A+ A A-
 

Obituary in salsa ellenica: debut album per gli Skarz Obituary in salsa ellenica: debut album per gli Skarz Hot

Obituary in salsa ellenica: debut album per gli Skarz

recensioni

gruppo
titolo
What Remains
etichetta
Satanath Records / More Hate Productions
Anno

PROVENIENZA: Grecia 

GENERE: Death/Thrash Metal 

FFO: Obituary, Benediction, early Death, early Deicide, Possessed 

LINE UP: 
Kostas Sarcastic - vocals, guitars 
Dimon's Night - bass, drums 

TRACKLIST: 
1. Skarz [04:21] 
2. What Remains [03:36] 
3. Serpent of Darkness [04:19] 
4. Talking Dead [04:07] =ASCOLTA= 
5. Premonition [02:50] 
6. Deathing till T(h)rash [04:37] 
7. Family Obligation [05:02] =ASCOLTA= 
8. Kind of God [06:44] =ASCOLTA= 

Running time: 35:36 

opinioni autore

 
Obituary in salsa ellenica: debut album per gli Skarz 2021-01-02 18:55:33 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    02 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Certo che i greci quando si tratta di Extreme Metal old school la prendono di sicuro seriamente; le lande elleniche in ambito estremo sono, come ben sappiamo, terreno fertile per il Black Metal, mentre meno famosa ma altrettanto fertile è la scena Death, che va a riempirsi con un altro nome nuovo di zecca: quello degli Skarz, duo ateniese formato da Kostas Sarcastic (voce, chitarra) e Dimon's Night (basso, batteria), musicisti già ampiamente attivi nel sottobosco greco con diversi altri progetti. Con Skarz sembra che i Nostri abbiano voluto rendere il loro tributo agli Obituary, influenza primaria del loro sound come è possibile ascoltare in questo debutto targato Satanath Records (insieme a More Hate Productions) intitolato "What Remains". Non solo Obituary però, ma anche i Deicide più crudi degli esordi e i Benediction e passaggi più tecnici à la Death del medio periodo; il lavoro è tutto sommato lineare: si ascolta discretamente bene e presenta un paio di brano veramente interessanti come "Talking Ded" e la title track, salvo poi lasciare nulla di memorabile a fine ascolto. Fondamentalmente, "What Remains" è una mezz'ora circa di buon intrattenimento Death Metal che s'ascolta ogni tanto, ma che difficilmente, a nostro avviso, potrebbe essere uno di quei lavori che una volta finiti nel lettore CD ne escono difficilmente. Un pizzico di personalità in più, ad esempio, non avrebbe guastato, ma ciò non toglie che, come dicevamo, gli Skarz offrono un prodotto più che sufficiente che la promozione va a meritarsela tutta. Un ascolto consigliato, che male non fa!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Blue Hour Ghost raddoppiano! Altra ottima release in campo alternative
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Walk The Walk: un debutto diretto agli amanti del melodic hard rock!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo tre decadi torna l'US metal degli Attika
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla