A+ A A-
 

Suona un po' troppo Possessed il primo album degi Oath Of Cruelty Suona un po' troppo Possessed il primo album degi Oath Of Cruelty Hot

Suona un po' troppo Possessed il primo album degi Oath Of Cruelty

recensioni

titolo
Summary Execution at Dawn
etichetta
Dark Descent Records
Anno

PROVENIENZA: USA

GENERE: Death/Thrash Metal

TRACKLIST:
1.Pounding Hooves of Shrapnel
2.Stabbing Forth with Invincible Damnation
3.Through Alchemy and Killing
4.Pathogenic Winds of Swarm
5.Into the Chamber of Death
6.At the Tyrant's Behest
7.Victory Rites of Exsanguination
8.Denied Birth (Merciless cover)
9.Summary Execution at Dawn

LINE-UP:
Dave Callier - Guitars/vocals
Matt Heffner - Drums
Danny Hiller - Guitars

opinioni autore

 
Suona un po' troppo Possessed il primo album degi Oath Of Cruelty 2021-01-03 16:51:56 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    03 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Old school" è la parola d'ordine in questa recensione con il qui presente "Summary Execution at Dawn", album di debutto degli americani Oath Of Cruelty. A cominciare dalla formazione di stampo Motorhead e Venom a tre.
La proposta del trio è quanto di più semplice e di impatto ci possa essere: death/thrash anni '80 che si traduce in mezz'ora di martellate sulle gengive. A tratti dal sapore black alla Nifelheim, l'album in questione spacca, c'è poco da dire. Ma come avete letto dal titolo, la musica dei nostri è veramente troppo vicina allo stile dei ben più famosi e leggendari Possessed. Ed è per questo che il lavoro funziona a dovere. Non dico che si tratti di un copia/incolla; ci mancherebbe! Però diciamo che c'è una somiglianza molto -ma molto- percepibile con la band di Jeff Becerra. A tal proposito è doveroso far notare come la performance canora sia anch'essa di chiara derivazione Possessed. Il che assolutamente ci sta a pennello, e guai se così non fosse. Il problema è che tutto il contesto, per quanto impeccabile, ha quell'inevitabile sapore di "già sentito" che mi fa dare a "Summary Execution at Dawn" una sufficienza piena e non di più. Il mio consiglio è di guardare anche al nuovo e cercare di dare al proprio sound qualcosa di più personale e di un po' meno ispirato.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una buona prova per i francesi Wintereve in questo loro secondo album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Gravesend: Darkthrone meets Bolt Thrower
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Epica: la "Teoria del punto Omega"
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Simulacrum: forse troppa carne al fuoco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Embrace Of Souls: un disco imperdibile per ogni appassionato del power metal!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un 'best of' in versione semi acustica per gli storici rockers tedeschi Bonfire
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla