A+ A A-
 

Un buonissimo debut album per gli israeliani Zed Destructive Un buonissimo debut album per gli israeliani Zed Destructive Hot

Un buonissimo debut album per gli israeliani Zed Destructive

recensioni

titolo
Corroded by Darkness
etichetta
GrimmDistribution
Anno

PROVENIENZA: Israele 

GENERE: Melodic Black/Death Metal 

FFO: Deicide, Behemoth, Dissection, Marduk, Melechesh 

LINE UP:
Zed Destructive - vocals, guitars
Dani White - guitars
Daniel Kitchka - bass
Ariel Lior - drums 

TRACKLIST:
1. Repulsive Society [05:08]
2. Deformed Minds (Hatred) [04:45] =ASCOLTA=
3. The Dark Wanderer [05:17]
4. Church [04:10]
5. Traitors [04:57]
6. Raped Existence [06:16] =ASCOLTA=
7. Your Lies [04:25]
8. Corroded by Darkness [06:45]
9. Evil Wind [04:17]
10. Eternal Damnation [06:11] =ASCOLTA=
11. The Truth Above (Deicide cover) [02:53] =ASCOLTA= 

Running time: 55:04 

opinioni autore

 
Un buonissimo debut album per gli israeliani Zed Destructive 2021-01-15 16:56:13 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Zed Destructive è il side project dell'omonimo cantante - qui in veste di cantante/chitarrista - dei Winterhorde, band in cui è noto come Z. Winter; e con "Corroded by Darkness" Zed arriva al debut album con questa sua nuova creatura, grazie alla produzione targata GrimmDistribution: undici tracce, tra cui segnaliamo in conclusione una cover dei Deicide, di Black/Death Metal molto, molto ben eseguito. I già citati Deicide sono senz'ombra di dubbio una delle influenze principali della band di Haifa, ma anche i Dissection sembrano giocare un ruolo importante, così come le arie folk mediorientali dei Melechesh: dal mix tra queste varie sonorità unite a melodie e passaggi progressivi che Zed sembra aver portato in dote dai Winterhorde, quello che abbiamo in conclusione è un disco che nonostante vada a sfiorare l'ora di durata riesce a non annoiare mai, ma che anzi grazie ad un lotto di brani particolarmente riuscito si ascolta con particolare attenzione. Non che ci sia qualcosa di particolarmente originale nell'operato dei Zed Destructive, ma è indubbio come i brani che compongono la tracklist siano stati scritti ed eseguiti con estrema perizia: i toni epici di "Deformed Minds (Hatred)", l'innata tecnica che possiamo trovare in "Repulsive Society", financo l'ottimamente eseguita cover di "The Truth Above" dei Decide, sanno come trascinare ed intrattenere l'ascoltatore. Per non tacere di quelle atmosfere dal sapore arabo/mediorientale di cui i Melechesh sono padroni indiscussi, ma che anche i Zed Destructive dimostrano di saper padroneggiare a dovere (vedasi "The Dark Wanderer", brano che è con ogni probabilità il migliore del lotto, ex aequo con "Traitors".
Un debut album, questo "Corroded by Darkness" dei Zed Destructive, che supera ampiamente la semplice sufficienza: l'opera prima della band israeliana è un lavoro più che soddisfacente, che saprà a modo suo tenere incollato l'ascoltatore per l'intera sua durata.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una buona prova per i francesi Wintereve in questo loro secondo album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Gravesend: Darkthrone meets Bolt Thrower
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Epica: la "Teoria del punto Omega"
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Simulacrum: forse troppa carne al fuoco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Embrace Of Souls: un disco imperdibile per ogni appassionato del power metal!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un 'best of' in versione semi acustica per gli storici rockers tedeschi Bonfire
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla