A+ A A-
 

Arriva il lavoro più introspettivo dei Lake Of Tears! Arriva il lavoro più introspettivo dei Lake Of Tears! Hot

Arriva il lavoro più introspettivo dei Lake Of Tears!

recensioni

titolo
Ominous
etichetta
AFM Records
Anno

Tracklist:
1.At The Destination
2.In Wait And In Worries
3.Lost In A Moment
4.Ominous One
5.Ominous Too
6.One Without Dreams
7.The End Of This World
8.Cosmic Sailor
9.In Gloom

Line up:
Daniel Brennare: Voce, Chitarra, Tastiere

opinioni autore

 
Arriva il lavoro più introspettivo dei Lake Of Tears! 2021-02-07 13:49:30 ENZO PRENOTTO
voto 
 
4.0
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    07 Febbraio, 2021
Ultimo aggiornamento: 07 Febbraio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non ci si aspettava il ritorno del progetto svedese Lake Of Tears, dato che l’ultima uscita discografica risale al lontano 2011. Molti sono stati i cambiamenti in seno alla band sia a livello di formazione che a livello di sound. Per quanto riguarda la line up rimane solamente il fondatore Daniel Brennare ed anche la musica, nonostante negli anni non sia mai stata statica, è diventata decisamente più intimista ed influenzata anche da correnti diverse del metal in senso stretto. Il nuovo album "Ominous" risente anche di una situazione psicologica/fisica di Daniel non molto positiva a causa depressione e malattie non meglio specificate. Il tutto ha portato ad un disco particolare, che si delinea come un ipotetico concept personale traboccante di un malessere interiore che andrà esorcizzato tramite la musica proposta.

Fin dai primi secondi si finisce immersi fino al collo in un’atmosfera glaciale, schizofrenica e malata come una metropoli gotica che emana suoni e rumori. Le tastiere in tal caso si fanno quasi post-apocalittiche e la chitarra di Daniel si fa aspra e greve (“At The Destination”) e non va mai sopra le righe preferendo concentrarsi sull’accompagnamento ritmico come l’accoppiata deflagrante di basso e sei corde di “Ominous One” con i suoi marziali beat, oppure l’imponente tragicità di “One Without Dreams”, segnata da pennellate elettroniche decisamente oscure. Ma questa è solo una piccola parte del complesso lavoro che sta dietro al disco. Ovviamente ricompare anche il doom nella pessimista “Lost In A Moment” (i richiami ai Candlemass sono lampanti), ma fanno capolino anche situazioni non così prevedibili come l’elettronica opprimente, il post-punk stridente di “The End Of This World”, la psichedelia gonfia di tenebre del depresso viaggio “Cosmic Sailor”, in cui l’esile voce del musicista butta fuori i suoi demoni. Diverse le ballad presenti come l’acida “Ominous Too” o la leggermente più serena e finale “In Gloom”, oppure anche l’affresco sonoro a nome “In Wait And In Worries”, con quei paesaggi spogli e grigi gonfi di malinconia che ricordano anche i lavori solisti di Steve Von Till per quell’uso scheletrico delle melodie. Il bello del disco è il suo essere vario e dal giusto minutaggio, senza che l’ascoltatore corra il rischio di annoiarsi. Seppure manchi la band (ed in effetti a volte si sente la mancanza di strumentisti che facciano di più la differenza), Daniel riesce a confezionare qualcosa di passionale, oscuro e minimalista senza bisogno di orchestre ma portando avanti un modo di fare musica che riporta alla mente bands come Anathema o anche Paradise Lost miscelandoli con David Bowie (periodo "Space Oddity") e l’oscurità teatrale dei Sister Of Mercy.

Un album perfetto per il clima attuale e per le giornate uggiose. In fondo servono anche dischi come questo per comprendere meglio i momenti di felicità. Consigliato!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Troppe influenze varie rendono un po' dispersivo questo secondo album degli Iron Flesh
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo elevata la durata complessiva del comunque buono primo album dei Malformity
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per la Death Metal band danese Shadowspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per gli Achelous che anticipa l'uscita del prossimo full-length
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un live monolitico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da Torino, un hard rock classico e davvero ben fatto grazie ai Red Giant
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il relax della deprivazione sensoriale offerta dagli Aphonic Threnody
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra band nata dall'annata pandemica: debut EP per i Sumen
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla