A+ A A-
 

Debut album in grande stile per gli americani Fires in the Distance Debut album in grande stile per gli americani Fires in the Distance Hot

Debut album in grande stile per gli americani Fires in the Distance

recensioni

titolo
Echoes from Deep November
etichetta
Prosthetic Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Melodic Doom/Death Metal 

FFO: Be'lakor, Swallow the Sun, Insomnium, Amorphis, Dark Tranquillity 

LINE UP: 
Kristian Grimaldi - vocals, guitars 
Yegor Savonin - guitars, keyboards 
Craig Breitsprecher - bass, vocals 
Kyle Quintin - drums 

TRACKLIST: 
1. The Climb [07:39] =ASCOLTA= 
2. Elusive Light [07:01] 
3. The Lock and the Key [08:31] =ASCOLTA= 
4. Reflections in the Ice [07:32] =ASCOLTA= 
5. Chained to the Earth [06:48] 
6. Sundial [03:12] 

Running time: 40:43 

opinioni autore

 
Debut album in grande stile per gli americani Fires in the Distance 2021-01-15 18:23:20 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uscito lo scorso maggio su Prosthetic Records, "Echoes from Deep November" è il debut album - e debutto assoluto - degli statunitensi Fires in the Distance, band proveniente dal Connecticut nata nel 2016 come progetto solo strumentale formata da membri degli Archaic Decapitator; la band man mano si evolve, Kristian Grimaldi (60 Grit) prende il ruolo di cantante e si arriva a questo primo full length. Swallow the Sun e Be'lakor sembrano essere fondamentali per lo sviluppo del Melodic Doom/Death Metal del quartetto americano, che tra malinconiche melodie e passaggi più granitici riesce a tirare fuori un lavoro interessantissimo. Non mancano rimandi al Melodic Death scandinavo ovviamente: basta ascoltare la parte centrale dell'opener "The Climb" che chiama espressamente in causa le sonorità di Insomnium e Dark Tranquillity. Non possiamo negare che tra le sei gemme che compongono "Echoes...", uno dei due brani che ha più impressionato è senza dubbio la seguente "Elusive Light", pezzo che, ad essere onesti, fa venire in mente i nostri Shores of Null; l'altro pezzo non può che essere "The Lock and the Key", con le sue atmosfere grevi che richiamano My Dying Bride ed Amorphis. Nonostante si possa capire il contrario da quanto scritto sinora, non aspettatevi che i Fires in the Distance siano una copia dei gruppi succitati; è anzi proprio la forte personalità il punto di forza maggiore della band americana, capace di ammaliare con sei brani davvero molto, molto belli, tanto che non si risente nemmeno della lunga durata delle singole canzoni. Per i non pochi amanti di queste particolari sonorità, il nome dei Fires in the Distance può facilmente essere una piacevolissima nuova scoperta: con "Echoes from Deep November" il quartetto di Newington si presenta al grande pubblico con un biglietto da visita di tutto rispetto, ed è lecito ora aspettarsi, in futuro, grandi cose da loro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Blue Hour Ghost raddoppiano! Altra ottima release in campo alternative
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Walk The Walk: un debutto diretto agli amanti del melodic hard rock!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo tre decadi torna l'US metal degli Attika
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla