A+ A A-
 

Superiore anche al predecessore il secondo album dei canadesi Fractal Generator Superiore anche al predecessore il secondo album dei canadesi Fractal Generator

Superiore anche al predecessore il secondo album dei canadesi Fractal Generator

recensioni

titolo
Macrocosmos
etichetta
Everlasting Spew Records
Anno

PROVENIENZA: Canada 

GENERE: Experimental/Technical Death Metal 

FFO: Nile, Morbid Angel, Behemoth, Wormed, Zyklon 

LINE UP: 
040118180514 - vocals, bass 
102119200914 - guitars, vocals 
040114090512 - drums 

TRACKLIST: 
1. Macrocosmos [05:44] =ASCOLTA= 
2. Aeon [04:22] =ASCOLTA= 
3. Serpentine [04:41] 
4. Contagion [04:20] =ASCOLTA= 
5. Chaosphere [04:35] 
6. Shadows of Infinity [05:02] 
7. Pendulum [04:12] 
8. Primordial [05:12] 
9. Ethereal [04:09] 

Running time: 42:17 

opinioni autore

 
Superiore anche al predecessore il secondo album dei canadesi Fractal Generator 2021-01-16 19:03:53 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    16 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A quattro anni di distanza da "Apotheosynthesis" - sei, se contiamo che l'album è uscito dapprima nel 2015 autoprodotto per il mercato digitale -, tornano i canadesi Fractal Generator, che di nuovo sotto l'egida di Everlasting Spew Records pubblicano questo loro secondo album a titolo "Macrocosmos". Rimangono inalterate le tematiche sci-fi che permeano per intero l'operato del trio canadese, così come inalterato rimane il sound dei Nostri, un Tech-Death sperimentale in cui forti sono le influenze soprattutto di Nile, Morbid Angel e Behemoth. Quello che subito salta all'orecchio è che rispetto all'approccio più cupo ed atmosferico di "Apotheosynthesis", "Macrocosmos" risulta essere un lavoro maggiormente aggressivo, in cui non mancano comunque quei momenti atmosferici - che molto rimandano ai Nile -, ma che sembra per l'appunto votato ad un approccio più diretto. Freddi passaggi futuristici danno la linea guida del concept fantascientifico che è ormai un marchio di fabbrica del trio dell'Ontario, che sul piano prettamente musicale martella senza sosta con una serie di bordate una via l'altra; sin dalla partenza data dalla title-track, i Fractal Generator non danno un solo attimo di respiro che sia uno, questo soprattutto grazie all'incessante connubio tra il granitico riffingwork di 102119200914 ed il tellurico drumming di 040114090512 (quest'ultimo, senza nulla togliere agli altri, vince la palma di MVP dell'album). I tre ottimi singoli possono essere per voi un ottimo esempio della proposta dei Fractal Generator, e tra questi spicca a nostro avviso "Contagion", ma è con pezzi come "Serpentine", "Pendulum" e Chaosphere" che possiamo sentire i Fractal Generator al pieno della loro forma. La produzione praticamente perfetta è la ciliegina sulla torta di un lavoro che riesce anche a superare il proprio predecessore; "Macrocosmos" è il primo grande album Death Metal uscito nel 2021 e gli autori di quest'opera sono a nostro avviso da annoverare tra le più impressionanti realtà dell'underground Death oggigiorno. Possiamo solo sperare che possano d'ora in avanti prendersi un po' meno tempo per realizzare materiale nuovo, che da loro c'è da aspettarsi solo grandi cose.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Hard rock classico, onesto e ricco di passione nella proposta di Siggi Schwarz!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una buona prova per i francesi Wintereve in questo loro secondo album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Gravesend: Darkthrone meets Bolt Thrower
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Epica: la "Teoria del punto Omega"
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Simulacrum: forse troppa carne al fuoco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Embrace Of Souls: un disco imperdibile per ogni appassionato del power metal!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla