A+ A A-
 

Un po' troppo ispirato agli Insomnium il quarto album dei Dormanth Un po' troppo ispirato agli Insomnium il quarto album dei Dormanth Hot

Un po' troppo ispirato agli Insomnium il quarto album dei Dormanth

recensioni

gruppo
titolo
Complete Downfall
etichetta
Xtreem Music
Anno

PROVENIENZA: Spagna

GENERE: Melodic Death Metal

TRACKLIST:
1. Dreamcatcher
2. Fire
3. Tragicomic Day =OFFICIAL VIDEO= 
4. Beyond the Gates
5. Odyssey in Time
6. The Origin
7. Dark Times for the God's Creation
8. -273° K (instrumental)
9. Brainstorm
10 . Crystal Bone
11.Bloody Scars

LINE-UP:
Oscar Del Val – Vocals/Guitars
Jokin Andres – Guitar
Isma Fernandez – Bass
Javi Martinez – Drums

opinioni autore

 
Un po' troppo ispirato agli Insomnium il quarto album dei Dormanth 2021-01-24 17:27:27 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    24 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra ispirazione ed mera emulazione c'è una linea molto sottile, talvolta impercettibile. Spesso ci troviamo di fronte a band qualitativamente e tecnicamente valide ma che, ahimè, ti fanno esclamare "ma questo l'ho già sentito!". E ciò, chiaramente, porta con sé lo sgradito effetto di relegare il gruppo in questione tra la marea di tante altre realtà presenti che si attestano sulla sufficienza politica e nulla di più.
Ecco, questa, purtroppo, è la sensazione che ho avuto nell'ascoltare "Complete Downfall", il quarto album degli spagnoli Dormanth, che giungono al ventisettesimo anno di vita -con una pausa dal 1995 al 2016- promuovendo quello che, a conti fatti, risulta essere un ottimo melodic death suonato a mestiere ma che, come dicevo più su, fin troppo simile al sound dei ben più importanti e famosi Insomnium. Al di là di quello che è l'apparato tecnico e qualitativo, a mio avviso perfetto, la vera nota dolente di questo disco è il richiamo fin troppo esplicito ai succitati finnici. Il resto viene da sè, purtroppo. Se quindi da un lato il quartetto spagnolo si mostra in gran forma grazie ad un album ben lavorato, godibile, incalzante e per nulla noioso, dall'altro mi tocca ammettere che tutto ciò sia frutto di un'idea che di certo non dipende da loro, o comunque molto poco. Devo sicuramente riconoscere le splendide melodie e ritmiche che creano quell'atmosfera death/doom alla Paradise Lost: queste mi hanno letteralmente stregato e non ho potuto fare a meno di riascoltare più e più volte alcuni passaggi molto espressivi. Tuttavia ciò si è rivelato un fuoco di paglia, perché l'eccessivo richiamo alle sonorità degli Insomnium è sempre dietro l'angolo e non mi permette di giudicare i nostri per quello che sono. Ma tant'è; non posso esimermi dal far notare questo fin troppo spiccato rimando che, come dicevo all'inizio, ha superato il confine che c'è tra ispirazione ed emulazione. Purtroppo l'ago della bilancia pende più su quest'ultima. Se dovessi giudicare il quarto album dei Dormanth da un punto di vista tecnico mi inchinerei. Ma avrei molto da ridire sul versante originalità, la vera nota dolente -perfino la voce ricorda molto da vicino quella di Niilo Sevänen-. Il mio consiglio è cercare una strada più personale, riascoltandosi e cercando di capire dove porre un freno e dove, al contrario, spingere. In bocca al lupo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Troppe influenze varie rendono un po' dispersivo questo secondo album degli Iron Flesh
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo elevata la durata complessiva del comunque buono primo album dei Malformity
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per la Death Metal band danese Shadowspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per gli Achelous che anticipa l'uscita del prossimo full-length
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un live monolitico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da Torino, un hard rock classico e davvero ben fatto grazie ai Red Giant
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il relax della deprivazione sensoriale offerta dagli Aphonic Threnody
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra band nata dall'annata pandemica: debut EP per i Sumen
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla