A+ A A-
 

Nuovo album per i Ram-Zet Nuovo album per i Ram-Zet Hot

Nuovo album per i Ram-Zet

recensioni

gruppo
titolo
Freaks In Wonderland
etichetta
Space Valley Records
Anno

1. Story Without A Happy End
2. I Am
3. Mojo
4. Land Of Fury
5. Madre
6. Circle
7. The Sign
8. As The Carpet Silent Falls

opinioni autore

 
Nuovo album per i Ram-Zet 2012-05-18 10:58:17 Roberto Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Roberto Orano    18 Mag, 2012
Ultimo aggiornamento: 18 Mag, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

C'è chi pensa che il metal sia solo rumore, cattiveria e gente trasandata che prende in mano degli strumenti senza saperli suonare, c'è chi, invece, pensa che il metal sia un genere così vario da non potersi permettere di sparare generalizzazioni così ampie; la stessa ampiezza che permette di rendere molto varia una proposta musicale all'interno del "metal" stesso, che tra l'altro, è forse il genere musicale, assieme al rock, che si presta meglio ad asportare svariate influenze da altri generi, ne è un esempio, seppur degli scorsi due decenni, il tanto acclamato (e odiato) nu-metal / crossover.
Ma passiamo a quel che interessa maggiormente ai lettori, ovvero, questi Ram-zet, un gruppo che, proprio per quanto detto precedentemente nella lunga e noiosa introduzione, prende spunto da tante influenze e stilemi musicali diversi, tanto da non poter essere catalogato altrimenti che "avantgarde progressive metal", un progressive, dunque, che sta avanti una ventina d'anni al novantanove per cento delle band che oggi si ritengono progressive, prendendo spunto da death e metal melodico, passando per un pò tutti i generi, compresa la musica classica, con un buon connubio tra voce femminile e maschile, melodie di ottima fattura e stacchi che apparentemente potrebbero centrare ben poco, ma collegati tra loro con grande sapienza. E lo sapete ormai che al sottoscritto piace chi esce dagli schemi.
Ne vien fuori un disco di sole otto tracce, ma che tracce. Con la T maiuscola. Un platter decisamente complesso, che richiede molti ascolti, ma che alla fine saprà lasciarsi apprezzare da tutti gli ascoltatori, tranne da quelli rimasti al metal anni '80 o coi paletti fissati ai confini dei diversi generi. Questo è il metal vivo, il futuro, il resto ormai si sta affossando nella monotonia.
Stare lontani da "Freaks In Wonderlans" se si ha una certa ristrettezza mentale!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Devotion: una band per i più intransigenti fans del Death Metal old school
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Coffin Curse: dal Cile ancora un altro ottimo disco Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Dying Bride: classe ed eleganza come sempre inalterate
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nubian Rose: un Melodic Rock dalle tinte Prog con suoni futuristici
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ritorno epico per i Greyhawk, più Metal che mai
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Renegade Angel, ancora un EP con tanti ospiti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per i Ri'lyth un secondo album degno di nota
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla