A+ A A-
 

Thrash arrabbiato per i ThrashWall Thrash arrabbiato per i ThrashWall Hot

Thrash arrabbiato per i ThrashWall

recensioni

titolo
"ThrashWall"
etichetta
Firecum Records
Anno

TRACKLIST:

1 – Intro

2 – War outside the wall

3 - Old jail

4 – Warehouse Rampage

5 – World domination

6 – Mental destrruction

7 – Insanity alert

8 – Mosh in the wall

 

 

LINE-UP:

Luís Rodrigues - Vocals

Gonçalo Branco - Guitars

Nelson Coelho - Guitars

Márcio Gonçalves - Bass

Garras – Drums

opinioni autore

 
Thrash arrabbiato per i ThrashWall 2021-01-04 17:43:51 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    04 Gennaio, 2021
Ultimo aggiornamento: 04 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I ThrashWall si formano in Portogallo nel 2015 e già dal nome si può comprendere quale sia il loro genere musicale. Ad ottobre 2020 la band lusitana ha tagliato il traguardo del debut album con questo omonimo “ThrashWall” (sorvoliamo sul poco piacevole artwork) edito dalla label portoghese Firecum Records e composto da 7 canzoni, cui si aggiunge l’immancabile ed inutilissima intro, per un totale di poco meno di mezz’ora di durata. I ThrashWall suonano un thrash arrabbiatissimo e velocissimo, con il vocalist Luis Rodrigues che urla senza soluzione di continuità dall’inizio alla fine; non canta, urla solamente la sua rabbia e la sua foga sostanzialmente senza alcuna variazione per tutto il disco, a voi valutare se questo possa essere un pregio o un difetto (personalmente propenderei per quest’ultimo). Se il riffing serrato e veloce delle due chitarre di Branco e Coelho è indubbiamente interessante, così come non sono male le parti soliste, ho faticato a sentire il basso di Gonçalves, troppo relegato in sottofondo nell’impasto sonoro. Il batterista Garras, come intuibile, pesta come un dannato dall’inizio alla fine e lascia immaginare anche una certa preparazione fisica per riuscire a tenere ritmi così elevati senza affanni. Il principale problema, a mio avviso, di questo disco è che le composizioni si assomigliano un po’ tutte quante tra loro: un assalto all’arma bianca, con velocità elevate ed il vocalist che urla in continuazione. C’è qualcosa di nuovo nella proposta musicale dei ThrashWall, qualcosa che non abbiano già fatto miriadi di gruppi prima di loro? La risposta è assolutamente in senso negativo. C’è qualcosa di interessante nella loro musica, oltre a quanto rilevato in precedenza? Anche in questo caso, non riesco purtroppo a trovare risposte positive. Di certo i fans più recenti di questo genere di thrash incazzato, veloce e ricco di energia qui troveranno pane per i loro denti; chi invece ascolta il thrash da tanti anni, invece, probabilmente dopo qualche ascolto, archivierà questo “ThrashWall” come un disco troppo simile a tanti altri. Purtroppo non basta solo l’energia e l’evidente passione per consentire ai ThrashWall di strappare una sufficienza. Buona fortuna!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una buona prova per i francesi Wintereve in questo loro secondo album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Gravesend: Darkthrone meets Bolt Thrower
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Epica: la "Teoria del punto Omega"
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Simulacrum: forse troppa carne al fuoco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Embrace Of Souls: un disco imperdibile per ogni appassionato del power metal!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un 'best of' in versione semi acustica per gli storici rockers tedeschi Bonfire
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla