis [09:05] 

Running time: 1:06:49 

opinioni autore

 
I Nibiru ed il loro immaginario di riti primordiali e visioni da incubo: sesto album per l'inquietante band torinese 2020-11-15 18:05:21 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Novembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Instancabili, inarrestabili, i torinesi Nibiru arrivano a rilasciare il loro sesto album in sette anni, dando un successore ad un solo anno di distanza al maestoso "Salbrox". Pochi gruppi al mondo come i Nibiru sanno maneggiare tematiche occulte: i Nostri lo fanno con una maestria assoluta, muovendosi tra rituali abominevoli e culti primordiali con estrema naturalezza. "Panspermia" non rifugge ai dettami stilistici del trio nostrano, uno dei pochi che riescono a tenere alta la tensione nonostante la mastodontica durata delle proprie composizioni, grazie ad un fluido susseguirsi di ritualità tribali, lunghe sezioni Ambient/Drone, accelerate Stoner e precisi bombardamenti Sludge/Doom. Mantenendo assolutamente inalterata la propria natura misteriosa, la band torinese colpisce con le sue armi migliori, a partire dall'espressività e la teatralità vocale di Ardat, maestro del (nero) cerimoniale che ci accompagna in un viaggio ansiogeno e claustrofobico; basta la sola lunghissima opener "Alkaest" a trascinare l'ascoltatore nel mondo da incubo dei Nibiru, un mondo onirico in cui si ha la costante sensazione di un dio malevolo in agguato in ogni minimo anfratto: questo è il potere che ha in mano l'act torinese, quello di riuscire a dare una visione alla loro terrificante musica, di dare la sensazione di star assistendo a riti proibiti che nemmeno la mente di Lovecraft è stato mai capace di partorire.
Come di consueto, è impossibile consigliare un lavoro dei Nibiru a chiunque, ma se si è avvezzi a queste sonorità colossali fatte di tempi enormemente dilatati, allora questo sesto lavoro dei Nostri è da prendere a scatola chiusa. "Panspermia" è forse un pelo sotto il precedente "Salbrox", ma saprà affascinare e nel contempo a dare un'enorme sensazione di ansia e di inquietudine, cosa di cui i Nibiru sono diventati ormai maestri assoluti (quel campanellino - e in generale i primi 5 minuti del brano - in "Aqua Solis" è maledettamente inquietante, diciamolo!).

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Secondo album per gli Eye of Purgatory di Rogga Johansson
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buona la prova degli americani Gnosis nel loro terzo album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco valido solo a sprazzi per Timo Tolkki ed i suoi Avalon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Pharaoh ci regalano uno dei migliori dischi del 2021!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un momento di silenzio da riempire col terzo album degli Alustrium
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kent Hilli, ottimo centro per il singer dei Perfect Plan
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Varego: melting pot di stili strano, ma vincente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shade Of Memories, nulla di memorabile
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Frozen Hell chiudono la loro carriera con un album dal retrogusto amaro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Metalwings si confermano su ottimi livelli
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo sette anni i pugliesi Reality Grey tornano con il miglior album della loro carriera
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Kalah si confermano su livelli eccezionali!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla