A+ A A-
 

Quarto capitolo in casa Be The Wolf Quarto capitolo in casa Be The Wolf

Quarto capitolo in casa Be The Wolf

recensioni

titolo
Torino
etichetta
Scarlet Records
Anno

Tracklist:
1. Undefeated
2. April
3. Failures
4. Teenage Mutants
5. Stay Awake
6. Pretty Little Things
7. Cinnamon
8. Torino
9. Sorry Not Sorry
10. Dancing Rhinos

Line up: 
Federico Mondelli - vocals, guitars 
Marco Verdone - bass 
Paul Canetti - drums

opinioni autore

 
Quarto capitolo in casa Be The Wolf 2021-01-19 08:08:36 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    19 Gennaio, 2021
Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tornano in pista i Be The Wolf con il loro quarto disco in carriera. “Torino”, titolo scelto per questa release nonché città di origine del gruppo, arriva dopo due anni dal precedente “Empress”.

Il trio piemontese torna un po' alle origini con un rock-pop elegante e settantiano con dieci brani dalla breve durata che colpiscono grazie a melodie immediate ed arrangiamenti raffinati che si esprimono al meglio soprattutto nell'accoppiata iniziale formate delle catchy songs “Undefeated” e “April”. Federico Mondelli (Frozen Crown, Volturian), leader della band, qui si occupa anche delle parti vocali e la sua chitarra prende maggiormente forza nei riff più rockeggianti di “Failures” e “Dancing Rhinos”, donando una buona dose di carica sonora. Insomma tutta la tracklist è gradevole ed è facilmente digeribile in poco più di mezz'ora di durata, ma l'impressione è che i Be The Wolf rispetto agli inizi abbiano perso l'effetto sorpresa e probabilmente anche un pizzico di ispirazione.

“Torino” è un lavoro piacevole ma che non aggiunge molto rispetto ai tre dischi precedenti e rischia di ripetersi leggermente.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gengis Khan, passione ed attitudine per l'heavy metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aeonblack: seguaci del buon vecchio heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helstar: un doppio cd che raccoglie le più recenti uscite
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ævangelist: ma non converrebbe continuare con un nuovo nome?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wizards of Hazards: nel segno della tradizione dark metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla