A+ A A-
 

Al debutto il prog metal degli Arcana! Al debutto il prog metal degli Arcana! Hot

Al debutto il prog metal degli Arcana!

recensioni

gruppo
titolo
Letters From A Lost Soul – Act I: The World One Forms
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. Letters From A Lost Soul
2. Wings
3. Tailwind
4. Octosun/Wings (Reprised) 

Line up:
Rogan McAndrews – Chitarre, Basso, Voce, Synth (personaggio di Damian)
Anna Draper – Voce (personaggio di Hope)
Deyson Thiara – Batteria

opinioni autore

 
Al debutto il prog metal degli Arcana! 2021-01-18 12:59:37 ENZO PRENOTTO
voto 
 
2.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    18 Gennaio, 2021
Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I canadesi Arcana fanno capo al polistrumentista e compositore Rogan McAndrews che, dopo un primo singolo, decide di comporre e pubblicare la sua prima opera di questo progetto, ovvero un EP di quattro tracce chiamato "Letters From A Lost Soul –Act I: The World One Forms". Si tratta, come prevedibile, della prima parte di un concept che si dipana in un’atmosfera musicale decisamente elaborata e non di immediata classificazione. Di base c’è un progressive metal di impronta molto moderna, quindi molta tecnica e melodie piuttosto marcate, ma ci sono anche altre soluzioni non così intuibili.

Questa autoproduzione verte su quattro tracce ed ognuna di queste merita un piccolo approfondimento, data la moltitudine di elementi che le contraddistinguono. La prima traccia apre la storia con “Letters From A Lost Soul”, una intro dal sapore fiabesco e sinfonico, per poi andare al sodo con la successiva “Wings” dove si pone l’accento sulla componente tecnica (seppur per fortuna non esasperata), dati i numerosi cambi di tempo inframmezzati da deliziosi tocchi melodici. Seppur le idee siano interessanti, complice anche la sfiziosa sezione orchestrale nel finale, qualcosa non convince e l’ascolto non è così fluido, come se i numerosi pezzi della traccia non combaciassero al meglio. Si avverte un senso di smarrimento, come non ci fosse un’idea così chiara e la sensazione è avvalorata dalle due rimanenti tracce, a partire da “Tailwind”; qui il riffing si fa più rock e compare anche una voce femminile (che incarna uno dei personaggi) ad opera di Anna Draper, la cui ugola molto pop non riesce però a colpire, causa il suo essere grezza e forse troppo timorosa. A peggiorare le cose ci si mette un growl totalmente fuori luogo che ricomparirà sporadicamente anche nella finale, e decisamente lunga, “Octosun Wings (Reprised)”. Qui convergono tutti gli elementi musicali del progetto quindi molta tecnica, qualche boccone di sperimentazione (data dai synth e da un uso leggero dell’elettronica), parti estreme ed un alone di oscurità. Anche in questo caso però la situazione procede ad intermittenza, con cali di attenzione (dovuti anche alle soporifere e fiacche clean vocals maschili) ed improvvisi colpi di coda molto raffinati, come il lavoro di batteria di Deyson Thiara ed uno stile chitarristico molto dinamico. I suoni, pur essendo limitati a causa di una produzione DIY, sono abbastanza buoni e tutti gli strumenti sono abbastanza valorizzati, ma è più in campo compositivo che si avvertono i difetti. C'è ancora molto da lavorare sulla scrittura ed un pizzico di convinzione in più non guasterebbe nell’ambito dell’esecuzione.

Lavoro discreto, ma con delle buone potenzialità che si spera vengano fuori con i lavori successivi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una buona prova per i francesi Wintereve in questo loro secondo album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Gravesend: Darkthrone meets Bolt Thrower
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Epica: la "Teoria del punto Omega"
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Simulacrum: forse troppa carne al fuoco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Embrace Of Souls: un disco imperdibile per ogni appassionato del power metal!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un 'best of' in versione semi acustica per gli storici rockers tedeschi Bonfire
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla